Dell nei guai per colpa dei tablet

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Dell: nei guai per colpa dei tablet

I tablet e gli smartphone, oggi, cumulando un gran numero di funzioni, riescono a supplire in modo facile anche i computer desktop. Chi lavora sfruttando dei servizi di cloud computing, ad esempio, sa che con un cellulare evoluto con connessione dati, può accedere ai suoi documenti praticamente sempre e ovunque.

Insomma, chi decide di comprare un tablet o di rendere performante il proprio smartphone, ha già fatto una scelta di vita e inconsciamente pensa di abbandonare una volta per tutte i computer desktop. Le aziende che quindi si sono concentrate sul perfezionamento di questo genere di prodotti, oggi si trovano in difficoltà.

Non è uno scenario “futuribile”, ma è quello che sta accadendo, ad esempio, all’azienda americana Dell, considerata da sempre un colosso dei computer. Vuoi per il rallentamento del settore tecnologico, vuoi per la concorrenza spietata delle aziende che producono smartphone e tablet, oggi gli analisti si trovano di fronte al crollo degli utili trimestrali.

Un risultato che sembra, almeno in apparenza, non andare d’accordo con i 14,5 miliardi di ricavi che sono comunque superiori alle stime degli analisti. Per scommettere, quindi, bisogna diversificare l’analisi e puntare da un lato su ricavi superiori al previsto, usando un range che è diverso da quello degli analisti e dall’altro occorre individuare il trend di lungo periodo che parla comunque di una flessione.

Dell: nei guai per colpa dei tablet

Fugatti: “Sulle mascherine

diffusi video con fake news

le nostre sono certificate”

+++ ANCORA 12 MORTI DI CUI 10 IN RSA +++

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Da domani riaperture di cartolerie e negozi per bimbi

Fugatti: “Valutiamo qualche libertà di movimento “

Ricciardi: “Troppo presto per la fase 2

si rischia una seconda ondata”

Le ha sparato una fucilata

in testa mentre dormiva

perché lei voleva lasciarlo

Trento

Addio a Mara Pedrotti, 41 anni

Malore improvviso in casa

Dolomiti

Raro rettile fossile

rinvenuto sulle Dolomiti

Alto Adige – Südtirol

Alto Adige: altri 6 morti

per un totale di 245

e 55 nuovi positivi

Rovereto

Il primario di rianimazione:

«Mai dovuto decidere

chi intubare e chi no»

Ultime dai territori

Alto Adige: altri 6 morti

per un totale di 245

e 55 nuovi positivi

Arco: festa di laurea

in villa a bordo piscina

multate sette persone

Addio a Mara Pedrotti, 41 anni

Malore improvviso in casa

Esplode il flacone di alcol

Donna ustionata in casa

Calcio

Ritiri, test, docce in camera

ecco il protocollo per ripartire

Basket

Messina: «Siamo davanti al virus,

ma la partita non è ancora finita»

Volley

La Fipav va al contrattacco:

dalle Leghe richiesta di chiudere

Sport invernali

Moioli: la mia Coppa a tutti i nonni

che non ce l’hanno fatta

Ultime notizie

viola la quarantena

Ritiri, test, docce in camera

ecco il protocollo per ripartire

Messina: «Siamo davanti al virus,

ma la partita non è ancora finita»

Totti: «Finché c’è Pallotta

non metto piede a Trigoria»

Agenda

Maria Devigili: “A Las Vegas suonando in streaming”

Musica

“One World together”: evento

voluto da Lady Gaga

per medici e infermieri

Spettacoli

Roberto Bolle, sulle punte in quarantena

Cultura

World Press Photo: vince il giapponese Chiba

Ultimi eventi

“One World together”: evento

voluto da Lady Gaga

per medici e infermieri

L’importanza del testamento:

preti, medici e notari

al capezzale degli appestati

World Press Photo: vince il giapponese Chiba

Maria Devigili: “A Las Vegas suonando in streaming”

Lifestyle

Manhattan senza traffico:

le strade come piste

“Fast and Furious”

La beauty farm in casa tua:

cinque ricette di bellezza

con uova e cioccolato

Gossip

Vip, cantanti e calciatori

il coronavirus non risparmia

il jet set di tutto il mondo

Social

Co-watching e lotta alle fake news: ecco le novità Instagram

Ultime novità

La Sat questa estate vuole riaprire i rifugi

“Faremo il possibile per garantire

l’ospitalità con saggezza”

Le monete veicolano meno microbi delle banconote

Manhattan senza traffico:

le strade come piste

“Fast and Furious”

La Nasa pronta al primo volo umano dopo lo Shuttle

Diario di una mamm.

AvantGardin

In poche parole

Editoriali

Diario di una mamm.

Notre Dame: un anno fa l’incendio della cattedrale di Parigi

Territori

L’incursione di M49 in val dei Mocheni

Che disastro a malga Cambroncoi

Sport

#iorestoacasa: Letizia Paternoster

Eventi

Il Red Carpet agli Oscar

Ultime notizie

#iorestoacasa: Letizia Paternoster

Notre Dame: un anno fa l’incendio della cattedrale di Parigi

Le immagini dal reparto di terapia intensiva Covid di Rovereto

In Edicola

Speciali

Iniziative Editoriali

app.png

Ho già un account su l’Adige.it

Cerca nell’archivio dell’Adige.it

Tu sei qui

Truffatore di parroci per colpa del gioco

Si fingeva nei guai per avere soldi: condannato

Gio, 13/02/2020 – 05:52

La vittime predilette delle sue truffe sono i preti, per vocazione disponibili ad aiutare una persona in stato di necessità. Ma dietro al presunto bisognoso talvolta si cela un truffatore. Lo ha imparato a sue spese don Ernesto Fedrizzi, del decanato di Fondo, che oltre 4 anni fa si era attivato per aiutare un fantomatico parrocchiano rimasto vittima di un incidente stradale.

In realtà si trattava di una truffa. L’altro ieri il responsabile, un 39enne di Civitanova Marche, è stato condannato a 2 mesi e 20 giorni di reclusione.

L’imputato, difeso dall’avvocato Marcello Paiar, ha beneficiato del minimo della pena nonostante numerosi precedenti perché ritenuto solo parzialmente capace di volere in quanto affetto da una grave forma di ludopatia. Secondo la perizia dello psichiatra Eraldo Mancioppi, l’uomo è anche socialmente pericoloso e dunque il giudice ha disposto anche l’assegnazione ad una comunità di recupero per non meno di 6 mesi.

Il rischio infatti è che l’imputato, malato di gioco d’azzardo, torni davanti alle slot machines e dunque torni a truffare per procurarsi il denaro.

«Vi è un concreto collegamento eziologico – scrive il perito – tra il disturbo patologico diagnosticato nel (omissis) e la condotta criminosa perpetrata ai danni del sacerdote: ha agito illegalmente per poter ottenere denaro per proseguire nella sua dipendenza del gioco.

Il denaro non è il fine del gioco, bensì il mezzo per poter giocare ancora «quando truffo i preti so quello che sto facendo ma non posso farne a meno perché mi servono i soldi per giocare. non penso alle conseguenze. mi servono i soldi. ».

La effettiva capacità di autodeterminazione del (omissis) è fortemente ridotta per cui il perito ritiene che si possa applicare nel suo caso la diminuente del vizio parziale di mente».
I fatti oggetto del processo risalgono al 22 settembre del 2020. Quel pomeriggio il sacerdote ricevette sul suo cellulare una chiamata da un numero sconosciuto. L’interlocutore si presentò come Lorenzo F. (nome risultato poi di fantasia) che abitava a Sanzeno.

Per accreditarsi come membro attivo della comunità, l’uomo aggiunse di essere muratore a Coredo e di essere sposato con una parrucchiera.

Aggiunse infine che era stato lo stesso sacerdote a dargli in passato il suo numero di telefono. Fatta questa premessa, il misterioso interlocutore raccontò di essere in gravi difficoltà. Disse di essere rimasto vittima di un incidente stradale nei pressi di Montichiari chiedendo in prestito 680 euro per ritirare la sua automobile. Don Ernesto non ricordava con precisione chi fosse quel presunto muratore di Coredo, ma decise comunque di aiutare la persona il difficoltà. Il sacerdote non aveva tutto quel denaro contante in tasca. Chiese un prestito ad un negoziante di Ronzone e poi si recò in un bar di Fondo dove il titolare lo aiutò a fare due ricariche su due carte PostePay che il presunto automobilista in difficoltà aveva indicato. Denaro che non venne mai più restituito.

italianosemplicemente

Impara a comunicare in Italiano. Semplicemente.

I guai: vocabolario, verbi ed espressioni

Audio

Trascrizione

Buongiorno amici e benvenuti in questo nuovo episodio di Italiano Semplicemente, chi vi parla è Giovanni, la voce principale del sito.

Oggi vorrei venire incontro alla richiesta di Alexandre che mi ha consigliato di affrontare l’argomento guai.

Saluto Alexandre e lo ringrazio perché quello dei guai è un tema simpatico e molto ricco di espressioni italiane.

Ma cominciamo dalla definizione della parola guai. Guai, che è il plurale di guaio. Cos’è un guaio? Un guaio è un pasticcio, cioè qualcosa di sbagliato che è successo e che ha provocato delle conseguenze negative.

Questo avvenimento, questa cosa che è accaduta è stata quindi provocata, causata, da qualcuno o da qualcosa (più spesso da qualcuno) e ha provocato, ha causato, ha determinato delle conseguenze, delle conseguenze negative, altrimenti non si parlerebbe di guaio. La parola guaio è una delle poche parole che, nella lingua italiana, ha quattro vocali in fila, come aiuola.

È una parola che si usa soprattutto in famiglia e tra amici, sto parlando di guaio, quindi rientra nel vocabolario informale, nel linquaggio quotidiano di tutti gli italiani di ogni area geografica, ma non c’è nulla di male ad usare questa parola al lavoro. Il guaio solitamente non è usato per cose molto gravi, dalle conseguenze disastrose. I bambini solitamente sono la categoria di persone che fanno più guai.

Se due bambini giocano con una palla e rompono un vetro, ebbene hanno appena COMBINATO un guaio.

Combinare un guaio è quindi la frase che si usa nel caso siano guai provocati da bambini. Combinare dei guai è quindi provocare dei guai.

Chi ha provocato questo guaio?

È stato Emanuele!

Non è vero è stata lei!

Adesso bisogna sostituire il vetro! Per penitenza un mese senza tablet! E cercate di combinare altri guai!

Quindi provocare un guaio solitamente non è mai gravissimo. Sicuramente non c’è mai di mezzo la vita di una persona. In quel caso si provoca piuttosto un disastro, un incidente, un atto criminale, un episodio di violenza, o anche una calamità naturale come un terremoto, un uragano eccetera. Un guaio è meno grave.

Combinare quindi è il verbo che si abbina più frequentemente con i guai.

Chi combina molti guai si dice che ne combina di tutti i colori. Cioè fa un sacco di guai. Molti bambini in effetti ne combinano di tutti i colori. Quando si parla di questi bambini solitamente si usa una espressione tipica: ne ha combinata una delle sue. Cioè ha combinato un altro guaio, uno di quei guai che combina solitamente. Ne ha combinata una delle sue. Si usa il femminile, come si fa solitamente nella lingua italiana in questi casi: farla pagare, farla scontare, l’hai fatta grossa, eccetera.

Se invece mi rivolgo direttamente alla persona dico: ne hai combinata una delle tue? Ed ovviamente parlando di me stesso posso dire che ne ho combinata una delle mie. Quindi la particella “ne” si usa spesso con i guai e con combinare: combinarne di tutti i colori, ne hai combinata una delle tue, quante ne hai combinate oggi?

INCASINARE è un altro verbo che ha dei legami con i guai. È un verbo questo che si usa sia in modo transitivo, che in modo riflessivo. Nel primo caso bisogna specificare cosa viene incasinato: ad esempio ‘incasinare il tavolo “,” incasinare l’appartamento ” che vuol dire creare uno stato di confusione, quindi un appartamento incasinato è disordinato, le cose non stanno al loro posto e c’è molta confusione. C’è un “casino”. Non si tratta di guai in questo caso ma di confusione, e la stessa parola “casino” è un modo familiare di descrivere una situazione confusa e disordinata.

In modo riflessivo invece è incasinarsi, che ha due significati simili tra loro. Il primo non cambia rispetto a prima: incasinarsi significa trovarsi in uno stato di confusione. Mi sono incasinato mentre stavo scrivendo un documento significa ad esempio che non sono rimasto concentrato, mi sono distratto ed ho fatto un po’ di confusione, ho confuso delle cose, ne ho scambiata una per un’altra quindi ora devo correggere, quindi ho fatto un guaio, un errore che devo riparare.

Il secondo significato di incasinarsi è invece riferito alla propria situazione personale, quindi è più grave. In questo caso significa trovarsi nei guai per colpe proprie, trovarsi in una situazione difficile da risolvere per aver fatto dei gravi errori. Ad esempio se parlo con un amico e gli chiedo: come va?

Lui potrebbe rispondere:

“mi sono veramente incasinato ultimamente.”

Ho perso il lavoro e non so come fare per andare avanti.

In questo esempio il mio amico si è messo in una situazione difficile, dalla quale vorrebbe uscire. È incasinato. Si è incasinato, ha commesso degli errori gravi per la sua vita.

Si riferisce quindi alla sua situazione attuale. I guai questa volta sono guai seri. “Sono nei guai”, oppure “mi trovo in guai seri ” questa poteva essere la risposta del mio amico. Essere nei guai, trovarsi in guai Seri”, “trovarsi nei guai” o “essere incasinati”, è ben diverso da combinare un guaio.

Il mio amico è incasinato, e si è incasinato da solo. È sua la colpa. Si tratta in qualche modo anche in questo caso di confusione, ma la confusione si riferisce alla sua vita, che non ha più un futuro sicuro ora che ha perso il lavoro. Si trova veramente nei guai.

Fortunatamente ha un buon amico che lo aiuterà e non lo lascerà nei guai fino al collo.

Questa è la peggiore delle situazioni possibili: essere nei guai fino al collo dà l’idea di affogare, come se si fosse in mare e si stesse quasi per affogare.

Il mio amico è INGUAIATO, ma io lo aiuterò. Essere inguaiato è esattamente trovarsi nei guai, essere nei guai, e per dire che è per colpa sua posso dire che si è inguaiato, o che si è messo nei guai con le sue stesse mani. Più comunemente si usa però dire che si è CACCIATO nei guai.

“Cacciarsi nei gua” è ovviamente la frase generica, quindi applicata alle varie persone:

Io mi sono cacciato nei guai

Tu ti sei cacciato nei guai

Il mio amico si è cacciato nei guai.

Eccetera. Questa era però la forma al passato. Al presente diventa:

Io mi caccio nei guai,

Tu ti cacci nei guai,

Lui si caccia nei guai

Chi si caccia spesso nei guai non ha sicuramente una vita facile perché si tratta quasi sempre di “guai con la giustizia”, cioè di reati commessi o nell’ipotesi migliore di indagini che potrebbero concludersi con una condanna, una pena, una multa, cioè una pena pecuniaria. Se riferito agli adulti cacciarsi nei guai ha sempre a che fare con la giustizia, con i bambini invece si tratta di piccoli guai.

Tra gli adulti chi ha dei guai con la giustizia spesso finisce inevitabilmente per trovarsi nei guai fino al collo, dai quali è difficile uscire.

Come vedete non è facile usare le giuste espressioni: incasinarsi, essere incasinati, inguaiati, cacciarsi nei guai, combinare dei guai, combinarne di tutti i colori.

Soprattutto può essere difficile capire quando si parla di semplice confusione oppure di seri guai personali. Fortunatamente ci sono altri verbi che ci possono aiutare. Verbi simili a incasinare ed inguaiare ma che possono evitare disguidi.

In caso di semplice confusione posso anziché dire che “mi sono incasinato”, posso dire che mi sono IMPELAGATO, o anche IMPEGOLATO. In questo caso ci si perde, si rimane incastrati. L’idea è quella di rappresentare una situazione difficile da cui uscire. Impelagarsi in qualcosa è rimanere in una situazione senza uscirne con una soluzione.

Si usa anche col traffico: siamo rimasti impelagati nel traffico, cioè non riuscivamo ad uscire, ad andare avanti. Ma spesso si usa per rappresentare una confusione: stavo risolvendo il problema, poi mi sono impelagato, ho combinato un casino, un guaio che mi ha creato dei problemi e mi ci è voluto un po’ di tempo per risolverli.

Usando impelagato al posto di incasinato non rischiate di sbagliarvi. Impelagarsi è più leggero e meno impegnativo.

Riguardo ai sinonimi di guai, c’è PASTICCI, molto leggero come termine.

Combinare dei pasticci è identico a combinare dei guai, ma i pasticci sono solitamente meno gravi. I pasticci sono anche più usati in cucina: c’è il pasticcio di maccheroni, il pasticcio di verdure, ma questi sono piatti, non sono guai.

Fuori dalla cucina invece in generale i pasticci sono lavori male eseguiti, confusi. Il pasticcio dà più l’idea di confusione rispetto a guaio, sicuramente, quindi mettersi nei guai e mettersi nei pasticci è la stessa cosa ma con i pasticci sembra meno grave.

Ci sono anche ROGNA e BRIGA, altri due termini simili a guai.

Rogna è un termine che viene da una malattia della pelle, la rogna appunto. Si anche scabbia.

Nel linguaggio dei guai la rogna si usa spesso per dire “cercare rogne”, questa è la modalità più duffusa di usare il termine.

Che fai, cerchi rogne?

Questa è una frase che si può dire a chi ha un atteggiamento spavaldo, sfrontato, che sembra non interessarsi delle conseguenze dei suoi atti. Un atteggiamento provocatorio, di sfida:

“Non cercare rogne” , “ti consiglio di non cercare rogne”.

Rogne quindi si può usare al posto di guai, ma si usa anche al posto di problemi:

Ho una rogna da risolvere in ufficio che non mi fa stare tranquillo.

Le rogne sono problemi, cose delicate e potenzialmente molto dannose, e bisogna essere molto attenti con le questioni “rognose”.

Poi c’è brighe, una parola più gentile, meno forte rispetto a rogne. Sicuramente. Ma il concetto è il medesimo: una faccenda insidiosa, rischiosa, carico di rischio potenziale. Possiamo anche dire una ROTTURA DI SCATOLE, una SCOCCIATURA, che può portare solo guai.

Ecco, possiamo dire che le brighe e le rogne possono portare guai. Prima vengono le rogne e le brighe e poi i guai.

La stessa cosa vale per BEGHE, sinonimo più garbato di rogne e brighe.

Brighe è un termine usato in particolare in due espressioni molto usate e mai volgari ma assolutamente che vi consiglio di utilizzare.

La prima espressione è PRENDERSI LA BRIGA di fare qualcosa, o DARSI LA BRIGA che significa assumersi il compito di fare qualcosa. Assumendosi questo compito si prende un impegno non obbligatorio, e chi lo fa si assume la briga di farlo.

Io oggi mi sono preso la briga di spiegarvi il vocabolario dei guai. Una bella rogna, perché non è una cosa facile. Nessuno mi ha costretto, ho deciso io di prendermi la briga di farlo.

Una bella GATTA DA PELARE, si dice anche così. Quando ci si prende la briga di fare qualcosa molto spesso è una rogna, una brutta gatta da pelare, Una bega, ma non sempre. Nel caso di questo episodio ad esempio io mi sono preso la briga di spiegare con dovizia di particolari tutte le questioni che riguardano i guai, ma non c’è il rischio di guai in cui INCORRERE, a meno che faccia degli errori e qualche professore di italiano se ne accorga! Incorrere è un verbo che spesso si utilizza con i guai e con i problemi. Significa andare incontro ai guai.

La seconda espressione con briga è ATTACCARE BRIGA.

Attaccare briga significa provocare, iniziare a provocare, spesso con parole offensive, con insulti, spesso con le mani, spingendo, dando delle spinte con le mani ad un’altra persona. Cercare di litigare con qualcuno. Chi attacca briga è sicuramente uno che cerca rogne, che è a caccia di guai.

Spesso i bambini sono degli ATTACCABRIGHE tremendi e si cacciano continuamente nei guai. Normalmente gli ATTACCABRIGHE sono bambini che hanno avuto una infanzia difficile.

Credo che possiamo considerarci soddisfatti. Abbiamo sviscerato tutto il vocabolario dei guai, sperando che ne abbiate meno con la lingua italiana.

Riesco a capire i vostri problemi perché anch’io studio le lingue straniere, ma ogni lingua è diversa. Insomma possiamo dire che “i guai della pentola li conosce solo il cucchiaio che la mescola”. Proverbio che afferma che solamente chi ha un guaio, lo conosce bene. Non è possibile cercare di comprendere i guai degli altri se non ci sei passato anche tu nella tua vita.

È giunto il momento dell’esercizio di ripetizione. Ripetete dopo di me dopo aver fatto una donazione… Scusate volevo dire dopo aver ascoltato attentamente.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Quanto puoi guadagnare con le opzioni binarie?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: