La Strategia di Investimento più semplice ed efficace del mondo

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Trading Online: Ecco la mia strategia di trading

Tutti pazzi per il trading online ma… in questo articolo voglio parlarti di un argomento molto importante quanto sottovalutato ai più, ovverosia l’importanza di avere una strategia di trading.

Mi rendo conto che il fatto di non avere una strategia di trading online sia un problema che accomuna il 90% dei trader sia principianti sia più esperti.

Perché sostanzialmente si è attratti dal risultato finale (avere tanti soldi) piuttosto che concentrarsi sul processo in sé.

Prima di proseguire con l’articolo voglio farti concentrare sin da subito dal PROCESSO che porta risultati nel trading.

Il processo non è nient’altro che avere una strategia.

Processo nel trading = Strategia di Trading

Tieni bene a mente questa uguaglianza perché è la base del successo nel trading.

LA STRATEGIA NEL TRADING ONLINE

Spesso e volentieri mi rendo conto che molti hanno una strategia di trading che risulta troppo complessa, al punto che i trader stessi non riescono a capirla e seguirla.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Ti starai chiedendo perché quasi tutti tendono ad usare una strategia complessa

Perché si pensa che qualcosa più è complesso e più funziona e porta maggiori risultati.

Niente di più sbagliato!

Voglio farti capire il perché́ è importante mantenere la strategia il più̀ semplice possibile e facendo ciò̀ ti mostrerò anche i reali vantaggi che un trader può̀ ottenere.

Quante volte ti è capitato, navigando in rete, di vedere grafici complicatissimi con 50 mila indicatori dove la parte più importante (il grafico) quasi non si vede più perché offuscato dagli indicatori?

Perché in questi casi il grafico quasi non si vede più?

Perché viene riempito di tantissime informazioni (la maggior parte inutili che creano solo confusione) che danno gli indicatori come: bande di bollinger, medie mobili, canali ed indicatori vari.

Tante persone li mettono insieme per trovare la formula magica infallibile che li può̀ far guadagnare sempre e che elimini tutte le operazioni perdenti.

La realtà̀ è che non si possono eliminare i trade perdenti, quindi tutti i trader andranno incontro a perdite più̀ o meno grandi nell’arco della loro carriera.

Perdite e guadagni, profitti e perdite.

L’IMPORTANTE È CONTENERE LE PERDITE E FAR SI DI AVER PROFITTI PIÙ GRANDI RISPETTO ALLE PERDITE

Nel tentativo di cercare la formula perfetta tante persone finiscono nel fare dei grafici un campo di battaglia, con troppo indicatori.

MA L’INDICATORE CHE FUNZIONE HA?

L’indicatore prende il prezzo, lo manipola e dà un output.

Tantissimi indicatori partono quindi dallo stesso input (il prezzo) per mescolarlo in modo diverso e fornirti un output leggermente diverso dando informazioni ridondanti, ma la base dell’informazione è sempre la stessa.

Avere tanti indicatori non è sinonimo di maggiore qualità̀, ma sinonimo di informazioni ridondanti e maggiore complessità̀.

Una strategia più̀ complessa non è necessariamente la più̀ efficace.

Tante volte si tende a non tenere conto delle valutazioni semplici, pensando che per fare meglio del mercato servano per forza strategie più̀ complesse.

Più̀ e complessa la mia strategia meno persone l’avranno sviluppata e quindi più̀ profittevole potrò̀ essere.

SBAGLIATO!

In realtà̀ è vero il contrario perché́ tutto il mercato lavora cercando soluzioni complesse per cercare di vendere di più̀ piuttosto che cercare di vendere soluzioni semplici.

Molto spesso le soluzioni migliori sono le soluzioni semplici, che paradossalmente sono quelle meno considerate dalla maggioranza delle persone.

Una strategia con tante variabili, tanti indicatori e tante regole è paragonabile ad un motore ultra tecnologico e complesso che seppur funzionante nel momento in cui presenta un problema e si rompe, diventa problematico trovare qual è il componente che ne ha inficiato il funzionamento.

Immagina un sistema con 30 variabili, 50 elementi, 60 indicatori e 50 regole seppur profittevole, nel momento in cui presenta un problema è difficile capire dove intervenire.

PIÙ COMPLESSO NON È NECESSARIAMENTE MIGLIORE!

Anzi è sinonimo di maggiori difficoltà e maggiori problemi.

Un motore meccanico è molto più̀ semplice da aggiustare in caso di guasto di uno ultra tecnologico.

Semplice vuol dire pure maggior padronanza del sistema.

Una strategia di trading online fatta da uno o due indicatori, due regole e una variabile è meno probabile che salti.

Oltretutto in caso di dubbi è più̀ semplice apportare delle modifiche e miglioramenti.

La semplicità̀ ci permette di tenere sotto controllo il nostro sistema.

LA STRATEGIA DI TRADING SECONDO CHARLIE MUNGER E WARREN BUFFET

Dicevano Charlie Munger e Warren Buffet, “keep it simple“, fai le cose semplici.

Munger nelle sue interviste dice “… di tutte le società̀ che analizzo ho “too hard pile ...”, ovvero ho dei bilanci da analizzare “troppo difficili da comprendere“.

Munger, le cose troppo complicate, le scarta in quanto vuole investire in cose semplici che riesce a comprendere.

Munger e Buffet all’inizio non investivano nel settore tecnologico proprio perché trovavano difficoltà nel comprendere il settore stesso.

Munger su 100 società che analizzava, 99 le scartava perché troppo complesse e non adatte al suo sistema molto più semplice.

Buffet e Munger hanno un sistema di investimento molto semplice e sono tra le persone più ricche al mondo.

Quindi, troppi indicatori forniscono informazioni ridondanti ed inutili che ne fanno perdere il quadro della situazione.

Un grafico con una semplice trendline per capire il trend, analisi del pattern in maniera visiva, target price e stop loss, indicatore dei volumi per capire se il movimento è sostenuto dagli scambi ed un indicatore che ti da l’analisi del trend (se è in trend o no), è molto più semplice e lineare.

STRATEGIA DI TRADING: ECCO COME ANALIZZO I MERCATI FINANZIARI

Piccola e doverosa premessa.

Il trading online può sicuramente darti la libertà finanziaria tanto desiderata a patto che eviti almeno il primo e fondamentale errore, ovverosia quello che trasforma tutti i trade da potenziali guadagni a insicure perdite.

Cosa voglio dire?

Aprire posizioni senza avere una strategia!

Devi sempre sapere dove mettere lo stop loss prima di iniziare qualsiasi trade, se ciò non fosse possibile significa che statisticamente partiresti svantaggiato, quindi piuttosto che rischiare per paura di perdere l’occasione meglio non fare quella specifica operazione.

LA MIA STRATEGIA DI TRADING ONLINE

Infatti, la mia strategia di trading prevede:

1. Un’attenta e approfondita analisi del mercato.
2. L’osservazione dei movimenti del prezzo.
3. L’impostazione di stop loss e take profit su livelli chiave.

COME SELEZIONO UN TITOLO?

Ci sono migliaia e migliaia di titoli non solo in Italia ma anche sul mercato europeo e americano.

Nel mio lavoro da analista, ogni settimana, devo andare a cercare tra centinaia e centinaia di titoli, analizzarli, filtrare quelli migliori e scartare quelli che non rispettano la mia strategia, impostare degli allarmi in modo da sapere quando un titolo supera o rompe un livello chiave per la mia strategia ed infine impostare i migliori livelli di ingresso, stop loss e target.

Rispettando sempre il mio rigoroso money management che prevede un rapporto rischio rendimento superiore a 1:2, meglio se 1:3.

IL CUORE DELLA MIA STRATEGIA DI TRADING

Dopo queste nozioni basi voglio portarti nel cuore della mia strategia e condurti passo passo a scoprire la mia strategia di trading partendo dall’inizio.

Per questo ho deciso di spiegarti e condividere con te la mia strategia di trading direttamente con un video senza annoiarti con un lunghissimo articolo pieno di immagini e frasi tecniche.

VALUE INVESTING VS GROWTH INVESTING

Valute Investing sicuramente è un termine tecnico che avrai sentito associato alla figura del più grande investitore al mondo Warren Buffet, vero?

Anche io all’inizio della mia carriera da trader facevo sempre questa associazione, ma è anche normale, Buffet è il padre del value investing.

COS’È IL VALUE INVESTING?

Il value investing altro non è che una tecnica di investimento e speculazione nei mercati finanziari che pone le sue basi sulle basi di investimento del vero padre fondatore, Benjamin Graham e David Dodd.

Infatti lo stesso Warren ha avuto come maestro Graham, tra l’altro online puoi trovare tantissimi libri sul value investing ma anche di Graham stesso.

Il value investing nello specifico è una tecnica di investimento che predilige la selezione di aziende sottovalutate rispetto al loro attuale prezzo di mercato.

Please verify you are a human

Access to this page has been denied because we believe you are using automation tools to browse the website.

This may happen as a result of the following:

  • Javascript is disabled or blocked by an extension (ad blockers for example)
  • Your browser does not support cookies

Please make sure that Javascript and cookies are enabled on your browser and that you are not blocking them from loading.

Reference ID: #10c2e310-827a-11ea-82c6-99430fec94b7

La Strategia di Investimento più semplice ed efficace del mondo

Il 2020 è stato l’anno delle pubblicità sui social, in maniera particolare su Instagram (e Facebook). Con questo andamento, nel 2020 tutto ciò sarà ancora più incrementato e le sponsorizzate rappresenteranno la base di ogni strategia di social media marketing.

Le piattaforme continuano a subire numerosi aggiornamenti, cambiando continuamente il loro algoritmo (incubo di tutti gli utenti Instagram). La strada che Instagram sta percorrendo, porta sempre più ad una penalizzazione verso gli utenti che utilizzano automazioni – come bot o altro – e una maggiore difficoltà nella crescita organica. I social del nostro caro Mark Zuckerberg puntano tutto sulle sponsorizzate.

Fino a qualche anno fa, tanti utenti che si ponevano come scopo la crescita sul social, investivano un budget mensile nei bot (automazioni che svolgono azioni a nome dell’utente, in modo da far loro ottenere maggiore visibilità), ma da quando Instagram ha impostato una guerra contro questi, intelligentemente molti utenti hanno smesso di sfruttarli (il rischio sarebbe stato la perdita dell’account).

La strategia di crescita migliore su Instagram, al giorno d’oggi, è quella di investire un budget mensile nelle sponsorizzazioni. Nessun bot, nessuna tecnica segreta, semplicemente contenuti di qualità e adv fatte nel modo giusto.

Oggi, in questo articolo, voglio darti tutte le informazioni necessarie per fare pubblicità su Instagram con risultati coerenti e misurabili. Analizzeremo tutto il processo che viene richiesto per la creazione di una adv, passo dopo passo, e tutti gli aspetti che bisogna tenere in considerazione.

Creare un post sponsorizzato su Instagram

La prima azione da svolgere è quella di andare nelle Impostazioni della pagina Facebook e cliccare su “Inserzioni di Instagram” nel menu a sinistra. Successivamente, dopo aver aggiunto il proprio account, basta andare sulla pagina di Gestione inserzioni e cliccare sul pulsante Crea campagna.

A questo punto, dopo aver collegato la pagina Facebook all’account Instagram, sei pronto per entrare nel pieno della creazione di una sponsorizzata su Instagram.

Le fasi da seguire, per ottenere buoni risultati, sono differenti.

Fase 1: RICERCA

Prima di procedere con qualunque strategia, è necessario fare ricerca. È la prima azione da svolgere per riuscire ad ottenere dei risultati coerenti.

Ciò che dovrai fare è una ricerca approfondita sui tuoi competitor. Questa fase è molto più semplice di quanto sembra, ed è assolutamente necessaria.

Cerca i leader del tuo settore e analizza il loro modo di agire, di comunicare, di fare le sponsorizzate.

In questo modo avrai sicuramente un’idea molto più definita di ciò che puoi fare e dei format adv più adatti.

Fase 2: OBIETTIVO

Perché vuoi fare pubblicità su Instagram?

La risposta a questa domanda rappresenta l’obiettivo che hai intenzione di raggiungere con l’adv.

Instagram Ads – che si utilizza dalla stessa piattaforma di Facebook -, nella prima fase della campagna, ti propone molteplici obiettivi da poter raggiungere. Questi ultimi vengono suddivisi in tre tematiche principali:

  • Notorietà del brand
  • Considerazione
  • Conversione

Fase 3: TARGET

Questa fase rappresenta il punto cruciale della campagna di advertising e, più in generale, di ogni strategia di marketing.

Mostrare un determinato prodotto di abbigliamento femminile ad un pubblico maschile non porterebbe a grandi risultati. Per questa ragione bisogna definire ogni aspetto del proprio target di riferimento, dal sesso all’età, dagli interessi alla località.

Per un business locale, come ad esempio un ristorante, è importante realizzare una sponsorizzazione che vada a colpire le persone presenti in quel posto. Difficilmente una persona di Cagliari verrà a cena in un ristorante a Torino.

Ogni singola opzione di targeting deve essere selezionata con logica. Soltanto in questo modo la pubblicità avrà effetto.

Una funzione molto interessante che Instagram & Facebook Ads mette a disposizione, è la possibilità di selezionare come target tutti quegli utenti che hanno interagito con i nostri post di Instagram nel tempo.

Se un utente ha messo like ad una tua foto, vuol dire che era interessato o che, più semplicemente, gradiva il contenuto. Colpire un utente che già ti conosce e che sa chi sei, potrebbe essere molto più facile e portare a buoni risultati.

Dopo aver impostato e definito il proprio target, si ha anche la possibilità di salvarlo, dandogli un nome riconoscibile. In questo modo, non dovrai configurarlo da capo per ogni campagna ads.

Fase 4: BUDGET

A questo punto dovrai semplicemente impostare il budget che hai intenzione di investire nella sponsorizzata.

Può essere selezionato un budget giornaliero o totale, dipende dalle tue esigenze.

Fase 5: CREATIVITÀ

È arrivata la fase in cui la maggior parte degli utenti va in difficoltà. Qui non c’è nessuna strategia di marketing e nessuna regola specifica da seguire, è semplicemente necessario utilizzare la propria creatività.

Lo scopo è sicuramente quello di attirare l’attenzione dell’utente, in maniera positiva ovviamente, e invogliarlo a svolgere una determinata azione (che rappresenta l’obiettivo della campagna).

Durante la prima fase di ricerca, avrai sicuramente notato come i tuoi competitor sviluppano le proprie sponsorizzate. Che tipo di layout utilizzano? Quale sponsorizzata ha ottenuto più risultati? Perché? Era caratterizzata da un video molto particolare e di impatto?

Instagram e Facebook Ads mettono a disposizione numerosi template da poter utilizzare per la nostra campagna.

La scelta è dettata dal messaggio che vuoi dare e dall’obiettivo che vuoi raggiungere.

La cosa migliore da fare, e posso dirtelo per esperienza, è di sperimentare. Fare diversi test e, analizzando i risultati, capire qual è il tipo di layout che colpisce di più il target di riferimento.

Fase 6: ANALISI

Non posso che sperare che, con tutti i consigli presenti in questo articolo, la tua campagna adv abbia successo fin dal primo giorno; ma se così non fosse dovrai essere capace di analizzare e migliorare di volta in volta.

Facendo analisi appunto!

Ogni volta che crei una campagna su Instagram, hai la possibilità – attraverso la pagina di Gestione inserzioni di Facebook – di accedere al grafico e alle metriche relative alle prestazioni del post sponsorizzato.

In questo modo ti potrai render conto dei risultati ottenuti, sia con le campagne già effettuate che con quelle ancora in corso. Ovviamente, quello che dovrai fare è: ripetere gli aspetti che ti hanno fatto ottenere successo, e migliorare o cambiare quelli che, invece, hanno avuto pessimi risultati.

Se la campagna è ancora in corso e vedi che sta andando bene, il mio consiglio è quello di continuare ad investirci. Se vedi che, invece, sta andando male, allora cambia il target di riferimento ed effettua delle modifiche.

Conclusioni

Tutte le fasi descritte in questo articolo sono essenziali per fare pubblicità su Instagram.

Seguendo ogni singolo passo sopra descritto riuscirai a fare delle ottime sponsorizzate su Instagram e, mi auguro, a raggiungere tutti i tuoi obiettivi.

Le pubblicità rappresentano il presente e il futuro della visibilità su Instagram, tutto si sta spostando su di loro. L’algoritmo tende a premiare notevolmente gli account che fanno campagne adv. Per questa ragione potrebbe essere molto utile provarci!

Hai mai fatto advertising sui social? Che strategia hai applicato per ottenere buoni risultati?

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Quanto puoi guadagnare con le opzioni binarie?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: