Opzioni binarie miti da sfatare.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Opzioni binarie: miti da sfatare.

Ognuno di noi ha un obiettivo da raggiungere, ma ultimamente sono sempre più persone che vedono nelle opzioni binarie un metodo praticamente infallibile per far soldi, andando dunque a migliorare senza ombra di dubbio, la propria posizione economica.

In effetti le opzioni binarie riescono chiaramente a fare tutto ciò, ma buona parte del merito sarà soprattutto del trader che riuscirà senza grandi sforzi a concretizzare le proprie conoscenze e strategie affinate nel tempo. Stiamo parlando di una particolare branca che non resta costante nel tempo, ma che è in continua evoluzione, motivo per cui sarà fondamentale tenersi sempre aggiornati, al fine di migliorare la propria esperienza e riuscire a portare a casa ottimi investimenti.

In molti sostengono che operare con le opzioni binarie sie di una semplicità disarmante, beh questo in parte è vero, non possiamo affermare il contrario, ma nonostante ciò, non tutti riescono a guadagnare, la vera difficoltà è proprio questa e sono sempre meno le persone che mettono in evidenza tale aspetto.

Iniziare ad operare è davvero semplice, chiunque potrebbe farlo, basterà aprire un conto, depositare una quota iniziale e completare l’iscrizione in pochi passaggi, il tutto dunque potrà essere fatto anche da un novizio, senza incontrare particolari ostacoli, ma il punto è che bisognerà anche guadagnare e qui la strada sarà leggermente più in salita.

E’ importante dunque sfatare questo mito, non tutti sono in grado di guadagnare o di far registrare delle entrate costanti nel tempo, sarebbe fin troppo bello affidarsi ad un servizio senza muovere un dito, ma questa cari miei è pura fantascienza!

Le opzioni binarie ed il guadagno facile

Spesso vanno a braccetto queste due particolarità, ma sarà compito del trader, capire fin dove spingersi, infatti, quando circola del denaro non vi sarà mai nulla di ovvio e semplice, occorrerà pur sempre avere delle basi solide ed una certa esperienza maturata nel tempo.

Lanciarsi nelle opzioni binarie senza esperienza significherà fallire sin da subito, stesso discorso vale per chi non utilizza gli strumenti d’analisi, essi sono fondamentali e permetteranno a chiunque, se utilizzati nel modo giusto, di controllare il mercato attuale, analizzando eventuali trend e cercando quindi di puntare su quelli che nel tempo si riveleranno gli investimenti giusti.

I traders variano in continuazione, ce ne sono alcuni che decidono di puntare senza particolari schemi, ma le loro saranno delle mosse azzardate, altri che invece gestiscono il tutto con maggior oculatezza, andando a rispettare il money management, riuscendo a destreggiarsi al meglio senza strafare.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Ad ogni modo non fatevi prendere dalla fretta, cercate sempre di valutare eventuali rischi e difficoltà che ogni settore presenterà nel tempo, un giusto approccio vi consentirà di portare a casa interessanti guadagni, limitando eventuali perdite!

Archive | opzioni binarie

I migliori 5 video di opzioni binarie su youtube

Probabilmente non lo sapete, ma sul web è possibile trovare tantissime fonti affidabili, ove reperire informazioni preziose, al fine di migliorare la propria esperienza nel campo delle opzioni binarie. Ci sono ovviamente anche ebook specifici, alcuni gratuiti, altri a pagamento, ma nulla aiuta più dei video dimostrativi, i quali il più delle volte vengono proposti […]

Come leggere un grafico di 24option prima di investire

Di brokers online ce ne sono davvero tanti, ma sono sempre più quei traders che decidono di affidarsi a realtà che operano nel settore già da svariato tempo, una di queste è indubbiamente 24 option! La particolarità di 24 option è che il broker in questione offre tanti spunti interessanti per i propri utenti, ma […]

Social trading anche nelle opzioni binarie? Dove copiare i migliori.

Premettendo che un trader che si rispetti non dovrebbe mai copiare gli altri, ci sono ovviamente delle eccezioni e poi tutto sommato, chiunque ha la possibilità di scegliere quale strada percorrere, al fine di guadagnare soldi, magari puntando su determinati investimenti. Da un po di tempo a questa parte, sta prendendo molto piede il cosiddetto […]

Per fare soldi con le opzioni binarie ci vogliono tanti soldi?

Cerchiamo sin da subito di sfatare determinate affermazioni, questo perchè potrebbero in qualche modo cambiare l’opinione di chi magari desidera puntare con decisione su una nuova realtà quale ad esempio quella delle opzioni binarie. Non è affatto vero che per vincere e diventare ricchi sarà opportuno investire tanti soldi, ovviamente chi ne ha a disposizione […]

Broker opzioni binarie, la guerra del marketing

Avvicinarsi alle opzioni binarie può sembrare da un lato estremamente divertente, ma dall’altro dovrebbe quantomeno destare un minimo di preoccupazione, semplicemente perchè in ballo ci sono soldi veri, gli stessi che potrebbero, nel bene o nel male, cambiare la nostra attuale situazione economica. Lo abbiamo affermato più volte, al giorno d’oggi il fenomeno è in […]

Come scegliere un broker di opzioni binarie

Se avete le idee un po confuse su quale sia il miglior broker per le opzioni binarie, sarà importante fare un po di chiarezza, onde evitare di effettuare una scelta sbagliata che potrebbe crearvi non pochi problemi durante tutta la vostra attività. E’ pur vero che al giorno d’oggi di alternative ce ne sono fin […]

Opzioni binarie: miti da sfatare.

Ognuno di noi ha un obiettivo da raggiungere, ma ultimamente sono sempre più persone che vedono nelle opzioni binarie un metodo praticamente infallibile per far soldi, andando dunque a migliorare senza ombra di dubbio, la propria posizione economica. In effetti le opzioni binarie riescono chiaramente a fare tutto ciò, ma buona parte del merito sarà […]

Deposito facile, prelievo difficile. Come mai?

Nelle opzioni binarie è importante a mio avviso iniziare con un periodo di prova e mi riferisco in particolar modo ai novizi, ovvero a tutti quei traders che non hanno una piena conoscenza della materia e che potrebbero incappare in qualche grande errore. Partendo magari con un conto demo, non vi saranno problemi di perdite […]

I migliori 5 tool ed indicatori per le opzioni binarie

Quando si opera nel trading o nello specifico nelle opzioni binarie è sempre utile affidarsi ad alcuni strumenti che pian piano potrebbero facilitarci il tutto, aiutandoci persino a limitare le perdite e ridurre al massimo il margine di errore. Non è affatto semplice, ci vorrà esperienza e tanto esercizio, ma chiunque dopo un periodo di […]

Le migliori 5 strategie per principianti con le opzioni binarie

Operare con le opzioni binarie al giorno d’oggi non è più un problema, in tanti desiderano guadagnare investendo con moderazione, ma ovviamente sarà fondamentale poter vantare determinate conoscenze, in assenza delle quali sarà praticamente impossibile portare a casa risultati entusiasmanti. Cerchiamo ad esempio di valutare qualche strategia, qualche consiglio per evitare di incappare in spiacevoli […]

Call e put insieme? Ci sono alcuni miti da sfatare in questa strategia in opzioni

Call o put? Strategie in opzioni: cosa funziona e cosa no

Volete farvi una seria cultura sulle opzioni? Oggi su internet è quasi impossibile. Provate a digitare parole chiave come strategie opzioni, strategie opzioni efficaci, strategie opzioni valide, fare trading con le opzioni, et similia: non troverete altro che opzioni binarie. Le care vecchie call e put sono passate in secondo piano. I prodotti tradizionali non fanno più notizia, forse perché non promettono profitti stratosferici in 30 o 60 secondi. Call e put tradizionali sembrano non essere più strumenti a leva come lo sono sempre state: il “problema” è che ci mettono troppo a scadere; perfino una settimana è diventato un tempo troppo lungo per i cacciatori del guadagno facile e sicuro in Borsa.

Call o put? Per la cronaca, esistono ancora, e sono sempre valide!

Eppure le tradizionali call e put non hanno smesso di creare opportunità per chi le sappia cercare. E a fianco di tante strategie blasonate che hanno ampiamente dimostrato di essere fallimentari in un largo numero di casi, call e put standard – chiamatele regolamentate, ufficiali, se volete – usate con semplicità e intelligenza possono ancora stupirvi.

In questo e in tanti articoli che seguiranno parleremo a lungo di strategie in call e put che funzionano e anche di strategie in call e put che non funzionano, perché alcuni vecchi miti del trading in opzioni devono essere sfatati una volta per tutte. Di uno di questi, l’iron condor, ci siamo già occupati un paio di settimane fa. Ne abbiamo parlato anche ad Algoritmica a Bologna.

Call e put insieme? Ci sono alcuni miti da sfatare…

In poche parole, l’iron condor è una strategia che sfrutta put, call e la statistica per tentare di trarre vantaggio dal comportamento tipico del mercato per la maggior parte del tempo: quello di non compiere movimenti rilevanti per lunghi lassi di tempo. Il problema, come è stato chiaramente mostrato ai partecipanti al convegno, è che la statistica in questi casi può essere fuorviante, e portare a prendere decisioni sbagliate, che si traducono in strategie che sistematicamente perdono o non producono reddito stabilmente.

Nulla che non si possa risolvere, comunque, a patto di conoscere bene gli strumenti e di sapere come fare per migliorare il rendimento di strategie semplici costruite con strumenti semplici: le tradizionali call e put, appunto.

Questa volta vi parlo di un’altra strategia apparentemente banale, tanto banale da essere inflazionatissima. Anche qui il concetto è giusto, ma la sua applicazione è spesso errata, e ciò si traduce in perdite, a volte devastanti.

Put, put e solo put: il mestiere delle assicurazioni

Parliamo di put, solo di put, questa volta. E nello specifico parliamo di naked put selling, cioè di vendita di put senza alcuna copertura.

Per chi non lo sapesse, una put rappresenta – per chi la detiene, perché l’ha comprata e pagata – un diritto di vendita su un certo strumento, ad un certo prezzo (lo strike) e ad una certa data (o in qualsiasi momento precedente una certa data). Un esempio semplice: compro una put sul titolo Eni strike 13 euro e scadenza settembre. Ho comprato – pagando un costo, detto premio – il diritto di vendere azioni Eni a 13 euro ciascuna entro un certo giorno di settembre. Lasciamo stare i dettagli perché poco importano qui. Ciò che conta è il concetto: se ho azioni Eni in tasca e voglio proteggermi da un loro possibile ribasso, posso comprare put strike 13 e avere così il diritto di liberarmi di quelle azioni a 13 euro entro una certa data futura. Se le cose si mettono male e le quotazioni crollano io potrò sempre e comunque esercitare la put e vendere le mie azioni a 13 euro ciascuna.

A danno di chi? Di chi mi ha venduto la put, ovviamente: lui ha incassato il premio che io ho pagato per assicurarmi dal rischio di perdere più di quanto io sia disposto a tollerare; se il prezzo delle azioni Eni non scende io non avrò alcuna convenienza ad esercitare la put, quindi la lascerò scadere senza far nulla, e perderò il premio pagato, come se avessi fatto una polizza di assicurazioni su un qualsiasi altro rischio, fisico o finanziario che fosse.

Vendere put per incassare premi su eventi a basso rischio

Bene, parliamo del ruolo del venditore della put: egli funge da assicuratore, ossia assume su di sé il rischio di un evento a bassa probabilità – il crollo del prezzo delle azioni Eni – facendosi pagare un certo premio per fare ciò.

Put vendute: la chiave è la diversificazione

Una pratica rischiosa? Certamente sì, se fatta su un solo titolo. Ma se la si reitera su decine di titoli, diversificando il rischio, il discorso cambia radicalmente: vendere put su tanti titoli diversi equivale a porsi come assicuratori di tanti investitori cauti, disposti a pagare qualcosa per avere in mano opzioni put che possano fungere da paracadute in caso di forti ribassi dei prezzi.

Ma da sola non basta: troppe put vendute indiscriminatamente portano rischi enormi

La sola diversificazione è sufficiente a rendere la vendita scoperta di put una strategia vincente sui mercati finanziari? Questo è ciò che vi viene raccontato, ma la risposta è negativa: diversificare non basta. Le put vendute indiscriminatamente, senza una logica selezione dei titoli sottostanti, possono produrre perdite devastanti sui vostri conti di trading, perciò dovete escogitare un modo più furbo di muovervi.

Ebbene, qui ci vogliono tempo, impegno, strumenti informatici appropriati, e competenze. Ed ecco cosa si può ottenere.

Put e call: il mercato americano è il migliore

Se si guarda al mercato americano, dove i sottostanti quotati su cui sono scritte opzioni call e put sono centinaia, è possibile individuare molti titoli che tendono storicamente ad avere comportamenti molto volatili, ma anche altri titoli che storicamente si sono sempre dimostrati poco volatili. Per avere informazioni sul nostro servizio di buy sell sulle opzioni SPY cliccare qui >> Il trading sulle opzioni

Put e call: attenti alla volatilità

Se è vero che volatilità nel mondo delle opzioni call e put significa anche premi maggiori, quindi maggiori incassi per chi vende quelle opzioni (soprattutto le put), è anche vero che la volatilità è una misura di rischio; in particolare di rischio futuro atteso! Maggiore volatilità incorporata nei premi delle opzioni significa infatti maggior volatilità attesa in futuro, quindi rischio aumentato di vedere i prezzi muoversi significativamente nelle due direzioni possibili, minacciando grosse perdite per gli assicuratori.

Put vendute: meglio optare per sottostanti tranquilli

In linea generale forse è meglio incassare meno ma con maggiore serenità, ed è proprio qui che entrano in gioco i sottostanti più “tranquilli”. Ciò che possono offrire è dato da premi più che soddisfacenti a fronte di eventi specifici. Ciò che bisogna fare quindi è analizzare tutti i sottostanti per individuare quelli che meglio si prestano alla vendita di put a fronte di determinate condizioni.

Put vendute: come selezionare i sottostanti migliori

Due esempi particolarmente degni di nota: ci sono molti titoli che a fronte di marcati segnali di forza, come ad esempio un nuovo massimo di lungo periodo, tendono a non subire diminuzioni significative di prezzo per periodi altrettanto lunghi, permettendo quindi di vendere opzioni put con strike relativamente ravvicinati e scadenze medio-lunghe, che portano profitti significativi e rischi perfettamente controllati. Allo stesso modo ci sono titoli che si prestano alla vendita di put dopo eventi ribassisti di una certa portata. L’idea è di attendere una forte discesa del prezzo per posizionarsi su strike che rappresentano ulteriori forti discese, sfruttando statistiche che danno eventi simili come quasi impossibili.

Put vendute: e se le cose vanno male nonostante tutte le precauzioni?

Il rischio maggiore? Quello di trovarsi costretti, dopo un certo tempo, a comprare i titoli sottostanti, a prezzi fortemente decurtati rispetto al momento iniziale. Sono eventualità che raramente possono tradursi in eventi drammatici e che anzi, per chi conosce davvero bene call e put, possono tradursi in eccezionali opportunità di profitto ulteriore.

Ma questa è un’altra storia: si intitola covered call writing; ne parliamo la prossima volta.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Quanto puoi guadagnare con le opzioni binarie?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: