GB la corona si serve di lavoratori precari

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

GB: la corona si serve di lavoratori precari

La notizia dell’ottimismo della BoE riguardo la ripresa dell’economia inglese ha senz’altro avuto un impatto positivo su chi investe in Inghilterra. In più il Royal baby è stato molto importante ma non si può dire che sia tutto oro quel che luccica nella corona inglese. La corona inglese, infatti, non direttamente, ma attraverso la società che si occupa della gestione del palazzo, ha di recente assunto 350 dipendenti. Il contratto che hanno queste persone è assolutamente precario ed è in una forma che in Italia, ad esempio, non esiste ancora.

E’ una specie di contratto a chiamata, che impone a chi lo sottoscrive i “zero-hours contracts”. In pratica il lavoratore deve firmare il contratto e poi essere sempre a disposizione della chiamata del datore di lavoro ma il datore di lavoro si riserva di chiamare il dipendente soltanto quando ne ha bisogno.

In questo modo non è assicurato uno stipendio fisso ma il salario è stabilito sulla base delle convocazioni. La corona inglese, tra l’altro, così facendo, ottiene un enorme risparmio e può davvero incrementare il suo business che già con il Royal Baby ha fatto un bell’affare.

Il governo, da parte sua, da tempo attento alle dinamiche lavorative e fiscali, ha deciso di avviare un’indagine.

Coronavirus, il grido di aiuto dei precari della scuola

Hanno contratti che durano uno, due, tre giorni. Quando va bene una settimana. Ma con le aule vuote, questi precari, rischiano di andare sul lastrico

La precaria della scuola viene avvisata del nuovo lavoro da un’ora all’altra. Non ha tredicesime. Né quattordicesime. Sono un miraggio. Insegna, sa cosa vuol dire didattica. E alla notizia del governo di chiudere per il bene del Paese non hanno battuto ciglio: “Siamo con voi”. Poi però qualcosa va storto. I giorni passano e l’epidemia resta. I morti salgono, i contagiati pure. Così come i guariti, quei fortunati che in molti casi hanno avuto dal cielo il lusso di vivere la malattia sdraiati sul divano di casa. Soli. Ma comodi. La disperazione dei precari della scuola è una delle crisi nascoste che si celano dietro il coronavirus.

È un problema italiano. Ma a Roma e in Lombardia è un fenomeno che si sente molto di più. Tanti lavorano per la capitale, a chiamata, negli asili nido e non solo di tutta la città. Non sanno che ne sarà della loro busta paga con il dilagare dell’emergenza. Sono supplenti. Centinaia e centinaia di educatrici del comune. A oggi, per loro, con la chiusura degli istituti di ogni ordine e grado, non ci sono tutele. Il numero dei lavoratori che ruotano intorno alla scuola rimasti senza lavoro e senza salario è quasi impossibile da calcolare. Perché i dati sono molto frammentati. Se si osservano però le proteste che cominciano a emergere in rete e negli appelli al ministero dell’Istruzione ci si può fare un’idea dell’enormità del problema. Solo in Lombardia quattromila insegnanti sono in difficoltà. Solo nella provincia di Monza e Brianza 600, impiegati nei servizi sospesi in questi giorni. Gridano aiuto. Cercano, spesso invano, che qualcuno li ascolti.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

A Roma com’è la situazione? Molti di loro, quando hanno sentito la sindaca, Virginia Raggi, in tv preoccuparsi per i lavoratori in nero sono rimasti senza parole. “Pensasse prima a noi, siamo in regola, dipendenti del comune, senza tutele”, lamentano i più. Sono maestre e maestri. Professori e professoresse in difficoltà. Precari senza stipendio che, quando va bene, si appoggiano a genitori pensionati. Quei vecchi che il male ha preso in antipatia. Molti di loro da anni vanno avanti aspettando la chiamata del mattino dagli uffici del municipio. Così funziona: un’insegnante regolare resta a casa per malattia o per permessi consentiti dalla legge 104? Ed è allora che scatta il loro momento.

Il municipio di riferimento avvisa la precaria in graduatoria da un’ora all’altra. Si lavora uno, due, tre giorni, una settimana, un mese a seconda dei casi. E se già la paga è magra, circa 800 euro al mese nel migliore dei casi, ora con la serrata delle scuole e il coronavirus non si ha alcuna garanzia. Funziona infatti come qualunque altro contratto a tempo determinato: la paga arriva anche in emergenza, fino a scadenza del contratto. Che in questo caso però è talmente breve che già la prossima busta paga sarà ridotta a zero.

Il governo gli ha chiesto di attivare la Naspi. La disoccupazione. Ma molti di loro tracollano: “Non è giusto chiederci di attivare la Naspi, serve per le emergenze, per quando non veniamo chiamati”. In molti, anche dagli ambienti sindacali, stanno suggerendo di attivare l’indennità mensile di disoccupazione, istituita da decreto legislativo del 2020. Ma i supplenti questo non vogliono ascoltarlo. “C’è chi l’ha già terminata, e chi ne avrà bisogno a prescindere dal coronavirus”. Insomma, coprire un’emergenza con le soluzioni già presenti per risolvere altre emergenze rischia di essere inutile.

Dal Campidoglio si precisa che gli ammortizzatori sociali per le categorie a rischio sono competenza del governo centrale. Vero. Quel che invece spetta all’ente locale riguarda la stabilizzazione delle insegnanti precarie. Tema sul quale la giunta Raggi ha rivendicato diverse azioni. Troppo poco per questi invisibili. Questo esercito di lavoratori e lavoratrici si stanno chiedendo: mi pagheranno? Quanto? E quando? “Reddito di quarantena per tutti”, dicono gli striscioni dei precari che circa una settimana fa si sono dati appuntamento sotto la sede della regione Emilia-Romagna. Una citazione ironica destinata al ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, e a tutto il Movimento 5 Stelle, attivissimo nel chiedere la sospensione dell’attività scolastica, ma assai meno solerte nel tamponarne le conseguenze.

La scuola non è ovviamente l’unico settore che tira avanti a fatica. Che ne sarà degli altri? Nessun paracadute aiuterà chi lavora a cottimo, come i riders. Quegli eroi in bici dono della tecnologia. Per i lavoratori dipendenti tutto si risolverà in quello che ormai viene definito smart-working. Per gli altri: boh. Non si sa. O, forse, non lo si vuol capire.

Categoria: Analisi Tecnica

Forex: la BoE si allinea alla FED

La Bank of England e il suo piano d’acquisti, è stato seguito con moltissimo interesse dagli investitori che prima dell’agosto caratterizzato dalla volatilità del mercato, cercano dei trend attendibili per…

di Luigi Boggi – 7 Agosto 2020

Europa: la Spagna sta recuperando?

La Spagna, un po’ come l’Italia, è considerata tra gli anelli deboli del Vecchio Continente. Il Wall Street Journal, in questi giorni, ha deciso di dedicare un po’ di spazio…

di Luigi Boggi – 6 Agosto 2020

Borsa: la questione del rating

Le agenzie di rating, oggi, fanno il bello e il cattivo tempo, visto che con i loro giudizi, prima affossano un paese e poi gli sbarrano la strada di accesso…

di Luigi Boggi – 5 Agosto 2020

Borsa: la questione delle banche centrali

Le banche centrali, un po’ come le agenzie di rating, sono finite nell’occhio del ciclone della finanza perché con il loro atteggiamento prolungato nel tempo, hanno finito per danneggiare, anziché…

di Luigi Boggi – 5 Agosto 2020

Italia: la spending review delle famiglie

La crisi è talmente profonda da aver modificato gli stili di vita delle persone. Nel nostro paese, per esempio, non si spende più per le stesse cose, sono cambiate le…

di Luigi Boggi – 5 Agosto 2020

FED: chi sarà il successore di Bernanke

La FED, come anche la BCE e la BoE, stanno capitalizzando l’attenzione dei media perché ancora una volta le loro scelte di politica monetaria possono essere provvidenziali per l’economia che…

di Luigi Boggi – 31 Luglio 2020

GB: la corona si serve di lavoratori precari

La notizia dell’ottimismo della BoE riguardo la ripresa dell’economia inglese ha senz’altro avuto un impatto positivo su chi investe in Inghilterra. In più il Royal baby è stato molto importante…

di Luigi Boggi – 31 Luglio 2020

Grecia: scende in campo la chiesa ortodossa

La situazione economica e finanziaria della Grecia è sempre più preoccupante, per questo, oltre ai cittadini, adesso sembra più che mai importante che collaborino tutti gli attori della società al…

di Luigi Boggi – 31 Luglio 2020

Germania: aumenta le spese per la crisi

Reagire alla crisi è diventato un imperativo ma le strategie adottate dai singoli paesi cambiano in base alla natura economica della classe politica al governo. In queste ultime settimane ad…

di Luigi Boggi – 31 Luglio 2020

Aziende: in calo l’utile di ENI

Le imprese energetiche sono un pilastro importante dell’economia del nostro paese per questo gli azionisti, gli investitori, i cittadini e la politica, tengono in particolare considerazione quel che accade ad…

di Luigi Boggi – 31 Luglio 2020

Opzioni binarie, quanto investire

di Daniele Pace

Opzioni binarie, la piattaforma trading Fineco

di Valentina Cervelli

Come va il forex

di Daniele Pace

Deposito con 24 Option: come è cambiato

di Valentina Cervelli

Criptovalute, torna il verde

di Daniele Pace

OpzioniBinarieLive is part of the network IsayBlog! whose license is owned by Nectivity Ltd.

Managing Editor: Alex Zarfati

OpzioniBinarieLive è un sito esclusivamente divulgativo e non può essere ritenuto responsabile degli investimenti effettuati dagli utenti.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Quanto puoi guadagnare con le opzioni binarie?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: