Policy Guadagnare si può

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Guadagnare con il trading online: quanto si può guadagnare?

Novembre 27, 2020 by Redazione

E’ veramente possibile guadagnare con il trading online? Questo articolo farà chiarezza su questo argomento fondamentale. Prima di cominciare è bene fare una puntualizzazione fondamentale: il trading online non è un modo per fare soldi facili.

Chi pensa che grazie al trading si possano guadagnare senza fare niente si sbaglia di grosso ed è anche destinato a perdere soldi. Con il trading si possono ottenere risultati straordinari ma non possiamo definirli facili: ci vuole sempre impegno, tempo, studio. E non bisogna dimenticare l’importanza della scelta della piattaforma di trading online.

Una piattaforma affidabile e sicura, come eToro, è un requisito fondamentale per qualunque carriera nel trading online.

Effettivamente oggi come oggi di piattaforme sicure ce ne sono tante (la situazione è migliorata rispetto a qualche anno fa), abbiamo deciso di citare proprio eToro perché è la più semplice da utilizzare, persino per i veri principianti, cioè coloro che non hanno mai fatto trading online.

Quanto guadagna un trader online

Una delle più grandi curiosità di coloro che si avvicinano per la prima volta al trading online è sapere quanto si guadagna con il trading. Non esiste una risposta definitiva alla domanda quanto guadagna un trader: Warren Buffett, probabilmente il miglior trader al mondo, guadagna molti miliardi di dollari all’anno e infatti è tra gli uomini più ricchi del mondo.

Un piccolo trader alle prime armi può ottenere un profitto mensile di poche centinaia di euro, dipendendo dal tempo che ci dedica, dalla sua preparazione e dal suo impegno. Potrebbe anche perdere soldi, ad esempio scegliendo una piattaforma non sicura e non affidabile (purtroppo le truffe nel trading online ci sono ancora).

Per fare trading online, di solito, si usano i servizi di una piattaforma di trading. E’ la piattaforma che gestisce il conto di trading, che esegue le operazioni e paga gli eventuali profitti. Una buona piattaforma di trading online deve essere autorizzata e regolamentata, altrimenti c’è un elevato rischio di truffe e fregature.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Qui sotto un elenco delle migliori piattaforma di trading regolamentate italiane:

Social Trading (Copia i migliori)

Semplice ed intuitivo

Leva fino a 400 per trader professionisti

Metatrader 4 disponibile

Demo Gratuita Illimitata

Deposito minimo basso

Abbiamo scelto le piattaforme più semplici da utilizzare, in modo che anche un principiante possa riuscire a ottenere da subito dei buoni risultati.

Iniziare a guadagnare con il trading online

Abbiamo fatto il punto sulle piattaforme di trading, come primo passo, perché molti trader che partono da zero non riescono a guadagnare nulla in quanto vengono truffati subito da qualche piattaforma non autorizzata.

Di solito queste piattaforme basano il loro marketing sulla promessa di soldi facili: abbiamo già puntualizzato che i soldi facili con il trading non esistono (anzi, in effetti non esistono e basta).

Le piattaforme serie, autorizzate e regolamentate, mettono in guardia i trader dai potenziali rischi del trading, altro che guadagni facili.

Ma che cosa dovrebbe fare un trader alle prime armi che parte da zero e vorrebbe iniziare a guadagnare? Per prima cosa dovrebbe scegliere una piattaforma autorizzata e regolamentata che sia anche facile da usare. Più sotto parleremo di alcune piattaforme particolarmente consigliate per chi comincia da zero.

Attenzione però: nemmeno la migliore piattaforma di trading garantisce guadagni! Chi vuole ottenere risultati positivi deve impegnarsi e studiare prima di cominciare a operare!

Per questo motivo segnaliamo una delle migliori guide per chi parte da zero, quella di Trade.com. E’ una guida che puoi scaricare gratuitamente e che conta già centinaia di migliaia di download.

Come mai così tanti trader hanno imparato a guadagnare usando questa guida? Per prima cosa è completamente gratuita: purtroppo molti corsi di trading sono a pagamento e possono costare anche tanto (ci sono percorsi che arrivano a costare anche 7.000 euro).

Il bello della guida gratuita di Trade.com è che funziona davvero, cioè spiega per filo e per segno come si fa trading online dal punto di vista pratico. Quindi niente inutile teoria (che poi nessuno la capisce veramente). Inoltre, il linguaggio usato è davvero semplice, adatto anche ad un principiante.

Il trading online non è fatto di teoria, è pratica. Studiare non serve a niente se non si applica subito quello che si studia. Ecco perché il miglior percorso per imparare a guadagnare con il trading online consiste nello studiare una buona guida (come quella che abbiamo segnalato di Trade.com che ha il pregio di essere completamente gratis) e applicare subito i concetti appresi.

Per fare esperienza tutte le migliori piattaforme di trading online mettono a disposizione un conto demo, cioè un conto dove si può operare con denaro virtuale, senza rischi. Grazie alla demo è possibile accumulare esperienza senza correre nessun tipo di rischio e passare poi a operare con denaro reale solo quando si dispone di un’esperienza sufficiente ad andare a colpo sicuro.

Prima di aprire un conto di trading su una piattaforma è sempre opportuno verificare che sia disponibile una demo gratuita. Tutte le piattaforma che abbiamo selezionato mettono a disposizione un conto demo gratuito, illimitato e senza vincoli.

Iniziare con eToro

eToro è l’altra grande opportunità per i trader che vogliono cominciare a operare sui mercati finanziari senza errori. eToro è una piattaforma di trading semplicissima da usare, completamente gratuita e senza commissioni. Ovviamente si tratta di una piattaforma sicura e affidabile perché è autorizzata e regolamentata.

Il punto di forza principale di eToro è la possibilità di copiare, in modo completamente automatico, quello che fanno gli altri trader.

Per il trader principiante è un vero e proprio sogno: basta utilizzare il motore di ricerca interno per trovare i migliori trader da copiare e, con un semplice click, si può iniziare a replicare tutte le loro operazioni.

Il vantaggio di questo sistema è duplice: da una parte si può cominciare a guadagnare da subito, dall’altra è possibile imparare a guadagnare osservando quello che fanno i grandi trader. E’ possibile anche operare in demo, in modo da verificare che il sistema funzioni prima di iniziare a operare con denaro reale.

Iniziare con Trade.com

Trade.com è forse la piattaforma di trading preferita da chi comincia a fare trading online e parte proprio da zero. E’ completamente gratuita, affidabile e sicura. Uno dei punti di forza fondamentale di Trade è l’estrema semplicità dell’interfaccia. Anche il principiante che inizia da zero può utilizzare questa piattaforma senza nessun problema.

Tra l’altro tutti gli iscritti di Trade.com hanno diritto a ricevere l’assistenza telefonica di un vero esperto di trading online. Grazie alla preziosa assistenza di questo esperto il trading online diventa molto più semplice.

Abbiamo già ricordato la grandissima qualità della guida al trading di Trade.com che comunque è disponibile per tutti, anche per chi non è cliente.

Un’altra grande opportunità che eTrade offre ai suoi iscritti è la possibilità di ricevere preziosi segnali di trading. Di solito servizi con predizioni così affidabili hanno un costo molto elevato ma Trade.com lo offre gratis a tutti i suoi iscritti.

Trade è una delle scelte preferite da molti principianti che decidono di fare trading online. E’ possibile ottenere gratuitamente anche un’ottima demo, illimitata e senza vincoli.

Iniziare con Iq Option

Molti trader principianti iniziano con Iq Option perché il deposito minimo è di appena 10 euro. In pratica, grazie a Iq Option è possibile cominciare a fare trading online con un capitale veramente minimo (le altre piattaforme di solito richiedono 250 euro).

Non è obbligatorio fare un deposito per cominciare con Iq Option visto che è possibile anche ottenere un conto demo, completamente gratuito, illimitato e senza vincoli.

La piattaforma di Iq Option si caratterizza per essere veramente molto semplice, intuitiva e facile da usare.

Vivere di trading online

Abbiamo parlato delle migliori piattaforme per fare trading online perché chi vuole guadagnare deve scegliere la piattaforma con estrema cura. Molto spesso la differenza tra coloro che perdono soldi e coloro che guadagnano la fa proprio la piattaforma.

Ma chi sceglie la piattaforma giusta può vivere di trading? Non bisogna mai pensare che guadagnare con il trading online sia semplice. Certo, ci vuole la piattaforma sicura e semplice da usare (ne abbiamo presentate alcune) ma ci vuole anche tanto impegno e tanto studio.

Vivere di trading è assolutamente possibile (e ci sono anche migliaia di italiani che sono proprio diventati ricchi con il trading online) ma non è qualcosa che si può iniziare dalla sera alla mattina.

Chi ha l’obiettivo di vivere di trading dovrebbe fare un piano preciso: iniziare a studiare, a fare esperimenti in demo e poi iniziare anche a fare trading con denaro reale. Questo implica un certo sacrificio, perché bisogna dedicare almeno un’ora al giorno allo studio e alla pratica ma i risultati poi arrivano e ripagano di qualunque sforzo fatto.

Che cosa dovrebbe fare chi ha già un lavoro e vorrebbe vivere di trading? Stringere i denti e provare ad andare avanti senza lasciare il proprio lavoro. Di solito si consiglia di dimettersi dal lavoro e dedicare tutta la giornata al trading quando si riesce a ottenere un profitto mensile che è almeno 5 volte lo stipendio che si riceve come lavoratore dipendente.

Chi invece non ha un lavoro può ovviamente dedicare da subito tutta la sua giornata al trading online.

Prima di concludere questo paragrafo dedicato a coloro che vivono di trading online è bene fare una precisazione: spesso si pensa al trader di professione come una persona che guadagna tantissimo e che passa la sua vita costantemente in vacanza, magari sorseggiando un cocktail ai bordi di una bella piscina, circondato da belle donne.

La verità è un po’ diversa: è vero che ci sono trader di professione che guadagno tantissimo e probabilmente andranno anche in vacanza ma di solito passano il loro tempo dietro un computer a fare trading. Se passassero la vita ai bordi di una piscina non guadagnerebbero nulla.

I vantaggi di vivere di trading comunque sono tanti: si ha a disposizione un reddito potenzialmente illimitato, si può lavorare direttamente da casa, si può gestire liberamente il proprio tempo, senza capi e senza responsabilità. Insomma, sicuramente non male…

Chi è diventato ricco con il trading

Il trading online può generare profitti veramente elevatissimi. Uno degli uomini più ricchi del mondo, Warren Buffett, è accumulato la sua immensa fortuna proprio grazie al trading. In questo caso non possiamo parlare di trading online perché quando Buffett ha cominciato internet nemmeno esisteva e tutto era più difficile.

Adesso, grazie a internet e alla possibilità di operare in tempo reale sui mercati finanziari grazie alle piattaforme di trading online, tutto è diventato più facile.

E’ importante fare una precisazione: bisogna fare molta attenzione a coloro che promettono la ricchezza facile con il trading online. Non ci stancheremo mai di ripetere che per raggiungere veramente il successo con il trading ci vuole impegno, studio, esperimeti. Chiunque prometta soldi facili di solito è un truffatore.

Purtroppo ultimamente girano moltissime pubblicità di metodi per diventare ricchi con il trading: nessuna di questi sistemi miracolosi funziona veramente, di solito fanno perdere solo soldi. Qualche esempio? I metodi Bitcoin Profit e Bitcoin Code che hanno truffato decine di migliaia di persone promettendo guadagni facili grazie al trading di criptovalute.

Chi vuole veramente guadagnare con il trading online deve scegliere una piattaforma sicura (e queste piattaforme non promettono mai guadagni facili, anche perché è proibito dalla normativa).

Quanto si può guadagnare dalle pubblicità sul proprio sito web?

Ci saremo posti questa domanda centinaia di volte quando abbiamo intrapreso un nuovo progetto di impresa per il nostro sito Web o quello dei nostri clienti. È una domanda entusiasmante e interessante a cui dover dare risposta. Mesi di idee, sogni e pensieri di un imprenditore possono a volte essere quantificati con cifre realistiche che poi possono determinare la quantità di entrate pubblicitarie del sito, sottraendo le tipiche spese operative del sito (non i costi di marketing) come il web hosting e i server.

Uno dei fattori determinanti più importanti di quanto denaro il tuo sito web può ricavare dalle entrate pubblicitarie si riduce al mercato in cui si trova il sito web stesso, che supporta quindi la quantità di traffico che potresti ricevere. Ad esempio, se il tuo sito fornisce informazioni su antiche lumache, allora la dimensione del mercato sarà abbastanza piccola dato l’interesse di nicchia molto limitato. Tuttavia, se si stesse parlando del mercato delle carte di credito e dei prestiti che ha un enorme potenziale di traffico web, il potenziale di entrate pubblicitarie del sito potrebbe essere molto più alto. Ma proprio perché il potenziale di traffico del sito Web è maggiore, sarà maggiore anche la competitività; quindi l’imprenditore dovrà essere più creativo e bravo nella sua strategia e approccio al marketing al fine di accaparrarsi la fetta maggiore di mercato.

UTILIZZANDO IL PAY PER CLICK

Chiarito questo prima di andare andiamo a rivedere alcuni parametri già visti in articoli precedenti dato che ripetere non nuoce mai. Le potenziali entrate dalla pubblicità del tuo sito web di cui stiamo parlando ora,sono basate sul costo per clic, noto anche come CPC. Se nella pagina del tuo sito web è presente un annuncio e qualcuno fa clic su tale annuncio, allora parte del costo richiesto per quel clic andrà al gestore delle pubblicità. Il CPC effettivo si basa su ciò che l’inserzionista reale paga per ogni clic. Ad esempio,supponiamo che il costo che un inserzionista paga per l’annuncio sia 2,00€/clic. Non si guadagna l’intera cifra di 2€, ma si guadagna una porzione di quei 2€ perché si sta facendo un favore alla rete pubblicitaria dando a quell’annuncio un pubblico pertinente (gli algoritmi si sono evoluti sempre di più al fine di andare a selezionare il target migliore a cui far vedere l’annuncio;dove per target migliore si intende coloro che hanno più probabilità di portare a termine l’acquisto). Al termine, il feed della rete pubblicitaria ha bisogno di te e il tuo sito web ha bisogno del feed della rete pubblicitaria. Alcune startup di siti web utilizzano inizialmente una rete di feed pubblicitari e una volta accumulato abbastanza traffico, iniziano a vendere i propri annunci. A volte cambiano persino metodo passando da un metodo CPC a un metodo tempo lineare, ovvero vendi semplicemente un annuncio su base mensile per un periodo di tempo anziché fare affidamento su persone che effettivamente devono fare clic sull’annuncio. In questo modo hai il vantaggio di poter contare su un introito certo e sicuro piuttosto che un ricavo approssimativo e variabile.

Ora pensiamo ad una scala più grande.Se hai 100.000 visualizzazioni di pagine al mese, si ha tecnicamente (al massimo) 100.000 possibilità che qualcuno possa fare clic su un annuncio che viene visualizzato sul tuo sito web e ciascuno di questi clic significa entrate pubblicitarie.

Diciamo che delle 100.000 visualizzazioni di pagine al mese che ottieni, viene prodotto un indice di click-through medio (noto anche come CTR) pari all’ 1%, che può essere considerato ragionevole e non aggressivo in alcuni mercati. Quell’ 1% può variare da 0% a 10%. Tutto è possibile, ma per questo esempio, possiamo mantenere le cose all’ 1% per non complicare le cifre e i calcoli.
1% CTR su 100.000 visualizzazioni di pagina determina 1.000 clic. Prendi questi 1.000 clic e moltiplicali per ciò che l’inserzionista paga per clic: è così che inizi a capire quante entrate puoi riuscire a generare.
Diciamo che l’inserzionista paga 0,80€ per clic (questo valore potrebbe essere diverso in base al mercato in cui ti trovi e in base a quanto paga l’inserzionista). Questi 0,80€ per clic come spiegavamo prima non saranno tutti tuoi. Il feed della rete pubblicitaria richiede ovviamente un costo. Diciamo che ne incassi 0,50€ x 1.000 clic = 500€ al mese.
Ora puoi fare i conti per capire esattamente quante visualizzazioni di pagina / clic / CPC.
Un altro esempio = se tu avessi visualizzazioni di pagine di 3.000.000 (3 MIL) al mese e avessi un CTR pari al .2%, allora sarebbe $ 4.380 al mese che potresti produrre in entrate.
Quindi, se avessi 3 milioni di visualizzazioni di pagine al mese con un CTR basso del 0,2%, allora ca. Si potrebbero generare $ 52.000 di entrate all’anno.
Riportiamo ora il “Potential Website Revenue Table” per avere un’idea del guadagno da 50.000 visualizzazioni di pagina fino a 10.000.000 visualizzazioni di pagina con un basso CTR .

Come guadagnare con Quora?

Ultimamente mi capita spesso di leggere e scrivere delle risposte a domande poste su Quora…

come guadagnare con quora

Una di quelle abitudini in cui ti ritrovi senza accorgertene.

Ricevi mille e-mail con le migliori risposte di questo sito, Google ti riporta Quora nelle prime posizioni e BOOM ti trovi con una nuova abitudine.

Ma c’è un motivo se un nuovo servizio cattura la tua attenzione e Quora non è una moda di passaggio…

In questo articolo

Cosa è Quora?

Quora è la prima piattaforma mondiale di domande e risposte.

Ha 200 Milioni di utenti attivi ogni mese ed è in rapida crescita.

In qualche modo ricorda Yahoo Answers, ma il livello di interazione tra gli utenti e soprattutto la qualità dei contenuti è nettamente migliore.

Infatti Quora è nata con l’idea di diffondere conoscenza e ha raccolto i contributi di utenti molto qualificati.

Barack Obama, ex presidente degli Stati Uniti, Jimmy Wales, fondatore di Wikipedia, Mark Zuckerberg, CEO di Facebook sono solo tre dei personaggi più famosi che hanno deciso di postare domande e risposte su questa piattaforma.

Quora raggruppa le domande in aree tematiche.

Le mie preferite sono ovviamente quelle legate alla Finanza Personale, al business, alle start up, alle opportunità di guadagno.

Alcune risposte sono dei piccoli capolavori e sono estremamente curate, e spesso mi trovo in sezioni completamente estranee alle mie aree di competenza: storia, tecnologia, scienza…

La versione in lingua inglese è di qualità nettamente superiore a quella italiana.

Anche nella versione italiana però non mancano gli utenti competenti e qualificati.

Del resto la versione italiana è operativa solo da maggio 2020.

Diamogli il tempo, ma considera che è già in rapida crescita grazie ad un community manager locale e ad un investimento in comunicazione e marketing non indifferente.

Quora, come gli altri social, si fonda su meccanismi di apprezzamento reciproco e amicizia.

E’ quindi possibile scegliere chi seguire e votare positivamente o negativamente le risposte date alle domande.

Insomma un sito che promuove la condivisione di conoscenza e premia chi apporta più valore alla community.

Cosa c’entra Quora con il guadagno

Oggi monetizzare e guadagnare su internet passano da mille forme diverse e non basta scrivere un blog, non serve pubblicizzare un prodotto in maniera tradizionale.

Oggi ci sono gli influencer su Instagram, ci sono gli Youtuber, i fashion e i travel blogger,…

Persone che monetizzano la loro competenza o comunque la loro capacità di influenzare o convincere le persone.

Soggetti che hanno creato business innovativi e che hanno un proprio personal brand e una certa autorità in campi specifici.

Autorità che viene acquisita dando valore ad una community di cui si fa parte.

Quora, potenzialmente, aiuta ad accrescere la credibilità di chi opera online e permette di raggiungere un pubblico a cui presentarsi come esperto.

E’ quindi lo strumento perfetto se vuoi iniziare a lavorare su te stesso.

Ma vediamo nel dettaglio come monetizzare la propria attività su Quora

Come guadagnare con Quora?

Premetto che Quora non paga i propri utenti per scrivere domande e risposte e partecipare alla piattaforma.

I ricavi della piattaforma sono collegati alla pubblicità sul sito, ma analogamente a Facebook gli utili non vengono condivisi con gli utenti.

Questo meccanismo può essere valutato giusto o sbagliato, ma non dimenticare mai che il tuo tempo e la tua conoscenza condivisa raramente verrà pagata su Internet.

Internet è un po’ così.

Ci sono delle bellissime piattaforme in cui chi sa lo condivide con gli altri e chi mette a disposizione la piattaforma ci guadagna.

Ok Quora guadagna e io?

Tu rischi di rimanere a secco a meno di non inventarti qualcosa.

Vediamo cosa puoi fare per monetizzare.

1.Diventare “famoso” su Quora

Quora permette ai propri utenti di proporsi ad un pubblico ampio ed essere riconosciuto dagli utenti come esperto in determinate materie.

Nel mio caso, io mi propongo come esperto di finanze personali.

Se riuscissi a creare una comunità di lettori delle mie risposte, potrei propormi per seminari, potrei scrivere un libro e farlo sapere rapidamente a tutti , potrei offrire servizi di consulenza finanziaria.

Al momento il mio obiettivo è quello di pubblicizzare il mio sito e quindi utilizzare Quora per attrarre visitatori su Comediventarericco.com.

Ovviamente qualora fossi un esperto di SEO, piuttosto che di marketing, piuttosto che di programmazione potresti facilmente utilizzare la piattaforma per farti conoscere e poi vendere dei servizi.

2. Pubblicare link a siti affiliati

Ok la policy di Quora vieta i link a siti di affiliazione.

Quindi non sarà possibile inserire nelle proprie risposte esplicitamente dei link a siti affiliati, ossia a siti che ci pagano per la visita, l’iscrizione o la vendita di certi beni e servizi.

Nessun problema.

Si può aggirare il divieto, ovviamente agendo con intelligenza.

Basta inserire nelle proprie risposte link a pagine esterne in cui siano contenuti approfondimenti.

Ovviamente queste pagine devono portare i tuoi lettori a cliccare, acquistare e portare ricavi alla tua attività.

Potrai usare una landing page o un articolo normale l’importante è studiare e comprendere il meccanismo di interazione degli utenti una volta arrivati nel nostro sito.

3. Utilizzare il materiale redatto su Quora

Quora per molti è un po’ una palestra.

Per scriverci, non serve essere scrittori, blogger, autori, giornalisti.

Ci puoi provare, puoi dire la tua e avere successo.

Ovviamente quanto scrivi su Quora resta tuo, in quanto sono le tue idee, i tuoi pensieri.

Tutto questo ha un valore.

Pensa a quello che fa e ha fatto Montemagno.

Ogni giorno pubblica un video su Youtube in cui esprime la propria opinione su qualunque cosa.

Tutte queste informazioni si sono tradotte in un libro.

Non voglio dire che Marco Montemagno non avrebbe scritto ugualmente un libro.

Voglio però dire che l’abitudine di produrre un video ogni giorno gli permette di elaborare idee, riflessioni, spunti.

Ecco Facebook gli ha permesso di acquisire notorietà, ma anche di creare in lui l’abitudine a produrre video, discorsi, scritti.

Gli ha anche permesso di confrontarsi costantemente con i propri fan (e anche di consocere i propri hater).

Facebook così come Quora aiutano quindi a dialogare in maniera molto stretta con i propri lettori.

Si possono comprendere gli argomenti più interessanti per i lettori, nonché capire cosa pensino i tuoi detrattori.

Conclusioni

Scrivere risposte su Quora non è facile.

Il rischio di diventare scontati è abbastanza alto.

Ecco perché dopo un entusiasmo iniziale rischia di diventare molto faticoso scrivere e contribuire alla piattaforma.

Aggiungere valore nei propri interventi richiede poi intelligenza, ma soprattutto impegno e approfondimento.

Ma vale la pena provarci.

Io cercherò di usarlo ed essere costante nelle risposte, accrescendo la mia popolarità.

Sono certo che lavorando in maniera professionale riuscirò a monetizzare la mia presenza su questa piattaforma.

E tu? sei già iscritto? hai già scoperto come guadagnare con Quora?

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Quanto puoi guadagnare con le opzioni binarie?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: