Economia USA influenza l’USD

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Economia USA influenza l’USD

Il ForEX è sicuramente uno dei settori più frequentati da chi investe in opzioni binarie ma rappresenta anche uno dei terreni di scontro acerrimo tra gli investitori che fiutano le novità in termini di politica ed economia per interpretare i trend valutari.

Di questi tempi, sotto la lente d’ingrandimento c’è il fiscal cliff americano, che oltre a rappresentare una preoccupazione in termini economici, è anche da considerare la prossima sfida che Obama, il suo staff e tutti i cittadini americani, dovranno affrontare.

Prima di fallire occorre ingegnarsi nel trovare una soluzione. Come si fa a capire la gravità della situazione? Attraverso il monitoraggio dell’US Dollar Index, conosciuto con l’acronico USDX. Il burrone sull’orlo del quale si trova l’America, determina la scelta di un passo indietro importante, una stretta del portafoglio del valore di 600 miliardi di dollari.

Per attuarla, l’amministrazione Obama sa che sarà necessario un aumento delle tasse ma anche un taglio dei fondi per la spesa pubblica. Su questi due punti deve esserci un accordo anche tra i partiti che sono rappresentati nel congresso al fine di non bloccare l’iter delle riforme.

Repubblicani e democratici, però, hanno una visione diversa del mercato, benché il punto di partenza sia il medesimo: è necessario arrivare ad una riforma fiscale. Questa incertezza sta minacciando le quotazioni del dollaro e gli analisti prevedono un nuovo downtrend dell’USDX.

EUR / USD, l’influenza delle scelte di Trump e dell’incertezza italiana

La settimana che si appresta a terminare ha visto protagonista assoluto dello scenario internazionale ancora lui: Donald Trump. Il quale in pochi giorni è riuscito a mettersi ancora di più il mondo contro. Prima l’apertura dell’ambasciata americana a Gerusalemme, che di fatto sancisce il riconoscimento della città santa quale Capitale di Israele. Con tutte le critiche e i morti a Gaza che ne sono conseguiti. Poi il nuovo allontanamento dalla Corea del Nord, con l’incontro con Kim che potrebbe saltare. Infine la scelta di uscire dai trattati internazionali sul nucleare con l’Iran stabiliti nel 2020.

Sul fronte Euro, però sta giocando un ruolo importante l’Italia. E la sua incertezza politica. A quanto pare, il tanto temuto (dall’Ue) governo M5S-Lega si farà. E la Borsa ha già fatto capire di non gradire la cosa.

Come sta prendendo tutto ciò il cross più scambiato sul Forex EUR / USD? Lo vediamo di seguito.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

EUR / USD la situazione

La coppia EUR / USD è scambiata al rialzo intorno a $ 1.1830 al momento della scrittura, circa 70 pips sopra i nuovi minimi del 2020 di $ 1.1763 fissati mercoledì. Il driver principale rimangono i rendimenti del Tesoro USA a 10 anni che non mostrano segni di cedimento. Il benchmark globale ha toccato un massimo del 3,12%, il più alto in quasi sette anni, mentre i rendimenti delle altre scadenze si sono attestati sui livelli ultimi nel 2008 e 2009.

Ma mentre i rendimenti vanno in un’unica direzione, le valute sono più complesse. L’euro si sta riprendendo dai minimi dopo che i membri del governo italiano in arrivo hanno rimosso l’idea di non pagare un debito del valore di 250 miliardi di euro. Le intenzioni della Lega e del Movimento 5 stelle hanno pesato pesantemente sulla moneta comune, che si sta riprendendo dopo che l’idea è stata respinta. Negli Stati Uniti, i dati economici giocano un secondo o un terzo ruolo.

Mercoledì i permessi di costruzione e gli alloggi degli Stati Uniti si sono compensati l’un l’altro, mentre l’uscita industriale è stata leggermente superiore alle aspettative. Le aspettative per gli aumenti dei tassi, le crescenti esigenze di finanziamento del governo degli Stati Uniti e le questioni commerciali spingono più in alto le obbligazioni e sostengono il biglietto verde. Sul fronte commerciale, l’UE sta provando disagio con le ultime azioni americane. Un’esenzione permanente dalle tariffe su acciaio e alluminio deve ancora essere concessa all’UE dall’amministrazione Trump.

Inoltre, l’abbandono da parte di Trump dell’accordo con l’Iran non solo separa le due sponde dell’Atlantico politicamente ma anche economicamente. Gli Stati Uniti vogliono imporre sanzioni secondarie: proibire alle aziende che fanno affari con l’Iran di lavorare negli Stati Uniti. Airbus, il gigante costruttore di aeroplani, ne fornisce alcune parti negli Stati Uniti.

Se seguirà l’accordo per fornire all’Iran nuovi aerei, si troverà nei guai negli Stati Uniti. Ci sono altri esempi. L’UE sta pertanto considerando l’ipotesi di imporre tariffe agli USA in relazione alle mosse americane sull’Iran. Questo deterioramento potrebbe danneggiare tutte le economie, ma la zona euro è più vulnerabile. Le relazioni commerciali con gli Stati Uniti saranno probabilmente in cima all’agenda dei leader dell’UE che si incontrano oggi a Sofia, in Bulgaria.

Non ci sono punti dati significativi nella zona euro oggi. Negli Stati Uniti, il Philly Fed Manufacturing Index di maggio probabilmente rimarrà ottimista. Saranno pubblicati insieme alle richieste di sussidio di disoccupazione settimanali. In complesso, i rendimenti dei titoli statunitensi sono a sinistra, a destra e al centro. Il tema del commercio gioca un ruolo secondario e i dati vengono lasciati indietro. Mentre l’EUR / USD recupera dai minimi indotti dall’Italia, non ha ancora risposto al nuovo aumento dei rendimenti.

Nel frattempo, l’attuale aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro USA potrebbe continuare a sostenere l’USD e alla fine mantenere un coperchio su qualsiasi significativo rialzo, in particolare tra le questioni economiche europee. Nel corso della giornata, i rilasci economici statunitensi di secondo livello, le solite dichiarazioni settimanali di disoccupazione e Philly Fed Manufacturing Survey di maggio potrebbero aiutare gli operatori a cogliere alcune opportunità a breve termine.

Da un punto di vista tecnico, la mossa di recupero della coppia potrebbe essere attribuita ad alcune brevi coperture da condizioni di ipervenduto a breve termine ed è probabile che si confronterà con un nuovo rifornimento vicino alla metà degli 1.1800.

L’USD / JPY ha raggiunto i livelli più alti da gennaio e l’EUR / USD potrebbe seguire a diminuire.

EUR / USD analisi tecnica

La coppia EUR / USD sta ancora flirtando con il territorio oversold dato che la RSI è data a poco meno di 30. D’altra parte, Momentum rimane al ribasso e la coppia è molto al di sotto della media mobile a 200 giorni. La coppia sta intorno al livello $ 1.1822 che è stato lo swing basso del 9 maggio. Segue il nuovo minimo del 2020 a $ 1.1763 e i minimi di fine 2020 a $ 1.1715. Il punto 1,1915 era il minimo di gennaio e serve da resistenza. L’ultimo massimo da guardare è il 30 aprile a $ 1,2055.

Le inversioni del rischio delta in un mese EUR / USD (EUR 1MRR) sono scese a -0,8. Che è il livello più basso dal 22 febbraio, evidenziando l’aumento della domanda per gli euro put (scommesse al ribasso). Le inversioni di rischio si sono attestate a -0,5 il 14 maggio e a 0.0 il 17 aprile. L’aumento del premio di volatilità implicita per le put dell’euro, rappresentato dal calo delle inversioni di rischio da livelli neutri (0,0) a 0,80 nell’ultimo mese, suggerisce che gli investitori si stanno preparando per un calo più EUR / USD.

La coppia ha raggiunto il minimo di cinque mesi a 1,1763 ieri e l’ultima volta è stata scambiata a 1,1828. Il calo delle inversioni di rischio (aumento della domanda per le put dell’euro) indica che il rally correttivo sarà probabilmente di breve durata.

EUR / USD, altri segnali che fanno credere in un ribasso

La sessione di lunedì scorso ha svelato la debolezza dei tori valutari, che è stata utilizzata senza pietà dagli avversari durante il trading di ieri. Grazie all’attacco dei venditori, la coppia EUR / USD ha toccato un nuovo minimo del 2020, ma vedremo ulteriori cali nei prossimi giorni?

I tori valutari hanno confermato la loro debolezza, il che ha provocato un pullback e un ritorno alla zona verde. Inoltre, all’inizio di oggi, lo stocastico oscillatore ha generato un segnale di vendita, il che suggerisce che il peggio potrebbe non essere ancora passato e un’altra mossa al ribasso è dietro l’angolo. Se questo è il caso, e il tasso di cambio diminuisce rispetto agli attuali livelli, potremmo vedere almeno un test del ritracciamento di Fibonacci del 70,7% e il minimo della scorsa settimana.

Che cosa succederà? Tenendo conto della forza dei venditori di martedì e del suddetto segnale di vendita generato dall’oscillatore stocastico, riteniamo che l’EUR / USD aumenterà le perdite e testerà il nostro prossimo obiettivo al ribasso attorno a 1.1767-1.1790, dove si trova l’area di supporto creata dal 76.4% e il ritracciamento del 78,6%.

EUR / USD, Unione europea unita contro decisione Trump su Iran

Sul cambio EUR / USD, non può non pesare la decisione di Trump riguardo il nucleare iraniano. I leader dell’Unione europea hanno presentato un fronte determinato per contrastare le minacce del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di penalizzare le imprese europee e far naufragare l’accordo nucleare iraniano.

Mentre il blocco europeo ha aperto la strada alla rappresaglia, i suoi 28 leader riuniti nella capitale bulgara Sofia hanno fatto una rara dimostrazione di l’unità di fronte a quello che il presidente della UE Donald Tusk ha definito “capricciosa assertività” dell’amministrazione Trump.

Tusk ha detto ai leader durante la cena di mercoledì che l’UE continua a lottare per il sistema internazionale basato su regole, nonostante le recenti decisioni statunitensi sui cambiamenti climatici, le tariffe e sull’Iran. Sul commercio, tutti hanno concordato di sostenere l’insistenza della Commissione Europea che non negozierà a meno che gli Stati Uniti non concedano un’esenzione permanente dalle tariffe su acciaio e alluminio, ha detto il funzionario.

“Ciò che chiediamo non sono condizioni e limiti ma tornare alla situazione precedente “, ha detto il presidente francese Emmanuel Macron ai giornalisti mentre si recava al summit di oggi. “La condizione per tutti i colloqui è di sollevare tutte le minacce e le tariffe, senza menzionare un limite di tempo.” Macron ha parlato mentre la Commissione, che negozia le questioni commerciali a nome del blocco, ha pubblicato una legge che prepara ritorsioni.

Prevede la possibilità di colpire 2,8 miliardi di euro ($ 3,3 miliardi) di merci statunitensi importate nell’UE con un prelievo reciproco del 25% a partire dal 20 giugno. L’umore dell’Europa si sta spostando dallo shock sull’agenda di “America First” di Trump alla determinazione di chiudere i ranghi e asserire la propria posizione. Le tensioni transatlantiche sono arrivate alla ribalta con la decisione del presidente degli Stati Uniti, annunciata la scorsa settimana, di abbandonare l’accordo nucleare iraniano che i restanti firmatari – Russia, Cina, Francia, Germania e Regno Unito, insieme all’UE – confermano tutti.

I leader dell’Energia, tra cui Macron e il cancelliere tedesco Angela Merkel, hanno concordato che la Commissione, l’esecutivo dell’UE, è pronta a discutere le preoccupazioni commerciali con gli Stati Uniti, tra cui l’approfondimento dei legami energetici e la riforma dell’Organizzazione mondiale del commercio, una volta che sarà ufficiale.

Il blocco discuterà anche le modalità compatibili con l’OMC per migliorare l’accesso reciproco al mercato per i prodotti industriali, comprese le auto, per evitare una guerra commerciale. Merkel, Macron e il primo ministro britannico Theresa May hanno informato i colleghi leader sull’Iran, dopo aver fallito nel persuadere Trump ad aderire all’accordo.

L’UE ha accettato di iniziare a lavorare per proteggere le imprese europee colpite negativamente dalla decisione degli Stati Uniti di ritirare e reimporre le sanzioni, affrontando anche le preoccupazioni sul programma iraniano di missili balistici e il suo ruolo più ampio in Medio Oriente.

“Tutti nell’Unione europea condividono tale opinione. L’accordo con l’Iran non è perfetto, ma dovremmo rimanere in questo accordo e dovremmo fare ulteriori negoziati con l’Iran sulla base di questo accordo “, ha detto la Merkel ai giornalisti. Le proposte dell’UE sono ancora più convincenti trattando con gli Stati Uniti, il cui ritiro dall’accordo del 2020 minaccia di far fallire il trattato e ha preoccupato i leader sul fatto che potrebbe riportare l’Iran sulla via dello sviluppo di armi nucleari.

Discussioni dell’UE su come mantenere l’accordo le relazioni economiche con l’Iran vivi, si sono concentrati su: mantenere vitale l’industria petrolifera e del gas dell’Iran; la creazione di veicoli speciali per consentire transazioni tra le regioni; sviluppare più contratti tra le società europee e le loro controparti iraniane; e proteggere le imprese europee che continuano a lavorare con l’Iran.

L’UE ha discusso l’istituzione di un cosiddetto statuto di blocco, che dovrebbe proteggere le aziende europee che intrattengono rapporti commerciali con l’Iran. L’ultima volta che il blocco ha minacciato di usare questa misura è stato nel 1996, quando l’amministrazione di Bill Clinton si è dimessa e ha accettato di rinunciare a sanzioni volte a frenare gli investimenti stranieri a Cuba, in Iran e in Libia. Le azioni proposte dall’UE non garantiscono che l’accordo possa essere recuperato tuttavia, con il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, le società con contratti esistenti avranno da 90 a 180 giorni per distaccarsi dai loro rapporti con l’Iran prima di essere soggette a sanzioni.

“Quale azienda rischierà di perdere il mercato statunitense, che è 100 volte più grande?” si chiede Ardavan Amir-Alsani, un avvocato di Parigi specializzato in Iran. “Nessuno sceglierà l’Iran agli Stati Uniti. L’accordo è morto”. Valdis Dombrovskis, il commissario responsabile della politica dei servizi finanziari, ha detto ai legislatori di Bruxelles che qualsiasi regolamento di blocco potrebbe essere “Di limitata efficacia” data la natura internazionale del sistema bancario, in particolare l’esposizione di grandi banche sistemiche al sistema finanziario statunitense.

I leader dell’UE riuniti a Sofia hanno accettato di attenersi all’accordo finché l’Iran non si sarà schierato dalla parte dell’accordo. “Trump disprezza i deboli”, ha detto il commissario per il bilancio dell’UE Guenther Oettinger alla radio tedesca Deutschlandfunk. “Se facciamo un passo indietro, se accettiamo, se diventiamo una specie di partner junior degli Stati Uniti, allora saremo persi.”

EUR / USD, incontro Trump-Kim rischia di saltare

Ma un’altra questione rischia di indebolire il Dollaro. L’incontro tra Trump e Kim Jong-Un, che aveva inizialmente rafforzato il ruolo del Presidente degli Usa a livello internazionale, rischia di saltare. Martedì la Corea del Nord ha attaccato gli Stati Uniti con una serie di dichiarazioni che hanno colpito l’amministrazione e le azioni del presidente Donald Trump apparentemente dal nulla.

I media di Pyongyang martedì si sono lamentati di una serie di problemi, obiettando agli Stati Uniti di chiedere alla Corea del Nord di rinunciare alle sue armi nucleari e di contestare i commenti sgradevoli fatti dai funzionari di Trump contro il governo nordcoreano, e criticando le esercitazioni militari statunitensi e sudcoreane ai confini col Paese.

Ma tutte queste questioni sono vecchie notizie e potrebbe esserci una diversa strategia in gioco. Gli Stati Uniti hanno sempre chiesto di denuclearizzare la Corea del Nord come condizione per normalizzare le relazioni e parlare apertamente. Il commento del consigliere di sicurezza nazionale di Trump, John Bolton, fatto sulla Libia che sembrava però essere riferito alla Corea del Nord è arrivato settimane fa. La Corea del Nord minacciò di cancellare il suo incontro con Trump ma già tempo fa, così come vecchie sono ormai le esercitazioni militari tenutesi nei pressi dei confini nordcoreani.

Nei mesi scorsi, Kim, era andato avanti con i colloqui di pace senza chiedere che venissero attenuati. La Corea del Nord si lamentava specificamente dei bombardieri B-52 che partecipavano alle esercitazioni militari. Ma un funzionario del Pentagono ha dichiarato a Business Insider che gli attentatori non sono mai stati invitati a partecipare alle esercitazioni. Inoltre, la Corea del Nord ha invitato i giornalisti ad osservare la chiusura del suo sito di test nucleari dopo l’inizio delle esercitazioni.

Qual è allora il vero motivo di questo dietrofront nordcoreano? Gli Stati Uniti avrebbero richiesto una rapida azione di denuclearizzazione e la Corea del Nord potrebbe bluffare. Il sottosegretario di Stato Mike Pompeo si è offerto di togliere la Corea del Nord dalla black list degli Stati Uniti di se avesse spedito alcuni dei suoi missili e testate militari nucleari oltreoceano entro sei mesi, riporta il quotidiano giapponese Asahi.

Il rapporto di Asahi segue Bolton che suggerisce che le bombe nordcoreane si spostino in un impianto nucleare a Oakridge, nel Tennessee, e i media sudcoreani riferiscono che Pompeo ha chiesto a Kim di inviare cinque dispositivi nucleari in Francia per essere smantellati.

Kim ha proseguito, quindi gli Stati Uniti avrebbero preso in considerazione l’emissione di una dichiarazione congiunta con Pyongyang a garanzia della sicurezza del governo di Kim, riporta ancora Asahi. “Gli Stati Uniti stanno strombazzando come se offrissero compensi economici e benefici nel caso in cui abbandonassimo la bomba atomica”, sostiene una delle dichiarazioni di rimprovero di Pyongyang.

Per la Corea del Nord, consegnare al controllo americano anche solo alcune delle sue testate nucleari rappresenterebbe un passo concreto verso il disarmo e dimostrerebbe la sua sincerità nei confronti degli Stati Uniti. Per gli Stati Uniti, chiedere di mettere le mani sulle armi nucleari nordcoreane prima del vertice dimostrerebbe che Kim fa sul serio. Fino ad ora, la Corea del Nord ha offerto solo passi di denuclearizzazione reversibili, come la distruzione di un sito di test che potrebbe semplicemente aggiustare in seguito. Gli Stati Uniti insistono su un approccio frontale alla denuclearizzazione, in cui la Corea del Nord inizia a buttare giù le sue infrastrutture nucleari prima che gli Stati Uniti facilitassero le sanzioni e le pressioni internazionali. Pyongyang non ha sollevato obiezioni a queste coerenti richieste fino a martedì, quando il vertice storico tra Kim e Trump era fissato a meno di un mese di distanza.

Scrivendo a NK News, l’esperto nordcoreano Fyodor Tertitskiy ha concluso che i rimproveri di Pyongyang avevano due probabili spiegazioni. Innanzitutto, Kim potrebbe utilizzare i reclami come strumento di contrattazione. In secondo luogo, Kim voleva davvero demolire il summit con un pretesto credibile che avrebbe fatto apparire gli Stati Uniti dalla parte del torto.

La Corea del Nord ha spesso espresso il desiderio di denuclearizzarsi e fare la pace nel 2020, ma lo ha anche fatto più volte in passato e si è sempre tirata fuori all’ultimo momento. Gli esperti che hanno parlato con Business Insider sottolineano la reale possibilità che Kim non voglia separarsi dal suo arsenale nucleare e stia semplicemente giocando con gli Stati Uniti andando di pari passo con le sue richieste e migliorando le relazioni con i principali partner in gioco.

La Corea del Nord ha già migliorato le proprie relazioni con la Cina e la Corea del Sud” sostiene Phillip Lipscy, politologo presso la Stanford University. “A questo punto, se possono andarsene dai negoziati con gli Stati Uniti e dando la colpa a Trump, hanno ottenuto la propria vittoria”.

EUR / USD, la questione israeliana

Ma c’è ancora un’altra questione internazionale che riguarda le decisioni di Trump da tenere presente: l’apertura dell’ambasciata statunitense a Gerusalemme, che di fatto riconosce formalmente la città ancora contesa con la Palestina, capitale di Israele.

La cerimonia di apertura della nuova Ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme è stata essenzialmente una manifestazione della campagna elettorale di Trump. Tutti i presenti avevano giurato fedeltà al presidente e appartenevano a uno dei gruppi che lo ha acclamato come Cyrus dei giorni nostri.

Ebrei ortodossi, israeliani di destra (incluso il primo ministro Benjamin Netanyahu) e la base repubblicana pro-Trump, in particolare quelli della comunità evangelica. Tutti presenti alla benedizione inaugurale della cerimonia, curata dal pastore texano battista megachurch Dr. Robert Jeffress. Con gli occhi stretti chiusi in preghiera, ha ringraziato Dio per “il nostro grande presidente, Donald Trump”, ha lodato il modo in cui Israele “ha benedetto questo mondo indicandoci, l’unico vero Dio, attraverso il messaggio dei suoi profeti, delle sue Scritture e il Messia, “e pregando per Gerusalemme” nel nome dello spirito del Principe della Pace, Gesù nostro Signore.”

In piedi accanto a lui, offrendo anche preghiere in lode a Trump e Netanyahu, c’era il Rabbino Chabad ultra-ortodosso Zalman Wolowik – un amico personale dell’ambasciatore statunitense in Israele David Friedman. La cerimonia è stata approvata con una benedizione da un altro trionfatore di Trump: il fondatore dei cristiani United For Israel, il pastore John Hagee, che ha osservato che “Gerusalemme è dove [ il] Messia verrà e stabilirà un regno che non finirà mai “e condusse la folla in un ultimo grido di” Alleluia!”

Nella prima fila, affiancando Netanyahu e sua moglie Sara, c’erano anche la prima figlia ebrea Ivanka Trump e suo marito Jared Kushner – che frequenta una sinagoga Chabad – così come il mega dono repubblicano Sheldon Adelson, che ha appena impegnato 30 milioni di dollari per le gare elettorali del GOP in tutto il paese si è offerto di pagare almeno una parte della nuova ambasciata di Gerusalemme. La sua offerta è stata alla fine rifiutata.

La presenza e la visibilità dei leader evangelici all’inaugurazione di lunedì hanno dimostrato la vera fonte del muscolo politico che ha reso l’ambasciata una realtà. Persino gli striscioni intorno a Gerusalemme in lode a Trump sono stati pagati da Friends of Zion, nati da un’idea del leader evangelico e del sionista cristiano Mike Evans.

Del tutto assenti dal palco erano i principali rabbini ortodossi, conservatori o riformatori. Tra il pubblico, rappresentanti di alto livello della maggioranza ebraica non ortodossa degli Stati Uniti erano pochi e lontani tra loro, sebbene non del tutto assenti. Ad esempio, il direttore della Lega anti-diffamazione, Jonathan Greenblatt, era presente. I leader politici democratici di spicco – anche quelli ebrei pro-israeliani a lungo termine – non si trovavano da nessuna parte. L’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Israele, Daniel Shapiro, che vive ancora in Israele, non è stato invitato all’evento, nonostante sia andato contro molti dei suoi ex colleghi della Casa Bianca di Obama sostenendo e lodando la mossa dell’ambasciata. Non importa: come democratico non ortodosso, anche lui era persona non gradita.

Per gli ebrei americani tradizionali, essendo così visibilmente esclusi da un evento che molti avevano precedentemente sperato con tanto di pressioni – predominio dell’evento da parte di leader evangelici con punti di vista controversi su ebrei, musulmani, mormoni e omosessualità – è stato abbastanza inquietante. Ma il fatto che fossero rappresentati da Ivanka, Kushner e Adelson, mentre contemporaneamente venivano bombardati da immagini inquietanti delle violenze sul confine di Gaza, ha innescato un senso crisi per molti.

La tristezza e la confusione permeano le dichiarazioni dei leader ebrei, e questi sentimenti – intensificati dalla rabbia – esplodono sui social media. Handler ha scritto: “Sono lieto che Ivanka e Jared possano prendersi del tempo lontano dai loro impegni per rappresentare gli Stati Uniti e festeggiare il trasferimento della capitale in cambio delle donazioni di Adelson. Mentre 50 palestinesi sono stati ucciso”.

In definitiva, comunque, ogni critica da parte degli ebrei americani, dei liberali o dei media riguardo la cerimonia dell’ambasciata o l’angoscia per la responsabilità degli Stati Uniti per le morti a Gaza, è assolutamente irrilevante per la Casa Bianca.

Trump si è messo ancora una volta il Mondo contro con questa decisione, con l’Ue che si è dissociata da questa scelta. Mentre Erdogan ha affermato che ormai l’Onu è morto e il Mondo è piombato nel caos. Il Dollaro, tra caso Iran, Corea e Israele, potrebbe frenare il suo ritracciamento nei confronti dell’Euro.

EUR / USD, c’è interesse su come finirà in Italia

Nel frattempo, l’euro sta subendo crescenti pressioni a causa dell’incertezza politica dell’Italia e della recente debolezza dei dati dell’Eurozona. Il Movimento cinque stelle e la Lega, che sono in trattative per formare un governo di coalizione, stanno considerando una riduzione del debito da parte della BCE per 250 miliardi di euro che ha alimentato i timori sulla solvibilità dell’Italia.

Il MIB FTSE dell’Italia è diminuito drasticamente di conseguenza, così come l’euro e nonostante un giorno altrimenti rialzista per gli stock europei. Non solo la coppia EUR / USD è diminuita, ma EUR / JPY, EUR / CHF e EUR / GBP sono stati tutti più deboli al momento della stesura di questo documento.

Nel frattempo, la debolezza coerente dei dati tedeschi nei primi tre mesi dell’anno ha fatto sì che l’economia si espandesse di un modesto 0,3% sul trimestre, che era più debole del previsto, come abbiamo scoperto ieri. Anche l’Eurozona nel suo complesso ha visto crescere il proprio PIL di un modesto 0,4% nel primo trimestre, in linea con le aspettative. Nel frattempo, l’indice di inflazione CPI dell’area dell’euro è stato confermato oggi da Eurostat all’1,2% per aprile anno su anno.

Con la crescita e l’inflazione deboli, e l’incertezza politica dell’Italia in prima linea, la BCE non si affretterà a normalizzare la sua politica monetaria. Ciò dovrebbe tenere sotto pressione l’euro o, nel migliore dei casi, tenere sotto controllo i suoi guadagni, nei prossimi mesi.

Un Governo Lega-M5S preoccupa non poco l’Ue, dato che i due partiti sono notoriamente poco filo-europeisti. Almeno, se si intende l’Ue imposta dalla Merkel da un po’ di anni. Certo, le drastiche posizioni iniziali sono state abbandonate da entrambi, sebbene Grillo abbia rilanciato l’idea di proporre un Referendum sull’Euro. Anche perché sia M5S che Lega vogliono riavvicinarsi alla Russia di Putin, come noto da tempo avversata dall’Ue a colpi di isolamento e sanzioni.

USD / CHF resiste, ma ancora per quando?

La situazione generale a breve termine non è cambiata molto poiché la coppia USD / CHF sta ancora operando all’interno della zona di resistenza. Pertanto, crediamo che finché non ci sarà una rottura al di sopra di questa area o una rottura sotto il precedente ritracciamento di Fibonacci dell’88,6% un’altra mossa più grande non sarà probabilmente vista.

Nondimeno, dovremmo tener presente che anche se gli acquirenti spingono la coppia più in alto (usando il segnale di acquisto generato dall’oscillatore stocastico) la strada verso l’alto è bloccata dal ritracciamento di Fibonacci del 70.7% e dalla zona di resistenza, che ha fermato il rally e innescato un pullback nella precedente settimana.

E cosa potrebbe accadere se la coppia USD / CHF scende ulteriormente? A nostro avviso, se il tasso di cambio scivola potremmo vedere un calo intorno a 0.9850-0.9875, dove troverà una nuova zona di supporto.

AUD / USD tende al ribasso

Sebbene i tori valutari siano riusciti a portare l’AUD / USD al di sopra del confine inferiore, precedentemente rotto, del canale di tendenza in declino alla fine della scorsa settimana, questo miglioramento è stato molto temporaneo. Perché? Perché i loro avversari hanno mostrato forza e invalidato il breakout di ieri, innescando un brusco declino. Questo è uno sviluppo ribassista, che in combinazione con il segnale di vendita generato dall’oscillatore stocastico suggerisce che potremmo vedere un nuovo test del minimo di maggio e una nuova zona di supporto nei prossimi giorni.

USD/MXN: guida trading e quotazione in tempo reale

Se vuoi investire sulle valute americane, un ottimo asset che non deve mancare all’interno del tuo portafoglio finanziario, è l’asset USD/MXN.

In questa guida analizzeremo, dettagliatamente, tutte le caratteristiche del cambio.

Indice di pagina

Grafico in tempo reale Dollaro statunitense/Peso messicano

Come sempre, tutti i grafici offerti all’interno del nostro sito sono gratuiti e aggiornati in tempo reale.

Il grafico USD/MXN ti consente di analizzare lo storico del tasso di cambio di questa coppia al fine di pianificare al meglio al tua strategia.

Analizzando il grafico, potrai imparare a valutare il tasso di cambio sulla valuta Dollaro Stati Uniti e sul peso messicano. Nel primo caso, il tasso di cambio più influente è USD/EUR. Ancora una volta ti segnaliamo che il codice valuta per il Dollaro è USD e il simbolo della valuta è $.

Il tasso di cambio, invece, più popolare per la valuta peso messicano è USD/MXN. Anche in questo caso, si segnala il codice valuta per il Pesos, che è MXN, con simbolo della valuta $.

Quotazione cambio USD/MXN

Quando scegli di investire su di un cambio, scegli di investire in un mercato che si basa tutto sul web, con piattaforme di trading online e con quotazioni forex aggiornate in tempo reale.

Analizziamo l’asset dollaro USA / peso messicano.

In questa citazione, noterai che il valore di uno USD, che rappresenta la valuta di base, è quotato in termini di MXN, ovvero in termini di valuta del contatore.

Altra caratteristica importante da considerare, se ti appresti a fare trading online sul forex con l’asset USD/MXN, è la vicinanza geografica del Messico agli Stati Uniti, come anche la sua appartenenza all’Accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA).

Queste particolari caratteristiche lo rendono estremamente sensibile agli sviluppi economici nel più grande mercato al consumo del mondo.

Ti parliamo di un cambio che ha come base una valuta con un rendimento generalmente superiore, in quanto il Peso si rivela interessante soprattutto nei momenti in cui gli investitori sono ottimisti. Ovviamente, l’ottimismo deve guardare allo stato dell’economia globale, dando priorità alla redditività in termini di sicurezza.

Il tutto rende il cambio USD/MXN molto sensibile alle oscillazioni legate alle tendenze del sentiment di mercato su base ampia.

Convertitore USD/MXN in tempo reale

Come sempre, all’interno delle nostre guide, oltre al grafico real time, troverai un convertitore in tempo reale che ti permette di convertire il dollaro americano in peso messicano.

Noterai che il convertitore viene aggiornato in tempo reale. Questo è molto importante soprattutto per i trader che amano investire in tempo reale con questa coppia di valute. Sono i trader che possano accedere al miglior corso di negoziazione delle valute, grazie proprio al grafico real time e al convertitore.

Il convertitore viene poi aggiornato in tempo reale e questo fatto è utile soprattutto per mettere in atto le tue pratiche di trading forex dettagliatamente.

Clicca qui per utilizzare l’affidabile convertitore di valuta da noi consigliato ( offerto da Google ).

Grazie al convertitore è possibile vedere la conversione di 1 dollaro statunitense in peso messicano e viceversa.

Come detto, questo viene aggiornato in tempo reale, con il tasso di cambio ufficiale pubblicato dalle banche centrali o dai mercati.

Caratteristiche del cambio USD/MXN

Banca del Messico

  • USA – Dollaro (Codice valuta: USD);
  • Banca centrale: The Federal Reserve System, per molti conosciuta anche con il nome di Federal Reserve, o solo Fed;
  • Il Dollaro USA viene anche chiamato greenback o buck e oggi rappresenta di fatto la valuta globale;
  • La maggior parte delle materie prime, compreso oro e petrolio, è quotata in USD;
  • Gli U.S.A. sono la maggiore potenza economica mondiale.

L’America sta affrontando le sfide poste dalle economie emergenti e ha un consistente deficit commerciale nei confronti di altre nazioni.

  • Messico – Peso (Codice valuta: MXN);
  • Banca centrale: Bank of Mexico;
  • Il Peso, per molti conosciuto come dinero, era in passato una valuta stabile, fino al a quando non si è avuto il default Messicano del 1982 a causa del debito estero. Da allora sono seguiti anni di inflazione, svalutazione e recessione.
  • Nel 1993, il Messico ha introdotto il nuevo peso, equivalente a 1.000 vecchi MXP pesos. L’aggettivo nuovo, però venne da subito cancellato.
  • Il Messico ha stretto accordi di libero commercio con oltre 50 paesi. Le esportazioni consistono in generi prodotti in serie, petrolio e prodotti petroliferi, argento, frutta, verdura, caffè e cotone.

Dove viene utilizzato il dollaro Americano?

Il Dollaro Statunitense è la valuta utilizzata in 21 paesi:

  • Samoa americane;
  • Isole Vergini Britanniche;
  • Ecuador;
  • Guam:
  • Micronesia;
  • Palau;
  • Portorico;
  • Isole Turks e Caicos;
  • Stati Uniti;
  • Isole Vergini Americane;
  • Zimbabwe;
  • Isole americane del Pacifico;
  • Caraibi olandesi;
  • Diego Garcia;
  • Haiti;
  • Territorio britannico dell’Oceano Indiano;
  • Isole Marshall;
  • Isole Marianne settentrionali;
  • Panamá;
  • El Salvador;
  • Timor Est.

Dove viene utilizzato il Peso Messicano?

Il peso messicano è esclusivamente la moneta utilizzata in Messico.

Curiosità del cambio USD/MXN

Banconote Pesos Messicano

Il codice del dollaro statunitense è USD, MXN è il codice ISO per il peso messicano. Allo stesso modo, possiamo utilizzare il simbolo $ come simbolo del dollaro statunitense e $ come simbolo di peso messicano.

Il Dollaro Statunitense è diviso in 100 cents.

1 peso messicano è formato da 100 centavos.

In entrambi i casi, le valute sono regolamentate dalla Board of Governors of the Federal Reserve System e dalla Bank of Mexico.

Tra le conversioni più comuni del dollaro statunitense abbiamo:

Il cambio più richiesto per il peso messicano è invece:

  • MXN/euro;
  • MXN/lek albanese;
  • MXN/real brasiliano.

Il dollaro statunitense venne introdotto per la prima volta il 1 Gennaio del 1791.

Il peso messicano venne utilizzato, invece, per la prima volta il 1 Gennaio del 1992.

Monete in circolazione

Dollaro statunitense

Peso Messicano

Il dollaro statunitense dispone anche di 7 banconote ( $1 , $2 , $5 , $10 , $20 , $50 e $100 ); allo stesso modo, il peso messicano prevede 6 banconote ( $20 , $50 , $100 , $200 , $500 e $1000 ).

Cosa devi sapere prima di investire sul cambio USD/MXN

Monete Peso Messicano

Il peso messicano è stato rivalutato il 1 gennaio 1993. Sono stati datati prima di quella data i vecchi pesi messicani – MXP, 1000 volte meno importanti rispetto ai nuovi pesi messicani – MXN.

Il peso messicano (MXN) si colloca all’ottavo posto nella classifica liquidità globale, ben dietro le seguenti valute:

  • Dollaro statunitense (USD);
  • Euro (EUR);
  • Yen giapponese (JPY);
  • Sterlina inglese (GBP).

Tu, come anche tutti i trader, ovvero i negoziatori Forex, potrai scegliere queste valute per speculare sulla forza e la debolezza del MXN. Lo puoi fare attraverso le coppie di valute che stabiliscono un valore comparativo in tempo reale.

Inoltre, la stragrande maggioranza dei trader forex si concentra sul cambio USD/MXN.

Sono gli ultimi decenni che hanno visto il peso messicano subire una pensate trasformazione; questo infatti è passato da una sonnolenta valuta in via di sviluppo in uno strumento finanziario internazionale.

Il cambio USD/MXN attrae invece meno partecipanti rispetto a quanto non avveniva in passato e soprattutto rispetto alle coppie maggiori, tra cui le coppie:

L’incrocio offre un accesso altamente liquido all’America Latina, nonché opportunità create dalla crescita e dalla debolezza dei mercati emergenti.

E’ possibile per te scambiare sul mercato forex la coppia USD/MXN sul mercato americano in maniera continua, dalla domenica sera al venerdì pomeriggio. Questo ti offre delle significative opportunità per divenire un trader di successo.

Tuttavia il volume e la volatilità possono fluttuare notevolmente ogni 24 ore.

Devi considerare che lo spread si allarga durante i periodi di riposo e si restringe durante i periodi attivi.

Allo stesso tempo ti viene offerta la possibilità di aprire e chiudere posizioni in qualsiasi momento. Questo potrebbe essere inteso come un segnale vantaggioso del mercato forex, un segnale chiave per la maggior parte delle strategie di trading, che vengono svolte durante i periodi attivi.

Cosa influenza il peso messicano?

Pesos messicano e influenze

Il Messico è considerato, in tutto il mondo, come il nono paese produttore di petrolio. Ciò è legato alle sue risorse naturali. Da qui possiamo notare come il peso mostra una stretta correlazione con altre valute, che si basano essenzialmente sulle materie prime, tra cui ad esempio il real brasiliano (BRL) o anche il Peso colombiano (COP).

Si tratterebbe di una interdipendenza che aumenta l’importanza delle fluttuazioni energetiche a seguito anche dei dati registrati, i quali muovono i mercati dei futures sul petrolio greggio e sul gas naturale.

Se scegli di investire sul peso messicano e sulle materi prime, devi anche tenere presente il rapporto settimanale sull’inventario degli idrocarburi degli Stati Uniti.

Altro elemento importante, da non sottovalutare per il trading forex, è il tempo migliore per investire sul peso messicano. In questo caso devi analizzare il rapporto in merito al rilascio di dati economici e degli orari di apertura a borse.

Potresti pensare di pianificare in anticipo il cambio e come tale pianificare un’ulteriore ricerca, analizzando i catalizzatori locali e statunitensi che influenzano il cambio USD / MXN con uguale intensità.

Il peso messicano sarà spesso scambiato a scatti con altri incroci di materie prime, ovvero con catalizzatori di risorse energetiche e naturali, presenti in tutt’altra parte del pianeta.

In tutti i casi, si tratta di azioni che incidono sull’azione locale dei prezzi.

La Banca del Mexico si riunisce, poi, otto volte all’anno con l’intento di pianificare e affrontare la politica monetaria. Da qui, gli annunci e gli aggiornamenti delle politiche attraverso i comunicati stampa.

La maggior parte delle riunioni viene programmata tra le 24 e le 72 ore dopo che la Riserva Federale degli Stati Uniti ha emesso le sue decisioni. Da qui è possibile evidenziare l’interdipendenza tra le due nazioni.

I trader Forex devono stare molto attenti quando investono durante l’orario lavorativo del giorno della release, perché l’aggiornamento della politica può avvenire in qualsiasi momento.

Rilasci economici

La maggior parte dei dati economici del Messico viene rilasciata alle ore 9:00 AM o alle ore 10:30 AM U.S. ET.

Il segmento temporale compreso tra i 30 e i 60 minuti prima di questi rilasci e da una a tre ore dopo è un periodo enormemente popolare per negoziare USD / MXN, perché si sovrappone anche all’inizio del giorno di negoziazione degli Stati Uniti, attingendo a volumi significativi in ​​entrambe le sedi.

Le versioni economiche statunitensi alle 8:30 e alle 10:00 ET possono generare dei volumi di scambio straordinari, con quote altrettanto elevate per i movimenti di tendenza.

Il volume di scambio USD/MXN cala vertiginosamente, invece, tra le ore di mercato asiatiche ed europee, ma i dati basati sull’energia possono ancora innescare una raffica di attività di trading.

Peso messicano e scambi azionari

Molto spesso, se vuoi investire su coppie di valute particolari, come questa, devi prendere in in esame i programmi di trading MXN, che sono grosso modo gli orari di scambio degli Stati Uniti, aumentando l’attività quando i mercati azionari di New York e i mercati dei futures e delle opzioni di Chicago sono aperti alle imprese.

Altro elemento importante da considerare è l’agenda della Banca Centrale, la quale può spostare il ciclo di attività. In questo particolare caso, tutti i trader forex restano attaccati alla scrivania, soprattutto quando la Federal Reserve (FOMC) pubblica una decisione sui tassi di interesse introno alle ore 14:00 o viene redatto il verbale della riunione precedente.

I rilasci della Banca centrale europea (BCE) alle 7:45 del mattino possono anche aumentare l’attività di MXN, specialmente con la coppia EUR/USD per altro molto popolare.

Perché investire sul peso messicano?

Come tutti i trader che scelgono di investire sulla coppia forex USD / MXN, anche tu devi prendere in esame un altro elemento. La coppia in oggetto offre ai commercianti una varietà di opportunità sia a breve che a lungo termine.

Noi siamo certi che i migliori tempi per negoziare questo strumento sono prima e dopo le versioni economiche, ovvero tra le ore 9:00 e le ore 10:30 ET in Messico e tra le 8:30 AM e le 10:00 AM negli Stati Uniti.

Perché è importante il cambio USD/MXN

Come investire sul Peso Messicano in rapporto al dollaro

Devi considerare, tra le coppie valutarie dei mercati emergenti, il cambio dollaro statunitense/peso messicano. Questo viene interpretato come uno dei più importanti e pesantemente scambiati.

Secondo quanto riportato dal sondaggio triennale della Bank of International Settlements, la coppia USD/MXN ha rappresentato il 2,1% di tutti i forex trading per volume giornaliero nel 2020.1)

In pratica, se vuoi investire sul cambio dollaro americano e peso messicano lo puoi fare oggi, non solo con le migliori strategie forex impostate su questo asset, ma anche analizzando il volume di scambi leggermente al di sotto del trading del dollaro rispetto a valute come il dollaro canadese e lo yuan cinese (a circa il 4% ciascuna).

Molto importante questo asset lo è anche nei confronti del dollaro USA e delle altre valute dei mercati emergenti, come ad esempio il dollaro di Singapore, o il dollaro neozelandese, o anche il won sudcoreano e il dollaro di Hong Kong.

Non esiste, ad esempio, un nickname tradizionalmente accettato per la coppia USD/MXN.

Oggi possiamo affermare che Stati Uniti e Messico sono più vicini che mai, anche perché storicamente hanno stretti legami come partner commerciali.

Attualmente gli Stati Uniti rappresentano la più grande economia nazionale. Il Messico è invece la dodicesima economia mondiale.

Per investire nel mercato forex, devi anche prendere in considerazione un altro aspetto. Il mercato del Messico è il secondo più grande mercato di esportazione degli Stati Uniti. Esso rappresenta la terza più grande fonte di importazioni.

Ne deriva che lo scambio bilaterale delle merci tra Stati Uniti e Messico è intenso e altamente integrato. Tra le principali esportazioni messicane all’interno degli Stati Uniti, possiamo comprendere anche delle apparecchiature elettroniche, veicoli, petrolio, macchine, motori e pompe e attrezzature mediche e tecniche.

Invece, in tema di esportazioni, quelle americane principali verso il Messico sono: apparecchiature elettroniche, macchine, motori e pompe, veicoli e materie plastiche.

Per fare trading su questo asset devi anche prendere in considerazione l’economia degli Stati Uniti, la quale viene considerata tra le più diversificate al mondo. Questa offre un’attività su larga scala nei settori industriale, dei beni di base e finanziario.

Quella messicana è considerata invece un’economia di mercato emergente, con un settore industriale ben sviluppato. Tuttavia, essa si presenta come un’economia fortemente dipendente dalla produzione e dalle esportazioni di petrolio.

Durante gran parte della storia degli scambi di valuta tra Stati Uniti e Messico, la valuta messicana era legata su base fissa al dollaro. Questo però viene modificato gradualmente a partire dal 1976.

In quell’occasione, la valuta messicana si è mossa da 12,50 per dollaro a 20,50 per dollaro.

Questo viene mantenuto fino al 1982 quando, sotto la pressione della crescente instabilità economica, lo stesso governo messicano ha introdotto un sistema di doppio tasso di cambio. In pratica, il doppio sistema ha mantenuto un tasso di cambio preferenziale applicato alle importazioni di beni e fondi essenziali destinati al pagamento del debito pubblico esterno e del settore privato.

Allo stesso tempo, ha mantenuto un tasso di cambio generale, che viene applicato alle transazioni non coperte dal tasso preferenziale. Nota che il tasso di cambio preferenziale era inizialmente fissato a 50 pesos per dollaro. Successivamente si è spostato a 70 pesos per dollaro. Allo stesso tempo, il tasso generale è stato determinato dall’offerta e dalla domanda di valuta.

Solo alla fine del 1982 la stessa banca centrale messicana stava facendo pressione sulle sue riserve estere al fine di decidere di modificare nuovamente il sistema, consentendo un sistema ibrido controllato e libero.

Da qui ne deriva che il tasso controllato, inizialmente iniziato a 95 pesos per dollaro, è stato utilizzato per:

  • Esportazioni private e investimenti negli impianti di produzione.
  • Pagamenti del debito estero pubblico e privato.
  • Importazioni di merci dall’estero.

Anche il tasso di libero mercato fluttuante viene poi applicato a tutte le altre transazioni, compreso l’acquisto e la vendita di valuta estera.

Il sistema dei tassi controllati è rimasto invece in vigore fino al 1985, quando è stato reintrodotto un flottante gestito.

Grazie a questo sistema, la banca centrale ha cercato di ottenere un equilibrio tra domanda e offerta di valuta nel mercato controllato e gli accordi di valuta estera sono stati effettuati entro un periodo di due giorni.

Infine, durante tutto il periodo, il peso è passato da un tasso di 282 per dollaro a 3.073 per dollaro.

Nel 1991, la banca è intervenuta al fine di unificare i tassi di cambio liberi e controllati, stabilendo una banda di cambio, alla quale è stato consentito di ampliare su base giornaliera di circa 20 centesimi al giorno.

La stessa banca ha poi istituito il sistema di tassi di cambio “FIX“, che consentiva alle parti in operazioni di cambio di utilizzare un tasso ufficiale di riferimento e di accettare le proprie tariffe, attraverso un contratto.

Fu nel 1993 che il paese lanciò la nuova valuta, il “Nuovo Peso“, che prese il via con equivalenza pari a 1.000 unità della valuta precedente.

Nel 1994, poi, sotto la pressione delle turbolenze dei mercati internazionali e di un attacco speculativo sulla valuta locale, il Messico ha adottato un flottante della sua valuta.

La stessa valuta ha iniziato a fare trading in quel momento a 4.8875 per il dollaro.

Il Messico, dal 1994 fino ad oggi, ha mantenuto il regime di valuta a tasso variabile. In quell’occasione, il peso ha subito un graduale indebolimento nei confronti del dollaro.

La tendenza all’indebolimento è stata accelerata invece alla fine del 2020, con il peso che è sceso al di sotto del 20 per dollaro, sotto l’influenza delle minacce delle restrizioni commerciali statunitensi e messicane da parte dell’amministrazione del futuro presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Peso messicano: storia e caratteristiche

Storia e caratteristiche del Messico

Ti abbiamo già detto che il peso messicano rappresenta oggi l’undicesima valuta più comunemente negoziata sul mercato globale del forex.

La potremmo definire come la terza valuta più negoziata, derivante dall’emisfero occidentale.

Il pesos non è invece pesantemente utilizzato al di fuori del Messico, tranne che in alcune regioni di confine, come ad esempio il Guatemala e il Belize.

La valuta messicana in precedenza serviva come modello per altre valute importanti, che potevano essere il dollaro di Hong Kong, o anche il dollaro di Straits, o addirittura lo yen giapponese e lo yuan cinese.

L’unico organo in grado di emettere banconota è la Banca centrale: Banco de Mexico (noto anche come “Banxico”), con codice valuta: MXN

La sua storia

Il pesos messicano fa risalire le sue origini al “pezzo di otto” spagnolo, meglio conosciuto come dollaro spagnolo.

Il Messico, come anche altri territori spagnoli nelle Americhe, ospitava importanti fonti di argento usate per le monete spagnole che circolavano nelle Americhe. Le monete, in quel periodo, erano tutte coniate in Messico.

Le prime banconote messicane furono prodotte nel 1823, poco dopo l’indipendenza del Messico dalla Spagna.

La prima banca centrale del Messico è stata il Banco de México, creato il 1 ° settembre 1925.

Storia economica

In merito all’economia, si deve sapere che il Messico è al dodicesimo posto, su scala mondiale, in termini anche di parità del potere d’acquisto del PIL, con una produzione totale di US $ 2,31 trilioni all’anno.

Il Messico è anche considerato come la quarta economia più grande delle Americhe. Qui le sue industrie principali includono cibo e bevande, agricoltura, prodotti chimici, ferro e acciaio, petrolio, estrazione mineraria, tessile, abbigliamento, veicoli a motore, beni di consumo durevoli e turismo.

Sotto unità valutarie

1 Pesos messicano è composto da 100 centavos.

Denominazioni

  • Mex $ 20;
  • Mex $ 50;
  • Mex $ 100;
  • Mex $ 200;
  • Mex $ 500;
  • Mex $ 1000.

Non ci sono invece valute ancorate al peso Messicano.

In termini di trading forex, l’accoppiamento USD / MXN è considerato una coppia di valute “esotica”. Tra i cambi più comuni, come anche detto in precedenza, abbiamo:

  • Sterlina/inglese (GBP / MXN);
  • Euro (EUR / MXN);
  • Dollaro canadese (CAD / MXN).

Dollaro americano: storia e caratteristiche

Il dollaro americano è la valuta ufficiale degli Stati Uniti e dei suoi territori. Infatti lo stesso funge da valuta più utilizzata al mondo, con il 62% delle riserve valutarie globali detenute dalle banche centrali denominate in USD.

Ricordiamo anche che il codice valuta è, appunto, l’USD e l’unica banca in grado di emettere banconota è la Banca centrale americana, ovvero la Federal Reserve degli Stati Uniti.

La sua storia

Il dollaro americano condivide una storia comune con il peso messicano. Si tratta di valute che prendono le loro origini dai dollari spagnoli e che come tali sono stati ampiamente diffusi nelle Americhe prima della fondazione del Messico e degli Stati Uniti.

Lo possiamo considerare come il primo sistema monetario organizzato.

Le banconote in carta, ovvero i dollari USA, sono state introdotte in circolazione a metà del 1800.

L’atto della Federal Reserve del 1913 creò la banca centrale degli Stati Uniti, la Federal Reserve.

Durante invece il secondo dopoguerra, il dollaro assunse il ruolo di valuta di riserva mondiale, con l’implementazione degli accordi di Bretton Woods.

Storia economica

L’economia degli Stati Uniti la possiamo definire come un’economia ampiamente diversificata, ovvero un’economia mista, dove l’industria privata e l’attività governativa contribuiscono alla sua produzione economica complessiva.

L’economia degli Stati Uniti rappresenta oggi il 25% del PIL mondiale.

Sotto unità valutarie

1 USD è composto da 100 centesimi.

Denominazioni

  • US $ 1;
  • US $ 5;
  • US $ 20;
  • US $ 50;
  • US $ 100.

Si ricorda anche che ben sessantasei paesi impongono il valore della propria valuta all’USD o utilizzano direttamente l’USD come valuta nazionale. Tra le coppie di valute più tradate, che hanno come riferimento il dollaro americano, ricordiamo gli asset, conosciuti anche come coppie major.

Per investire sul dollaro, si devono prendere in esame i seguenti elementi: opinioni, notizie, ricerche, analisi, prezzi.

Perché investire sul cambio USD/MXN

Te lo abbiamo detto prima e qui lo ripetiamo. Si tratta di un asset molto importante, un ottimo asset in termini anche di diversificazione dell’investimento.

Molto importante per tutti i trader, che seguono l’economia di questi paesi e che amano investire nel mercato forex con le coppie esotiche. Per molti è considerato un ottimo asset diversificato.

Noi te lo consigliamo come investimento con le valute, anche per diversificare al massimo l’investimento. Come sempre si tratta di tradare il cambio, al ribasso o al rialzo con le migliori piattaforme di trading online, che sono offerte da tutti i broker regolamentati ed autorizzati.

Di seguito potrai analizzarli nel dettaglio.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Quanto puoi guadagnare con le opzioni binarie?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: