Cos’è il livello di chiusura di un’opzione

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Cos’è il livello di chiusura di un’opzione

Ogni opzione ha un livello di chiusura al momento della scadenza, che indica la posizione di chiusura dell’asset al momento della chiusura dell’opzione. Il livello di chiusura può essere “in the money” (genera profitto) o “out of money” (non genera profitto). Ogni asset con cui è stata aperta una posizione ha il proprio livello di scadenza. Scopri maggiori informazioni sul calcolo alla scadenza.

Il broker 24option,com offre una vasta gamma di strumenti nella propria piattaforma di trading in opzioni binarie, e inoltre fornisce una serie di spiegazioni estremmente utili per il trader che si avvicina al mondo delle opzioni binarie a digiuno. Come ricordato sopra esisono molte tipologie di opzioni come ad esempio in the money, out of money, o at the money. imparare a conoscere questi termini è molto importante soprattutto dal punto di vista pratico per non trovarsi spiazzati nel momento in cui ci troviamo in una determinata situazione di prezzo delle opzioni.

Quando un’opzione scade “in the money” la tua previsione si è rivelata corretta e generi così un ritorno dal tuo investimento iniziale. Un’opzione che scade “out of the money” non ha raggiunto il suo prezzo target e di conseguenza perdi il tuo investimento. Per esempio, un’opzione che scade “in the money” è un’opzione al rialzo che ha superato il prezzo target o un’opzione al ribasso che ha chiuso al di sotto del prezzo target. Un’opzione che chiude “out of the money” non ha soddisfatto le tue aspettative riguardanti il mercato.

La barriera nei certificati: cos’è? Quali tipi ne esistono?

Nella presente trattazione vogliamo andare a fondo sul significato di barriera nei certificati, scoprendo quali tipi esistono e corredando il tutto con un esempio applicativo.

I certificati sono strumenti derivati di finanza strutturata nel senso che il tutto, ossia il certificato, è costituito dalla somma di tante piccole parti elementari: per fare un’analogia con la fisica è come se ogni opzione di cui è composto il certificato costituisse un atomo del corpo del prodotto in questione.

Acquistando un certificato si acquista quindi una strategia in opzioni scritte sul sottostante a cui fa riferimento il certificato: per fare un esempio del caso più facile possibile, un bonus è costituito da una call con strike pari a 0 per replicare il sottostante e da una put down and out con strike pari al valore di bonus e Knock Out pari al valore della barriera per garantire il pagamento del premio qualora il sottostante non tocchi la barriera; se poi si vuole aggiungere il cap che limiti la potenziale performance al rialzo allora occorre vendere anche una call con strike pari al cap.

Questo è il profilo di payoff a scadenza:

Cos’è una barriera e quali tipi ne esistono

Senza soffermarci sulla tipologia di opzioni con cui si costruiscono le barriere, discorso che diventerebbe troppo tecnico e che farebbe perdere il senso educativo della presente trattazione, basti pensare che ogni volta che c’è una barriera questa è costituita da un opzione che rende possibile condizionare il pagamento di un predeterminato importo ad uno specifico evento. È come se ogni condizione del contratto strutturato (strutturato perché appunto costruito) venisse tradotta matematicamente dall’opzione cui fa riferimento quella specifica condizione.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Tradotto in termini più semplici la barriera definisce un livello di prezzo del sottostante, stabilito all’emissione e pari ad una certa percentuale del valore di fixing iniziale del sottostante a cui si riferisce certificato, il cui tocco o superamento farebbe venire meno la protezione del capitale investito, oppure il pagamento del bonus o delle cedole.

Detto questo è possibile rintracciare due diversi tipi di barriera:

1. La barriera Europea

Tale tipo di barriera viene anche detta discreta perché rilevata nel tempo discreto: in altre parole questo tipo di barriera viene rilevata in specifiche date di valutazione e non continuamente. Ad esempio la barriera sulle cedole viene rilevata solo alle date di valutazione delle cedole; la barriera sul capitale viene rilevata solamente alla data di valutazione finale e non durante tutto il periodo di vita del certificato

2. La barriera Americana

Tale tipo di barriera viene detta anche continua perché rilevata nel tempo continuamente: in altre parole basta che in un giorno qualsiasi di borsa aperta il sottostante tocchi la barriera per perdere il diritto al pagamento di un importo predeterminato. In tal caso ne esistono due sottotipi:

  1. Barriera continua intraday: questo tipo di barriera viene continuamente presa in causa dal certificato sottostante, essendo monitorata effettivamente in qualunque periodo di borsa aperta
  2. Barriera continua a chiusura: questo tipo di barriera viene monitorata in qualunque giorno di borsa aperta ma viene rilevata solamente sul prezzo di chiusura ufficiale del sottostante su cui è scritto il certificato.

Alcuni esempi

Esempio di barriere europee

Prendiamo fittiziamente a riferimento un ipotetico Cash Collect su Eni dal valore nominale di 100 euro (uguale al prezzo di emissione), emesso il 21/01/2020 e con scadenza il 24/01/2022 in cui ipotizziamo:

  • che il 20/01/2020 sia stato definito un livello di fixing iniziale del sottostante a 13,882 euro
  • che il fixing finale (ossia la data di valutazione finale) del sottostante venga determinato il 20/01/2022
  • che paghi cedole condizionate dello 0,6% mensile ossia 0,6 euro
  • che vi sia una barriera europea sul pagamento delle cedole pari al 70% del livello di fixing iniziale (ossia 9,7174 euro)
  • che vi sia una barriera per il rimborso anticipato posta al 100% del livello iniziale, che parte dal sesto mese in poi (con date di valutazione poste in corrispondenza di quelle del pagamento delle cedole)
  • che vi sia una barriera di protezione del capitale posta al 6o% del livello iniziale (8,3292 euro)

Per i primi 5 mesi il certificato paga una cedola se il valore del sottostante è pari o superiore a 8,3292 euro.

Per i successivi, dal 6° al 35° mese possono esservi i seguenti scenari:

  1. se il sottostante quota ad un livello pari o superiore al suo livello iniziale il certificato paga la cedola mensile di 0,6 euro e scade anticipatamente rimborsando il valore nominale di 100 euro
  2. se il sottostante quota ad un livello inferiore a quello iniziale ma comunque pari o superiore a 9,7174 euro il certificato paga la cedola e la vita del prodotto continua
  3. se il sottostante quota ad un livello inferiore a 9,7174 euro il certificato non paga la cedola e prosegue nella sua vita residua.

Al 36° mese, alla data di scadenza sono possibili 3 scenari:

  1. se alla data di valutazione finale il sottostante quota ad un livello pari o superiore a 8,3292 euro il ceritifcato paga la cedola e rimborsa il valore nominale
  2. se invece è inferiore a 8,3292 euro ma pari o superiore al 9,7174 euro il certificato rimborsa il valore nominale
  3. se ancora è inferiore a 9,7174 euro, ossia al 60% del valore iniziale, allora il certificato replica linearmente l’andamento del sottostante, rimborsando un importo inferiore a 60 euro e calcolato moltiplicando il valore nominale per la performance negativa di ENI (determinata come rapporto fra valore finale e valore iniziale)

Esempio di barriera americana

Si consideri fittiziamente un certificato bonus con cap pari al premio su Eni e stesse caratteristiche di emissione del precedente: stessa data di emissione, stesso strike, stesse date di valutazione finale e scadenza e stesso valore nominale. In tal caso il pagamento del bonus pari al 107% del valore nominale, così come la protezione del capitale, sono vincolati alla tenuta della barriera americana intraday pari al 60% del livello di fixing iniziale.

A scadenza sono possibili due scenari:

  • se nel periodo di osservazione della barriera (di norma dalla data di valutazione iniziale alla data di valutazione finale) il sottostante non è mai sceso sotto la barriera il certificato paga il bonus di 107 euro.
  • in caso contrario si perde diritto al bonus e il certificato rimborsa un importo pari al massimo fra il valore di bonus ed il valore nominale moltiplicato per la performance del sottostante (data dal livello finale in rapporto al livello iniziale)

Opzione (definizione)

È necessario fare una distinzione tra cosa significa negli investimenti in generale e cosa significa quando fai trading con IG.

Negli investimenti in generale

Un’opzione* è uno strumento finanziario che offre il diritto (ma non l’obbligo) di acquistare o vendere un bene a un prezzo prestabilito in un periodo di tempo predeterminato.

Ha forma di contratto tra un venditore e un acquirente. Il prezzo al quale l’acquirente può esercitare l’opzione è chiamato prezzo di esercizio.

Esistono due tipi di opzioni:

  • call, dà al detentore (acquirente) la possibilità di acquistare il sottostante a un prezzo di esercizio prefissato
  • put, dà al detentore la possibilità di vendere un asset al prezzo di esercizio prefissato

Nel trading con le opzioni, il venditore dell’opzione realizza un profitto se il prezzo dell’asset sottostante non supera (call) o non scende sotto (put) il prezzo di esercizio. In tal modo incassa solo il premio pagato dall’acquirente.

Il detentore realizza un profitto superiore all’ammontare del premio inizialmente pagato, se il prezzo del bene sottostante supera o scende sotto il prezzo di esercizio.

Le opzioni sono scambiate in lotti e la dimensione del lotto varia a seconda del tipo di opzione. Nelle opzioni su azioni, ad esempio, ogni contratto vale 100 azioni del titolo sottostante.

Le opzioni possono essere utilizzate sia per speculare sui movimenti del mercato, sia a scopo di copertura sulle posizioni già aperte.

Attraverso i CFD hai la possibilità di operare sulle opzioni di diversi strumenti finanziari.

Scopri di più

Scopri la nostra offerta sulle opzioni.

* Le opzioni sono disponibili solamente sui conti professionali.

Siamo disponibili dal lunedì al venerdì, dalle 09:00 alle 19:00 (CET) al numero verde:

In alternativa puoi scriverci all’indirizzo email [email protected]

Mercati

Trading

Piattaforme e app

Analisi di mercato

Contatti

Non cliente: 800 897 582 oppure [email protected]

Programma di collaborazione: contattaci

Fare trading comporta dei rischi. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita.

Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio.

Le perdite dei clienti professionali possono eccedere i loro depositi.

I conti CFD sono offerti da IG Markets Ltd; i conti CFD, opzioni e certificati sono offerti da IG Europe GmbH. IG è un marchio registrato. IG si riferisce a IG Markets Ltd e IG Europe GmbH. IG Markets Ltd (una società registrata in Inghilterra e Galles al n. 04008957, con sede legale a Cannon Bridge House, 25 Dowgate Hill, London, EC4R 2YA) è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority di Londra al n. 195355 ed è iscritta al Registro delle Imprese di Investimento Comunitarie con Succursale tenuto dalla CONSOB al n. 72. P. IVA 06233800967. IG Markets Ltd Filiale Italiana ha sede in Via Paolo da Cannobio 33, 20202 Milano. IG Europe GmbH (una società costituita nella Repubblica Federale di Germania e iscritta al Registro delle Imprese di Francoforte al n. HRB115624, con sede legale a Westhafenplatz 1, 60327 Francoforte) è autorizzata e regolamentata nella Repubblica Federale di Germania dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht e dalla Deutsche Bundesbank al n. 148759 ed è iscritta al Registro delle Imprese di Investimento Comunitarie con Succursale tenuto dalla CONSOB al n. 170. P. IVA 10372620962. IG Europe GmbH Filiale Italiana ha sede in Via Paolo da Cannobio 33, 20202 Milano, Italia.

Le informazioni contenute nel presente sito non sono dirette a soggetti residenti negli Stati Uniti d’America o in Belgio o in qualsiasi altro paese al di fuori dell’Italia. Le informazioni contenute nel presente sito non sono destinate né intese alla distribuzione, o all’utilizzo da parte di soggetti residenti in una giurisdizione o paese in cui tale utilizzo o distribuzione sarebbero contrari alla legge o normativa locale applicabile.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Quanto puoi guadagnare con le opzioni binarie?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: