Le strategie delle banche per gli investimenti del 2020

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Contents

–>Dieci scelte di investimento per il 2020 –>

Il 2020 si sta concludendo con solidi rendimenti per gli investitori, in particolare per coloro che avevano sovrappesato la componente azionaria. Come strutturare ora il portafoglio per il 2020?

–> di Redazione Soldionline 2 dic 2020 ore 14:04

Il 2020 si sta concludendo con solidi rendimenti per gli investitori, in particolare per coloro che avevano sovrappesato la componente azionaria.
Come strutturare ora il portafoglio per il 2020? Secondo Stéphane Monier – Chief Investment Officer di Banque Lombard Odier – una solida costruzione del portafoglio rappresenta l’elemento che può offrire tranquillità a ogni investitore.
Di seguito l’esperto ha fornito dieci opzioni di investimento per costruire il portafoglio nel prossimo anno.

1. Approccio diversificato e agile

Mentre ci addentriamo nel 2020, gli investitori devono prestare particolare attenzione alla gestione di un portafoglio ben diversificato e resiliente. Le inevitabili sorprese metteranno a dura prova le loro allocation e questo significa che, per rimanere flessibili, gli investitori devono essere chiari su come costruiscono le proprie esposizioni e mantenere livelli di liquidità adeguati, pur mantenendo sempre ben a mente le loro conviction.

2. Portafogli scudo

Per difendere i guadagni di un portafoglio, gli investitori dovrebbero guardare allo yen giapponese, alle opzioni put e all’oro. Preferiamo lo yen giapponese al franco svizzero, poiché dal 2020 in poi il franco ha mostrato correlazioni più deboli con il rischio globale. Gli spread put sugli indici azionari sono un modo relativamente interessante per coprire un portafoglio da un forte calo del mercato. Infine, se gestito tatticamente, gli investimenti in oro possono continuare a svolgere un ruolo di diversificatore all’interno del portafoglio, offrendo una protezione dall’inflazione e dalla volatilità (e dai timori del mercato).

3. Identificare il rendimento attraverso strategie di carry

I bassi rendimenti del reddito fisso tradizionale richiedono ora un approccio più attivo. Le strategie di Carry, soprattutto nel segmento high yield, dovrebbero offrire buoni risultati in questo contesto di bassi rendimenti e moderata volatilità. Rimaniamo sovrappesati anche nelle hard currency dei mercati emergenti e prevediamo che gli spread restino stabili. La crescita dei mercati emergenti dovrebbe migliorare e la Cina sta già mostrando segni di stabilizzazione. I fondamentali del credito sono solidi, in quanto negli ultimi anni le aziende sono state prudenti e quindi, a livello globale, la leva finanziaria netta degli emergenti è in calo. Gli investitori dovrebbero concentrarsi su solide metriche di credito quando scelgono le società in cui investire e guardare al segmento crossover (BBB/BB). Preferiamo ridurre la struttura del capitale (ad esempio in obbligazioni subordinate e ibride) in società fondamentalmente solide, piuttosto che compromettere la qualità del credito. Ci piacciono anche gli emittenti del Corporate Sector Purchase Programme (CSPP) e i loro sostituti in tutte le valute.

4. Focus sulla qualità dell’azionario

Ci sono ancora un serie di opportunità per quanto riguarda il segmento azionario quality e growth. Ci aspettiamo che questo comparto registri rendimenti positivi nel 2020, con un potenziale di ulteriori guadagni di mercato se, come sembra, i negoziati commerciali proseguono. I risultati del terzo trimestre hanno superato le attese – seppure basse – e la crescita degli utili resta debole. Quindi, le guidance per il prossimo anno – nonostante non siano particolarmente interessanti dal punto di vista del rischio/rendimento – continuano a resistere e le valutazioni dovrebbero continuare ad essere sostenute dalla politica monetaria accomodante adottata dalla banche centrali. A causa della minore liquidità delle small cap globali preferiamo nomi più grandi nei segmenti value e growth.

5. Settori azionari

Visto che ci sono diversi segnali che indicano un calo della produzione, gli investitori dovrebbero tenere d’occhio i nomi del settore industriale e bilanciare l’esposizione tra settori difensivi e ciclici. La rotazione della leadership di settore dovrebbe continuare, fattore che sottolinea l’importanza di questo approccio. In particolare, continuiamo a incrementare l’esposizione ai settori dell’healthcare e dell’energia e continuiamo a essere sovrappesati nell’Information Technolgy. Tuttavia visti gli attuali livelli elevati di liquidità e le strategie di arbitraggio del rischio ancora sottoinvestite, c’è è il rischio che gli investitori comincino a rincorrere un mercato in crescita nel 2020.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

6. Azionario emergente

Siamo cautamente ottimisti sui mercati emergenti per il prossimo anno. Il Brasile è la nostra prima scelta in America Latina: il paese sta modificando al propria politica macroeconomica e una ripresa economica dovrebbe stimolare la crescita degli utili. L’azionario emergente – Cina compresa – presenta maggior opportunità, soprattutto se o quando la controversia commerciale viene risolta e, come stimiamo, il dollaro si indebolisce.

7. Investire in attività reali

Al momento le valutazioni degli asset, di private equity, private debt o infrastrutture sembrano elevate, ma sono tutte supportate da un contesto di bassi tassi di interesse. Non sembra che ci sia una bolla in queste asset class alternative perché i prezzi e i fondamentali non sembrano scollegati. Se da un alto le valutazioni elevate (come molte altre classi d’investimento) rendono queste asset class vulnerabili a qualsiasi cambiamento improvviso del sentiment o dell’ambiente, dall’altro permettono loro di rimanere in un certo senso isolate dalla loro illiquidità. Per gli investitori in euro e in franchi svizzeri, il real estate resta una delle ultime asset class in grado di offrire un rendimento ragionevole con una volatilità limitata.

8. Dollaro più debole

Il rally del dollaro riportato nel 2020 e la resilienza del 2020 si spiegano con l’interazione delle tensioni commerciali, il conseguente rallentamento della crescita globale e la sovraperformance degli Stati Uniti rispetto al resto del mondo, soprattutto grazie agli stimoli fiscali. Tuttavia ora che i dati suggeriscono un forte calo dell’economia globale e ci sono i primi segnali di una soluzione della controversia commerciale, i rischi di coda si stanno dissipando. È probabile che questo getti le basi per una performance più debole per il dollaro nel 2020. Per l’ultimo trimestre del 2020 prevediamo che il cambio EUR-USD si attesti a 1,15 e il cambio USD-CHF a 0,97.

9. Sterlina per capitalizzare gli sviluppi della Brexit

Ci aspettiamo che il partito conservatore ottenga la maggioranza in parlamento alle elezioni del 12 dicembre, fattore che dovrebbe consentire loro di ratificare il Withdrawal Agreement e spianare la strada ai negoziati commerciali. Questo dovrebbero supportare al rialzo al performance della sterlina sottovalutata e si dovrebbe escludere quel che resta del premio di una Brexit no-deal. Ci aspettiamo che il cambio GBP-USD arrivi a 1,35 nel quarto trimestre del 2020.

10. Le valute emergenti sono in attesa di performance al rialzo

Le valute emergenti si sono deprezzate anche nel 2020, penalizzate dal rallentamento del commercio globale. Una stabilizzazione del commercio (il nostro scenario di base), l’impatto ritardato dei modesti stimoli cinesi e un significativo allentamento della politica dei mercati emergenti, dovrebbe incoraggiare una ripresa della crescita della regione e fornire un certo sostegno alle valute. Sebbene vi siano ampie variazioni, nel complesso, le valute emergenti sembrano sottovalutate. Il nostro scenario centrale indica un rendimento spot del 3-4% nell’Indice Emerging Market Currency di JPMorgan. Preferiamo il rublo russo, il ringgit malese, il sol peruviano e il peso messicano: tutti valute sottovalutate che mostrano bilanci esterni solidi e, probabilmente, trarranno beneficio da fattori idiosincratici nel 2020.

La titolarità dell’analisi che qui riportiamo è dell’autore della stessa, e l’editore – che ospita questo commento – non si assume nessuna responsabilità per il suo contenuto e per le finalità per cui il lettore lo utilizzerà.

Correlati

Dieci temi di investimento per il 2020

Il 2020 dei mercati finanziari è partito sulla stessa falsariga dello scorso anno, con la volatilità ancora grande protagonista. Sarà questo il trend anche Leggi

Mercati, dieci interrogativi per il 2020

Le prime sedute dei mercati azionari del 2020 sono state caratterizzate da nuovi massimi, accompagnati, tuttavia, da un ritorno della volatilità. In particolare, le tensioni Leggi

I consigli di investimento per il 2020

Lombard Odier ha delineato 10 linee guida da seguire per la creazione di un portafoglio durante il prossimo anno. Un approccio diversificato e agile, puntando su settori azionari e azionario emergente sono gli aspetti principali da tenere in considerazione secondo Monier.

di Stéphane Monier, Chief Investment Officer di Banque Lombard Odier & Cie SA 02/12/2020 11:07

tempo di lettura

Innanzitutto si consiglia di mantenere un approccio diversificato e agile. Mentre ci addentriamo nel 2020, gli investitori devono prestare particolare attenzione alla gestione di un portafoglio ben diversificato e resiliente. Le inevitabili sorprese metteranno a dura prova le loro allocation e questo significa che, per rimanere flessibili, gli investitori devono essere chiari su come costruiscono le proprie esposizioni e mantenere livelli di liquidità adeguati, pur mantenendo sempre ben a mente le loro conviction.

Portafogli scudo. Per difendere i guadagni di un portafoglio, gli investitori dovrebbero guardare allo yen giapponese, alle opzioni put e all’oro. Preferiamo lo yen giapponese al franco svizzero, poiché dal 2020 in poi il franco ha mostrato correlazioni più deboli con il rischio globale. Gli spread put sugli indici azionari sono un modo relativamente interessante per coprire un portafoglio da un forte calo del mercato. Infine, se gestito tatticamente, gli investimenti in oro possono continuare a svolgere un ruolo di diversificatore all’interno del portafoglio, offrendo una protezione dall’inflazione e dalla volatilità (e dai timori del mercato).

Identificare il rendimento attraverso strategie di carry. I bassi rendimenti del reddito fisso tradizionale richiedono ora un approccio più attivo. Le strategie di Carry, soprattutto nel segmento high yield, dovrebbero offrire buoni risultati in questo contesto di bassi rendimenti e moderata volatilità. Rimaniamo sovrappesati anche nelle hard currency dei mercati emergenti e prevediamo che gli spread restino stabili. La crescita dei mercati emergenti dovrebbe migliorare e la Cina sta già mostrando segni di stabilizzazione. I fondamentali del credito sono solidi, in quanto negli ultimi anni le aziende sono state prudenti e quindi, a livello globale, la leva finanziaria netta degli emergenti è in calo. Gli investitori dovrebbero concentrarsi su solide metriche di credito quando scelgono le società in cui investire e guardare al segmento crossover (BBB/BB). Preferiamo ridurre la struttura del capitale (ad esempio in obbligazioni subordinate e ibride) in società fondamentalmente solide, piuttosto che compromettere la qualità del credito. Ci piacciono anche gli emittenti del Corporate Sector Purchase Programme (CSPP) e i loro sostituti in tutte le valute.

Focus sulla qualità dell’azionario. Ci sono ancora un serie di opportunità per quanto riguarda il segmento azionario quality e growth. Ci aspettiamo che questo comparto registri rendimenti positivi nel 2020, con un potenziale di ulteriori guadagni di mercato se, come sembra, i negoziati commerciali proseguono. I risultati del terzo trimestre hanno superato le attese – seppure basse – e la crescita degli utili resta debole. Quindi, le guidance per il prossimo anno – nonostante non siano particolarmente interessanti dal punto di vista del rischio/rendimento – continuano a resistere e le valutazioni dovrebbero continuare ad essere sostenute dalla politica monetaria accomodante adottata dalla banche centrali. A causa della minore liquidità delle small cap globali preferiamo nomi più grandi nei segmenti value e growth.

Settori azionari. Visto che ci sono diversi segnali che indicano un calo della produzione, gli investitori dovrebbero tenere d’occhio i nomi del settore industriale e bilanciare l’esposizione tra settori difensivi e ciclici. La rotazione della leadership di settore dovrebbe continuare, fattore che sottolinea l’importanza di questo approccio. In particolare, continuiamo a incrementare l’esposizione ai settori dell’healthcare e dell’energia e continuiamo a essere sovrappesati nell’Information Technolgy. Tuttavia visti gli attuali livelli elevati di liquidità e le strategie di arbitraggio del rischio ancora sottoinvestite, c’è è il rischio che gli investitori comincino a rincorrere un mercato in crescita nel 2020.

Azionario emergente. Siamo cautamente ottimisti sui mercati emergenti per il prossimo anno. Il Brasile è la nostra prima scelta in America Latina: il paese sta modificando al propria politica macroeconomica e una ripresa economica dovrebbe stimolare la crescita degli utili. L’azionario emergente – Cina compresa – presenta maggior opportunità, soprattutto se o quando la controversia commerciale viene risolta e, come stimiamo, il dollaro si indebolisce.

7. Investire in attività reali

Al momento le valutazioni degli asset, di private equity, private debt o infrastrutture sembrano elevate, ma sono tutte supportate da un contesto di bassi tassi di interesse. Non sembra che ci sia una bolla in queste asset class alternative perché i prezzi e i fondamentali non sembrano scollegati. Se da un alto le valutazioni elevate (come molte altre classi d’investimento) rendono queste asset class vulnerabili a qualsiasi cambiamento improvviso del sentiment o dell’ambiente, dall’altro permettono loro di rimanere in un certo senso isolate dalla loro illiquidità. Per gli investitori in euro e in franchi svizzeri, il real estate resta una delle ultime asset class in grado di offrire un rendimento ragionevole con una volatilità limitata.

Dollaro più debole. Il rally del dollaro riportato nel 2020 e la resilienza del 2020 si spiegano con l’interazione delle tensioni commerciali, il conseguente rallentamento della crescita globale e la sovraperformance degli Stati Uniti rispetto al resto del mondo, soprattutto grazie agli stimoli fiscali. Tuttavia ora che i dati suggeriscono un forte calo dell’economia globale e ci sono i primi segnali di una soluzione della controversia commerciale, i rischi di coda si stanno dissipando. È probabile che questo getti le basi per una performance più debole per il dollaro nel 2020. Per l’ultimo trimestre del 2020 prevediamo che il cambio EUR-USD si attesti a 1,15 e il cambio USD-CHF a 0,97.

Sterlina per capitalizzare gli sviluppi della Brexit. Ci aspettiamo che il partito conservatore ottenga la maggioranza in parlamento alle elezioni del 12 dicembre, fattore che dovrebbe consentire loro di ratificare il Withdrawal Agreement e spianare la strada ai negoziati commerciali. Questo dovrebbero supportare al rialzo al performance della sterlina sottovalutata e si dovrebbe escludere quel che resta del premio di una Brexit no-deal. Ci aspettiamo che il cambio GBP-USD arrivi a 1,35 nel quarto trimestre del 2020.

Le valute emergenti sono in attesa di performance al rialzo. Le valute emergenti si sono deprezzate anche nel 2020, penalizzate dal rallentamento del commercio globale. Una stabilizzazione del commercio (il nostro scenario di base), l’impatto ritardato dei modesti stimoli cinesi e un significativo allentamento della politica dei mercati emergenti, dovrebbe incoraggiare una ripresa della crescita della regione e fornire un certo sostegno alle valute. Sebbene vi siano ampie variazioni, nel complesso, le valute emergenti sembrano sottovalutate. Il nostro scenario centrale indica un rendimento spot del 3-4% nell’Indice Emerging Market Currency di JPMorgan. Preferiamo il rublo russo, il ringgit malese, il sol peruviano e il peso messicano: tutti valute sottovalutate che mostrano bilanci esterni solidi e, probabilmente, trarranno beneficio da fattori idiosincratici nel 2020.

Migliori Investimenti da Fare Oggi: 14 Idee per Investire al Meglio [Guida 2020]

Come far fruttare i propri soldi in maniera sicura? Se sei alla ricerca dei migliori investimenti da fare oggi, sei in una fase storica particolare perché il 2020 si è aperto con molti eventi sui mercati finanziari a causa dell’emergenza Coronavirus che ha sconvolto il mondo.

In questa guida vedremo insieme proprio dove investire quest’anno, tracciando una serie di consigli fondamentali per far fruttare i propri risparmi.

…Ma qual è il miglior investimento del 2020?

Come ho già spiegato in tantissime occasioni, non esiste una risposta univoca e adattabile alle esigenze di tutti. Esistono infatti soluzioni differenti per cercare di elaborare investimenti redditizi e garantiti. Tuttavia il concetto stesso di “redditizio” è soggettivo: dipende da quanti rischi sei disposto a correre.

Più sei disposto a rischiare e più potrai guadagnare (o perdere!). Tuttavia il rischio è un elemento che spaventa molti dei potenziali investitori e risparmiatori, ma è anche vero però che gli investimenti sicuri rischiano di farci fruttare davvero poco.

Se vuoi chiarirti le idee e informarti sulle varie possibilità, ecco i consigli di cui puoi avere bisogno per cominciare a prenderti cura del tuo patrimonio.

#1 Definisci i tuoi obiettivi

Il primo consiglio che ti fornisco riguarda la definizione degli obiettivi: prima di pensare ai prodotti o ai servizi è fondamentale che tu ti chieda cosa sia giusto per te.

Se sei finito su questa pagina dopo alcune ricerche su Google ti sarai reso conto che, tutti gli altri siti, non hanno alcun interesse a fornirti informazioni ma puntano subito a venderti cose: la maggior parte di loro ci crede talmente poco in quello che scrive che lo fa anonimamente, senza metterci la faccia come me.

Dal 2020 ho scritto migliaia di articoli sugli investimenti ed ho realizzato centinaia di ore di video e podcast in cui affronto il tema con serietà e precisione: se sei nuovo su Affari Miei potrebbe tornarti utile compilare il quiz che ti rivela che investitore sei.

In questo modo ti guiderò, in maniera comoda e veloce, verso i migliori contenuti personalizzati in base alla tua situazione di partenza ed alle tue aspettative.

#2 Piattaforme di Crowdfunding per Piccoli Investimenti

La tendenza del 2020 è rappresentata dalle piattaforme di crowdfunding che, grazie ad una barriera di accesso bassa – su molte bastano 50 o 100 euro per cominciare ad investire – permettono a tutti di accedere a mercati decisamente interessanti come l’immobiliare, il lending crowdfunding e l’equity crowdfunding.

Su questi temi ho scritto tantissimo e se ne hai sentito parlare ti consiglio di leggere attentamente le prossime righe.

Investi nei migliori immobili italiani online a partire da 100€

RECROWD è una piattaforma di crowdfunding immobiliare italiana che ti permette di partecipare ad operazioni ad alto rendimento.

Con RECROWD finanzi le operazioni con la formula del lending crowdfunding a partire da soli 100€ come investimento minimo.

In questo modo puoi accedere ad investimenti con rendimenti promettenti anche con piccole cifre e, soprattutto, puoi diversificare distribuendo il tuo capitale su più immobili.

RECROWD ha già ricevuto riconoscimenti da Il Sole 24 Ore, Wired e Milano Finanza ed è diventata in poco tempo una delle piattaforme di riferimento per investimenti immobiliari con piccole cifre.

#3 Le biotecnologie

Un ramo che sta iniziando a essere messo in luce è quello legato al Biotech: il settore scientifico è in perenne rinnovamento e per questo numerose aziende di livello mondiale stanno investendo grandissimi capitali per costruire soluzioni a problemi di enorme impatto sull’umanità.

E per i piccoli investitori? In realtà siamo davanti a un ambito di investimento che sembra promettere guadagni nel futuro, poiché è un settore in crescita.

Sulla piattaforma eToro, piattaforma che approfondiremo meglio nei prossimi paragrafi, ho selezionato un fondo denominato CRISPR – Tech che investe nel Genome Engineering e che nel 2020 ha fruttato il 47%. La piattaforma classifica il grado di rischio da 1 a 10 e in questo ambito siamo a 6 su 10.

Cosa devi fare tu? Iscriverti, studiare e capire la strategia dei migliori trader della piattaforma che, quotidianamente, ti dicono cosa bisogna fare.

#4 Investi sul mercato azionario con 0 Commissioni

Se vuoi investire nel mercato azionario cercando di diversificare, devi sapere che esistono molte opportunità perché oggi il web ha semplificato tutto.

In via generale, quello che posso dirti è che guadagnare in borsa non è semplice: essere pratici è importante per poter individuare gli investimenti che più si avvicinano a noi e al nostro profilo di rischio.

Di buono c’è che su questo tipo di mercato possiamo confrontarci con un’offerta davvero variegata, che consente di elaborare strategie diversificate in grado di soddisfare sia gli investitori ad alto rischio, sia quelli che invece preferiscono strumenti meno rischiosi.

Per quanto riguarda invece il trading online, bisogna prestare attenzione a come si sfrutta tale strumento che, se ben usato, può portare a buoni risultati.

Se mastichi già o vuoi capire come iniziare con poco, leggi pure la guida per comprare azioni.

#5 Social Trading per Investitori più Smart

Finora abbiamo capito che avventurarsi in mercati e investimenti a noi sconosciuti potrebbe non essere quasi mai una buona idea.

Se tuttavia vuoi addentrarti in questo settore, puoi però valutare un’alternativa che potrebbe portare il rischio ad abbassarsi, ossia sfruttare il social trading e la piattaforma a cui ho già fatto riferimento, ossia eToro.

#6 Investi nel futuro con la Green Economy

La green economy rappresenta uno dei Megatrend di sviluppo con maggior margine di crescita. Infatti, sempre più persone e imprese hanno iniziato a dedicare maggiore spazio al tema del rispetto ambientale, cercando di agire in modo tale da ridurre gli sprechi e i consumi energetici.

Già da qualche tempo, moltissime aziende in tutto il mondo hanno avviato progetti di riqualificazione energetica che garantiscono un interessante margine di rendimento per chi vi investe: il web permette a tutti di aderire ai progetti online di investimento.

La piattaforma di riferimento nel nostro Paese è Ener2Crowd: aderendo ai suoi progetti, con poche centinaia di euro finanzi progetti che mirano all’efficienza energetica e allo sviluppo pulito.

La modalità di investimento di Ener2Crowd è quella del lending crowdfundng: quando vi investi il tuo denaro, vai a finanziare operazioni, ottenendo in cambio di un tasso d’interesse riconosciuto a scadenza o periodicamente.

Le operazioni sono caratterizzate da un sottostante concreto, poiché le aziende coinvolte acquistano terreni e impianti per poter produrre energia rinnovabile. In alternativa, intervengono su edifici già esistenti ma che vanno efficientati.

Con Ener2Crowd puoi mettere a punto:

  • Investimenti Sostenibili: contribuirai allo sviluppo di un settore rispettoso dell’ambiente e economicamente promettente;
  • Investimenti Potenzialmente redditizi: la green economy sta conquistando gli scenari di tutto il mondo, e ciò può essere un modo per agganciare il trend;
  • Investimenti condivisi: iscrivendoti a Ener2Crowd, hai accesso alla community di investitori che condivide progetti e valori. Resti sempre aggiornato sempre sulle ultime offerte che puoi sottoscrivere.

#7 Diventa socio di progetti di sviluppo immobiliare

Cos’è Concrete Investing? Si tratta di una piattaforma autorizzata dalla CONSOB che opera nel campo dell’equity crowdfunding immobiliare.

Diversamente da altre piattaforme che ti consentono di diventare esclusivamente finanziatore, con Concrete Investing puoi assumere la titolarità di socio dei progetti.

Tali progetti sono caratterizzati da una durata media di circa 12 mesi e da un obiettivo di ritorno del 10%.

L’azienda si pone come punto di incontro e dialogo tra gli investitori professionali e risparmiatori qualificati: infatti, vanta partner molto conosciuti nel settore quali Percassi Immobiliare ed Impresa Rusconi.

Il Sole 24 Ore e Repubblica hanno recensito in modo positivo Concrete Investing, sottolineandone il carattere innovativo che si può riassumere nei seguenti vantaggi:

  • Investitori qualificati: la somma minima per investire cambia in base ai progetti ed è mediamente alta. Infatti, si parla di circa 5.000 euro. Ciò permette la partecipazione solo degli investitori motivati e facoltosi, oppure società che investono professionalmente. Questa è una garanzia di serietà per te;
  • Autorizzazione CONSOB: Concrete Investing è una società di equity che vanta l’autorizzazione di questa importante autorità italiana; investendo diventi socio delle società che mettono a punto i progetti, che sono sottoposti alla vigilanza prevista dalla legge;
  • Massima Privacy: questa piattaforma si avvale di una società approvata dal Ministero dello Sviluppo Economico e della Banca d’Italia. Ciò permette di avere l’intestazione fiduciaria delle quote. In altre parole, puoi diventare socio dei progetti e godere della garanzia dell’anonimato rispetto ai terzi;
  • Qualità dei progetti: Concrete Investing seleziona attentamente i progetti.

#8 Investire in Start-up Innovative: Agevolazioni Fiscali del 30%

Il motore dell’economia moderna sono le startup e le PMI innovative perché, grazie alle nuove tecnologie ed allo spirito intraprendente dei nuovi imprenditori, riescono a realizzare risultati straordinari.

Da oggi anche in Italia è possibile investire in Startup o PMI Innovative grazie all’Equity Crowdfunding, canale regolamentato dalla Consob che ti permette di acquistare azioni o quote di aziende italiane con forti possibilità di crescita.

Wearestarting.it è il principale portale italiano dedicato a questa modalità d’investimento che mette in contatto gli investitori con le startup e PMI. Bastano appena 300€ per investire nel futuro scegliendo uno dei tantissimi progetti presenti in piattaforma che attendono solo capitali per crescere.

I vantaggi, per te che sei investitore, sono moltissimi:

  • Rivalutazione delle quote: il valore del tuo investimento può crescere esponenzialmente con la crescita del valore dell’azienda. Acquistando oggi a prezzo basso puoi rivendere domani con guadagni potenziali molto elevati;
  • Assenza di burocrazia: si fa tutto online, non è necessario che tu incontri fisicamente i soci o partecipi ad assemblee, ti basta soltanto sottoscrivere la tua quota tramite la piattaforma esattamente come quando investi in borsa;
  • Dividendo annuo: diventando socio di aziende, hai diritto a percepire annualmente i dividendi come un normale investimento azionario;
  • Detrazione IRPEF o IRES del 30%: questo è il momento storico migliore per investire in start-up perché la legge italiana ti agevola fiscalmente.

Wearestarting.it è un’iniziativa italiana che è stata elogiata da autorevoli quotidiani come Il Corriere della Sera, Forbes, La Stampa ed Il Sole 24 Ore ed è stata premiata da ING come migliore piattaforma di equity crowdfunding del 2020.

Per investire nelle migliori realtà emergenti ed innovative non devi fare altro che registrarti sul sito ufficiale e scegliere tra i progetti in questo momento attivi o tra quelli che, quotidianamente, vengono presentati sulla piattaforma.

#9 Scarica il Video Corso “Investi con Buon Senso” Gratis

Dalla lettura del blog ti stai rendendo conto che investire i soldi è una cosa complessa.

Ho pensato di semplificarti la vita in questo modo: scarica il video corso “Investi con Buon Senso” gratuitamente e ricevi subito oltre 1 ora di video in cui ti racconto tutto quello che devi sapere.

Non devi perdere tempo di andare a cercare le informazioni, sarò io a spiegarti come approcciarti con oltre 1 ora di contenuti straordinari.

#10 Il settore immobiliare

Il settore immobiliare sembra essere in lenta ripresa e nuove opportunità si muovono in questa direzione per chi vuole investire.

Questo sembra essere il momento migliore per investire sul mattone, poiché i prezzi di acquisto sono ancora bassissimi, mentre quelli d’affitto sono decisamente alti.

Tuttavia il discorso non è lineare e semplice: questo mercato ha le sue debolezze. Infatti, se acquistassimo la prima casa avremmo imposte importanti da pagare per acquistare, e se dovessimo rivendere nel giro dei primi 5 anni, allora dovremmo fronteggiare tasse sul reddito in relazione alla plusvalenza guadagnata.

C’è da dire che il modo giusto per vedere questo tipo di investimento è quello di pesare ad un investimento sul periodo medio lungo.

Si tratta di un tema davvero molto complicato che non posso approfondire in questa sede, o rischiamo di perderci.

Se vuoi saperne di più in generale sul tema ne ho parlato approfonditamente qui:

#11 Conti di Deposito per investimenti sicuri

Una soluzione per mettere al riparo i propri risparmi guadagnando qualcosa è offerta dai conti di deposito. Come ho detto, ad oggi gli interessi offerti sono davvero minimi e dunque questa non è una soluzione che ti garantirà grandi rendimenti.

Puoi approfondire per farti un’idea utilizzando Conto Deposito TOP, il servizio gratuito creato da Affari Miei che ti aiuta a trovare il miglior conto deposito per te.

Se però vuoi comunque avere una piccolissima rendita senza correre nessun rischio, allora ti conviene valutare le varie opzioni e, in particolare, puoi consultare le principali offerte dle momento.

I conti deposito vanno confrontati sulla base di due caratteristiche:

  • Durata del vincolo: generalmente maggiore è la durata del vincolo e più elevati sono i rendimenti;
  • Tasso d’interesse: confronta i tassi proposti dalle banche per singola scadenza ed individua quello più consono per le tue aspettative.

Fino a 100 Mila Euro i conti deposito sono protetti dalla garanzia pubblica del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi: se hai un capitale inferiore a questa cifra, quindi, non cogli alcun rischio.

#12 Buoni fruttiferi postali indicizzati all’inflazione italiana e BTP

Sebbene ad oggi l’idea sembri ancora molto lontana, è possibile che la nostra economia possa subire una ripresa tale da poter rendere appetibili i buoni fruttiferi postali oppure i BTP Italia (quando saranno emessi), due prodotti legati al caro vita, ai consumi e all’economia.

Ovviamente si tratta di strumenti che non comportano chissà quali rendimenti, tuttavia potrebbe essere una soluzione per riparare i propri risparmi dalla svalutazione che difficilmente ci risparmierà.

Tuttavia si tratta di soluzioni ipotetiche: infatti per il 2020 ancora non esistono questo tipo di opzioni e bisognerà le prossime emissioni.

#13 Investire in obbligazioni

Un’altra soluzione che comporta rischi piuttosto bassi è quella legata alle obbligazioni statali. Il vantaggio è che non bisogna essere necessariamente essere esperti per cimentarsi in questo tipo di operazione.

C’è comunque da dire che le obbligazioni non si sviluppano tutte allo stesso modo e dunque dovrai tenere in debita considerazione le differenze tra l’una e l’altra, ad esempio:

  • il rating: ossia il riassunto della solidità dell’ente che ha emesso il titolo; come leggerlo? Se il rating è alto allora il titolo è affidabile, e quindi il rischio dovrebbe essere più basso.
  • il tasso di interesse: questo dato si riferisce alla rendita che il titolo ti può garantire; questo può essere percepito sia regolarmente che alla scadenza. Attenzione al tasso, perché più è goloso e più il rischio sale;
  • la durata: maggiore è la scadenza e più è alto il tasso di interesse e dunque, più alto è il rischio;
  • la valuta: considera che non tutti i paesi adoperano come riferimento l’euro. Se un titolo viene emesso in valuta locale il rischio sarà più alto poiché si aggiunge un rischio di cambio a lungo andare.

Attenzione, ricorda che le obbligazioni non sempre sono a basso rischio e quindi valuta bene e variabili che ti ho fornito, o rischi di agire in modo molto negativo sul capitale.

#14 Apri un’attività in franchising

Se stai cercando un’attività in cui investire per darti da fare in prima persona, ti consiglio di considerare l’ipotesi di investire in un franchising.

  • I vantaggi di aprire in franchising sono diversi perché:
  • Hai a disposizione un’attività che ha già funzionato altrove;
  • L’azienda madre fornisce formazione gratuita per gli affiliati;
  • Se non hai mai lavorato in proprio, è il modo migliore per iniziare perché il tuo rischio d’impresa è “attenuato” dalla formazione offerta dalla casa madre e dallo storico dell’attività che ha già dimostrato di funzionare.

Se questa prospettiva ti alletta, ti consiglio di dare uno sguardo alle tantissime opportunità presenti nella top 100 dei franchising di Affari Miei.


Conclusioni

Come abbiamo visto in apertura, oggi purtroppo possiamo investire in due modi: rischiando molto e magari guadagnando molto, oppure rischiando poco e guadagnando poco. Non esistono vie di mezzo particolarmente appetibili.

Per questo è bene essere consci di ciò che si è disposti a rischiare quando si investe, e nel caso in cui si decidesse di investire cifre alte su territori meno stabili, allora dovrai essere preparato: non solo a perdere i tuoi soldi, ma preparato da un unto di vista di conoscenze.

Sapere cosa stai facendo è importantissimo.

In questo articolo ho cercato di aiutarti a fare una panoramica di ciò che il mercato finanziario e non solo ha da offrire ai risparmiatori; tuttavia si tratta di un tema davvero ampio e generico e dunque potresti aver bisogno di consultare altre guide di approfondimento.

Alcune le hai già trovate nel corso della guida, altre potrebbero essere queste:

Vuoi imparare ad investire i tuoi risparmi autonomamente senza correre rischi assurdi?

Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

Impiego ore a scrivere articoli che ti aiutano a migliorare le tue finanze: aiuta anche gli altri a farsi gli affari propri!

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Quanto puoi guadagnare con le opzioni binarie?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: