Strategia Pivot Point

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Pivot Point: cosa sono, come si calcolano e strategia trading

I pivot point sono una modalità di analisi tecnica piuttosto importante per poter determinare nel modo più attendibile (o, almeno, si spera sia così!) il livello di supporto e resistenza . In italiano possono essere tradotti con “Punti Pivot”.

Si tratta di una metodologia comunemente utilizzata dai trader , che attraverso tale fruizione sono in grado di formare potenziali fasce di prezzo sul quale orientare il proprio trading quotidiano o, per alcuni, cercare di conferma i c.d. breakout. Molti trader basano la propria strategia di trading sui punti pivot.

Ma che cosa sono i punti pivot? Come calcolarli?

Cosa sono i Pivot Point

Il punto di “rotazione” è il livello in cui la direzione del mercato cambia durante una sessione di trading . Con l’aiuto di alcuni semplici calcoli e del monitoraggio dei tradizionali indicatori di prezzo (massimo, minimo, apertura e chiusura dei giorni precedenti), è possibile ricavare diversi punti che possono essere d’aiuto nell’individuazione dei livelli di supporto e di resistenza. Ebbene, questi punti sono proprio i c.d. “livelli di pivot”, e potrebbero diventare un vostro importante alleato.

Già da questi pochi elementi, dovreste aver ben intuito come durante ogni giorno di negoziazione sul mercato, per poter utilizzare i pivot per i vostri obiettivi sarà sufficiente tenere traccia del prezzo di apertura, del massimo e del minimo di sessione, della chiusura. Proprio questa semplicità di calcolo, unitamente alla natura predittiva dei punti pivot, ha rappresentato uno dei motivi principali per cui l’analisi con i punti pivot ha guadagnato tanta popolarità: i trader possono infatti semplicemente utilizzare le informazioni relative al giorno precedente per poter calcolare potenziali punti di svolta per il giorno corrente, ovvero per il giorno in cui intende negoziare.

Come calcolare i punti pivot

Considerato che un gran numero di trader utilizza i punti pivot per il proprio studio, è evidente che il mercato tende a reagire a questi livelli di rotazione. Bene cercare dunque di comprendere come poter calcolare questi punti di rotazione, anche perché per poterli calcolare sarà sufficiente utilizzare le seguenti formule:

  • Punti Pivot = (Alto + Chiusura + Basso) / 3
  • Resistenza 3 = Alto + 2 * (Pivot – Basso)
  • R 2 = Pivot + (R1 – S1)
  • R 1 = 2 * Punto Pivot – Basso
  • Supporto 1 = 2 * Pivot – Alto
  • S 2 = Pivot – (R1 – S1)
  • S 3 = Basso – 2 * (Alto – Pivot)

Ma cosa significa quanto sopra? Come spiegarlo? E come utilizzare tali punti?

Cosa indicano i pivot point

Come potete facilmente vedere dalle formule di cui sopra, prendendo i prezzi alti, bassi e di chiusura dei giorni precedenti, il trader riesce ad avere 7 punti a sua disposizione: 3 livelli di resistenza, 3 livelli di supporto e il punto di “svolta” effettivo. Ma come utilizzare questo patrimonio informativo?

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

In termini molto esemplificativi, nel caso in cui il mercato dovesse aprirsi al di sopra del punto pivot, l’indicazione che il trader riuscirà a ottenere sarà quella di un posizionamento long, ammesso che il prezzo rimanga al di sopra del punto pivot. Nel caso in cui il mercato apra al di sotto del pivot point, allora l’indicazione sarà per l’assunzione di posizioni short, purché il prezzo rimanga al di sotto del punto pivot.

Il calcolo del pivot point è affidato oggi perlopiù a computer, ma c’è chi vuole trovarli autonomamente

In ogni caso, l’idea alla base del trading con i punti pivot è quella di attendersi un’inversione o una rottura dei punti R1 o S1: nel momento in cui il corso dei prezzi raggiunge R2 e R3 o S2 e S3, l’asset cui si riferisce l’analisi sarà già in una situazione di ipercomprato o di ipervenduto, mentre questi livelli dovrebbero essere utilizzati soprattutto per uscire dal mercato, piuttosto che entrare.

A livello teorico uno scenario perfetto ci sarebbe se il mercato aprisse sopra il punto pivot effettivo, si fermasse leggermente a R1 e continuasse a R2. Un trader potrebbe così entrare in R1 impostando R2 come target e, se il mercato dimostra forza sufficiente, chiudere metà della sua posizione in R2. Quindi, il prossimo obiettivo sarà R3 con la parte rimanente della posizione.

Il principale beneficio di questa semplice tecnica del punto pivot sta nel fatto che molti trader utilizzano gli stessi livelli basati sulla stessa formula, senza alcuna discrezionalità, contrariamente a quanto avviene invece con altri metodi utili per poter disegnare i livelli di supporto e resistenza, e le linee di tendenza, che possono essere più soggettivi.

Puoi applicare la strategia di trading dei Pivot Point su eToro, uno dei migliori broker in circolazione. Per aprire un conto demo non devi depositare nulla, in compenso potrai allenarti e testare la piattaforma gratis!

Regola e Time Frame

I pivot point sono punti di svolta che vengono calcolati mediante un semplice indicatore che può essere impostato sui grafici di prezzo , esattamente come si impostano tutti gli altri indicatori. Esistono 4 pivot point: due di resistenza e due di supporto . I pivot point costituiscono un’ottima base sia per investimenti nel trading tradizionale, sia per investimenti nel trading CFD. Le regole che stanno alla base dei pivot point sono simili a quelle che si trovano alla base dei supporti e delle resistenze:

Si apre una posizione Long quando il prezzo rimbalza su un pivot point di supporto o infrange un pivot point di resistenza.

Si apre una posizione Short quando il prezzo ritraccia su un pivot point di resistenza o infrange un pivot point di supporto .

La regola come puoi ben vedere è estremamente semplice, basta solo scegliere il time frame su cui operare. Va detto che i pivot point sono livelli di prezzo giornalieri e, come tali, possono essere toccati anche per più volte durante il corso della giornata, generando in questo modo svariati segnali di trading.

PIVOT POINT E CFD

Come puoi vedere all’interno del grafico, il tasso di cambio ritraccia dal primo pivot point di resistenza (linea tratteggiata rossa) ed inverte così la sua direzione. Questo è un segnale di entrata a mercato, possiamo perciò aprire una posizione short dopo che la prima sessione si è chiusa sotto il pivot point di resistenza. Operando in questo modo abbiamo molte più probabilità che il movimento generato nella prossima sessione di trading segua la tendenza generata dal ritraccio.

ATTENZIONE: per poter avere le probabilità a favore ti consigliamo di investire solo il 5% del tuo capitale totale per ogni operazione di acquisto. Ad ogni modo, il prezzo , durante la giornata, potrebbe toccare altri pivot point generando altri segnali di trading da seguire. È perciò opportuno concentrare la propria attenzione su più asset contemporaneamente, al fine di sfruttare il maggior numero di segnali possibile.

Calcolo dei Pivot point

Prima di passare ad un esempio pratico è opportuno vedere un attimo cosa succede a livello teorico.

Innanzitutto, prima di calcolare i pivot point, dobbiamo procurarci alcuni dati, che si riferiscono al giorno precedente.

  1. Prezzo Massimo = X;
  2. Minimo = Y;
  3. Prezzo di Chiusura = Z;
  4. Medio = K.

La formula sarà così esposta:

Calcolo K = ( X + Y + Z ) / 3

Le operazioni che servono a calcolare i Pivot point sono le seguenti:

RESISTENZA 1° = ( 2 x K ) – Y

SUPPORTO 1° = ( 2 x K ) – X

Entrambi risultano essere i primi due pivot point che abbiamo calcolato. Ora, entrambi i livelli, rappresentano quelli che per primi devono essere monitorati, per poi successivamente calcolare gli altri punti. Una volta terminato con i primi, passiamo immediatamente a calcolare il secondo gruppo:

RESISTENZA 2° = K – S1° + R1°

SUPPORTO 2° = K – ( R1° – S1°)

  • R1° = Resistenza Prima;
  • S1° = il Suppporto Primo.

RESISTENZA 3° = K – S2° + R2°

SUPPORTO 3° = K – (R2° – S2° )

A questo punto, una volta calcolati i pivot point basta utilizzare questa strategia per poterli sfruttare al meglio. Di seguito riportiamo alcune caratteristiche strategiche:

  1. Il prezzo raggiunge dei punti di supporto si aprono posizioni Long;
  2. Se invece raggiunge dei punti di resistenza si aprono posizioni Short;
  3. Il prezzo supera la resistenza , si aprono posizioni Long;
  4. Se invece supera il supporto , si aprono posizioni Short.

Calcolo Pivot nel trading Pivot trading

In sostanza, come anche dimostrato dal grafico, bisogna aspettare che il prezzo rimbalzi oppure buchi i pivot point, soltanto allora si potrà investire.

Calcolatore Punti di Pivot

Vediamo ora un esempio di vari metodi pratici, su come utilizzare un Pivot Point. Esaminiamo il seguente grafico

Pivot Point Forex

Possiamo scorgere tre linee di differenti colori:

  • la linea verde rappresenta il punto pivot;
  • le linee blu le resistenze R1, R2 ,R3 , come calcolate precedentemente;
  • le linee rosse i supporti S1, S2 e S3, anche questi calcolati precedentemente.

Questo grafico rappresenta il prezzo di un asset che ha aperto al di sotto del punto pivot. Secondo quanto ci potevamo aspettare, attendevamo un ribasso, invece al contrario abbiamo avuto un segnale positivo, quindi di crescita, al di là delle nostre aspettative. A questo punto, possiamo esaminare 4 differenti strade di operazione con i pivot point, ottenendo differenti risultati.

  • Il primo metodo riguarda il Breakout Trade:

Considerando l’apertura negativa, ci aspettiamo un trend al ribasso. Attendiamo, quindi, la rottura di questo canale al ribasso. Agiremo entrando in vendita, proprio al di sotto della linea inferiore del canale, con uno stop loss posto al livello della linea superiore del canale, aspirando ad un target al livello della S1. Come possiamo notare, il problema principale è rappresentato dal fatto che in questo caso il livello S1 è molto vicino alla linea inferiore del canale, 13 pip. Questa potrà essere una giusta tecnica come il grafico dimostra, solo e soltanto in un momento differente, e non con questo segnale.

Pivot Forex: breakout

  • Il secondo metodo riguarda il Pullback Trade:

Con questo metodo avremo il prezzo che oltrepassa la linea S1 per poi cambiare direzione. Quindi potremmo avere un ordine in vendita impostato al di sotto del supporto. In questo caso avremo un minimo prima del pullback, dove lo stop loss può essere piazzato sopra il pullback e il nostro target sarà posto sul livello S2.

Anche questo metodo ha però delle criticità. Infatti come notiamo dal primo grafico, che rileva i segnali di un’intera giornata, il target S2 non è mai stato raggiunto. Questo indica un inversione di tendenza rispetto alla precedente nostra strategia pianificata.

Pivot borsa: i punti possono essere trovati anche nel mercato azionario

  • Il terzo metodo riguarda ilBreakout of Resistance:

Riprendiamo come grafico madre, sempre il primo, ovvero il grafico riferito all’intero giorno. Come si può notare, nell’intero arco della giornata, il prezzo si avvicina sempre di più al livello della S1, formando un canale. Arrivati a questo punto, possiamo impostare un ordine di acquisto, sopra la linea superiore del canale, e ponendo uno stop loss al di sotto della linea inferiore del canale, come dimostra il grafico sottostante. Il target sarà la linea pivot.

Supponiamo di effettuare un trade utilizzando più lotti. Nel momento in cui raggiungiamo la linea pivot, potremmo optare per una chiusura di metà della posizione ed aspettare di vedere l’andamento del prezzo . Possiamo anche impostare un secondo target del livello R1.

Forex Pivot Point

  • Il quarto metodo riguarda il Macd e moving average:

Questo è l’ultimo metodo che andremo ad analizzare. Si tratta di un metodo che conferma un eventuale breakout, utilizzando due medie mobili. Va da se che anche il segnale del Macd deve essere nella stessa direzione. Con questa strategia , possiamo utilizzare diverse combinazioni di medie mobili e vedere quale meglio si adatta al time frame scelto per operare. Ricordiamo infine che questi indicatori devono essere utilizzati come una conferma di rottura e non come un segnale di anticipo.

Strategia Pivot Point: Macd-moving-average

  • Camarilla Pivot Point

Camarilla Pivot formula

Il Camarilla è un sistema per calcolare i pivot point che presuppone il ritorno dei prezzi verso la media. In sostanza il prezzo di un asset è attratto dalla sua media.

Su molti siti è possibile trovare un calcolatore automatico in grado di generare i Camarilla pivot point in tempo reale, ma qualora voleste cimentarvi con la matematica l’equazione è la seguente:

S1 = C – ((H – L) x 1,0833)

S2 = C – ((H – L)) x 1,1666)

S3 = C – ((H – L)) x 1,2500)

R1 = C + ((H – L)) x 1,0833)

R2 = C + ((H – L)) x 1,1666)

R3 = C + ((H – L)) x 1,2500)

Specifichiamo che C = prezzo di chiusura, H = high, dunque massimo, L = low, ovvero minimo.

  • Woodie Pivot Point

Tecnica Pivot Point: Woodie

Il Woodie è un altro sistema per calcolare i pivot point e si basa sul concetto che superati questi livelli il trend dovrebbe cambiare direzione.

Così come per il Camarilla, online è possibile trovare molti calcolatori automatici seguendo queste equazioni:

PP = (H + L + (O * 2)) / 4

R3 = H + 2 * (PP – L)

S3 = L – 2 * (H – PP)

Precisiamo che PP sta per il prezzo del punto pivot, H sta per massimo, mentre L sta per minimo.

  • Fibonacci Pivot Point

Tecniche di trading con pivot point: Fibonacci

Il metodo fibonacci per ricavare i punti pivot è forse il più famoso nel mondo del trading online . In base all’equazione di Fibonacci si possono trovare punti di supporto e di resistenza che consentono ai trader di capire fin dove può arrivare il movimento di prezzo di un asset.

Come per gli altri punti pivot in caso di rimbalzo su un supporto potrebbe essere opportuno aprire una posizione long, mentre in caso di superamento dello stesso una posizione short. Viceversa in caso di non superamento della resistenza i trader potrebbero valutare l’apertura di una posizione short, mentre nel caso in cui venisse superata una posizione long.

Anche per Fibonacci è possibile trovare online calcolatori automatici. La formula per trovare i punti pivot è la seguente:

R3 = Pivot + 1.000 * (H – L)

R2 = Pivot + 0.618 * (H – L)

R1 = Pivot + 0.382 * (H – L) Pivot = (H + L + C) / 3

S1 = Pivot – 0.382 * (H – L)

S2 = Pivot – 0.618 * (H – L)

S3 = Pivot – 1.000 * (H – L)

Come per Camarilla e Woodie H indica il prezzo massimo, L il minimo, mentre C è il prezzo di chiusura.

Strategia Pivot Bull

Un ultima strategia da esaminare è la strategia Pivot Bull, un metodo abbastanza semplice.

Se le contrattazioni giornaliere si aprono al di sopra del pivot point, facendo riferimento sempre al nostro grafico, il segnale è fortemente rialzista e si può operare. Il punto principale su cui noi andremo ad operare, sarà minimo di 30 pip Pivot Point. Succederà che attenderemo il pullback verso la linea di Pivot, posizionandoci ancor prima di che si verifichi questa condizione.

Quindi, la strategia che adotteremo sarà sempre la stessa. Attenderemo la candela pullback e sfrutteremo successivamente tutti i rimbalzi delle candele rialziste. A questo punto il sistema segnalerà un’ opportunità di acquisto.

PUOI UTILIZZARE LA STRATEGIA PIVOT POINT CON I BROKER CHE TROVI A FINE PAGINA (REGOLAMENTATI A LIVELLO EUROPEO):

I pivot point sono una modalità di analisi tecnica piuttosto importante per poter determinare nel modo più attendibile (o, almeno, si spera sia così!) il livello di supporto e resistenza . In italiano possono essere tradotti con “Punti Pivot”.

Certamente, è il mercato principale dove viene utilizzata la strategia con i Punti Pivot.

Non è necessario, molti programmi oggi calcolano i punti pivot senza che tu debba fare calcoli a mano.

3 Profitable Pivot Point Strategies for Forex Traders

Pivot points are a vestige of the days before electronic trading that were calculated manually in the past by floor traders. Pivot points are still a key element of technical analysis to many traders today and many pivot point strategies exist to take advantage of these important horizontal support and resistance levels.

In this article, I’m going to explain how pivot points are calculated and show you 3 profitable pivot point strategies that you can use to take advantage of them.

How Are Pivot Points Calculated?

The pivot point (P) itself is simply an average of the high, low, and closing price of the previous day, week, or month (typically the previous day).

P = (High + Low + Close) / 3

The first resistance (R1) and support (S1) levels from the pivot point can be calculated by multiplying the pivot point by 2 and subtracting the Low or High respectively.

R1 = (2 x P) – Low

S1 = (2 x P) – High

The second resistance (R2) and support (S2) levels are calculated subtracting the Low from the High and adding or subtracting the result to/from the pivot point.

R2 = P + (High – Low)

S2 = P – (High – Low)

Finally, the third resistance (R3) and support (S3) levels are calculated by subtracting the Low from the pivot point, multiplying by 2, and then adding the High or subtracting the pivot point from the High, multiplying by 2, and subtracting then subtracting the Low.

R3 = High + 2(P – Low)

S3 = Low – 2(High – P)

If all of this seems a little overwhelming to you, don’t worry – there are pivot point calculators available online. Better yet, there are indicators for your trading platform that do the calculations automatically, like this pivot point indicator for MT4.

3 Profitable Pivot Point Strategies for Forex Traders

Below are 3 profitable pivot point strategies. The examples are geared toward Forex traders but these techniques work in other markets as well.

In these examples, I’m using candlestick trading techniques as entry triggers. Other trading techniques that take advantage of trends and reversals, like those taught in Top Dog Trading or Infinite Prosperity, will also work well with these pivot point strategies.

Note: A trading system like Day Trading Forex Live will not work for entry triggers with these pivot point strategies because it works off of very specific stop run setups. However, price is more likely to reverse when pivot points line up with other trading signals, regardless of the setup.

Pivot Point Bounce Strategy

The pivot point bounce is a classic trading strategy. The idea is that if price is above the pivot point, the market sentiment is bullish. If price is below the pivot point, the market sentiment is bearish.

The pivot point bounce takes advantage of market sentiment, buying or selling if price retraces back to the pivot point (which is historically a good horizontal support or resistance level).

Note: In the example above, I used a morning star, which is a strong bullish candlestick pattern, as my entry signal.

Pivot Point Trend Trading Strategy

You can also use pivot points and the various support and resistance levels calculated from them for trend trading. The idea is to take advantage of retracements at significant levels after price has chosen a direction based on the pivot point.

If price breaks through the first support or resistance level convincingly, and then retraces, you can buy or sell the bounce off of that resistance level.

Note: In the example above, I used a bearish engulfing pattern, which is a strong bearish candlestick pattern, as my entry signal.

Pivot Point Reversal Strategy

Pivot point support and resistance levels can also be good places to take reversal trades. If price is showing signs of slowing down near the second or third support or resistance levels, these can be good places to buy or sell respectively – especially if these levels line up with previous market structure.

The idea is that, at support or resistance levels 1 and 2, price is likely to be extended. Since these levels are also typically good horizontal support and resistance levels they are great areas to look for reversal trades.

Note: In the example above, I used a shooting star with a confirmation candle (which is how I prefer to trade them) as my entry signal. The confirmation candle was a strong bearish candlestick that closed in the lower 1/3rd of its range. The entry was taken when price pulled back to the standard entry point.

Final Thoughts

These 3 pivot point strategies are just a few of the many pivot point strategies that traders use to take advantage of these strong horizontal support and resistance levels. In fact, regardless of which trading strategies you use, pivot points can be a strong addition – especially for intraday trading.

Each level of your pivot point calculations can be significant on their own. However, these levels are particularly powerful when they line up with previous structure (support and resistance levels) in the market.

I don’t recommend trading pivot points alone, but adding these pivot point strategies to your other technical trading systems or combining them with fundamental analysis can work very well.

I hope you enjoyed these 3 profitable pivot point strategies. Be sure to backtest and demo trade any new strategies before live trading them. If you have any questions about these strategies or would like to suggest others, please leave a comment below.

Still looking for a profitable trading system? I’ve tested 10+ systems. Only 3 were profitable! Learn more about my #1 recommended trading system, Day Trading Forex Live.

Strategia Pivot Point

Chi ha veramente intenzione di dedicarsi a realizzare investimenti con il trading online non può affatto prendere la cosa alla leggera ma deve munirsi delle giuste conoscenze e di una preparazione adeguata.

Questo cosa significa in termini pratici? Se sei agli inizi e cerchi di capire quali sono le mosse giuste da fare per avere successo in borsa non pensare che sarà necessario scalare l’Everest per riuscirci: puoi iniziare dall’utilizzo di una strategia di investimento efficace.

Se sei un neofita è probabile che ti sia già capitato di provare a fare dei trades ed è probabile che ti sia anche capitato di perdere.

Questo è un percorso normale e comune a molti principianti, in special modo se questi hanno scelto di operare senza l’ausilio decisivo di una strategia di trading per investire in borsa.

È, tuttavia, arrivato il momento di cambiare atteggiamento e puoi farlo partendo proprio da questo nostro articolo dove ti presentiamo una strategia a misura di principiante.

Man mano che andrai avanti nella lettura potrai costatare come una strategia semplice ed efficace come quella dei Pivot Point, in effetti, è ciò che ti serviva tempo fa e che continua a servirti tuttora.

Infine, per non lasciare alcun aspetto al caso, ti forniremo anche una descrizione delle offerte dei tre migliori broker per operare con la strategia Pivot Points. In questo modo potrai passare tranquillamente dalla teoria alla prassi non appena ti sentirai pronto.

Le tre migliori piattaforme per investire con questa particolare strategia, te lo anticipiamo, sono eToro, Investous e IQ Option.

Investous
Strumenti Gratis
Prova Gratis
eToro
Azioni 0% commissioni
Prova Gratis
IQ Option
Video Lezioni
Prova Gratis
Trade.com
eBook Gratis
Prova Gratis

Strategia Pivot Point: usala e guadagna

Quella che ti proponiamo qui è la strategia Pivot Point, un metodo semplice ed efficace che ti aiuta ad impiegare al meglio il tuo capitale.

Per fare gli investimenti giusti bisogna essere in grado di fare una buona analisi di mercato: chi pensa che non sia necessario difficilmente riuscirà a fare molta strada in questo settore. Siccome siamo certi che tu non voglia commettere lo stesso errore, non perdere tempo e scopri come funziona la nostra strategia Pivot Point.

Ti consigliamo vivamente di imparare con noi una strategia di trading efficace perché in questo portale abbiamo deciso ormai da tempo di specializzarci in tutti i temi che riguardano il trading di borsa.

La strategia Pivot Point è un caso particolare in quanto non necessita di conferme da parte del mercato. I Pivot Point sono un indicatore famoso ed ampiamente utilizzato nel mondo del trading proprio per l’affidabilità dei suoi segnali.

Il punto focale dell’utilizzo dei Pivot Point è il seguente: limitare le perdite – aumentare i profitti, se vuoi farlo anche tu, eccoti servito.

Attenzione: la validità di una strategia dipende anche e soprattutto dalla piattaforma con cui viene realizzata. Leggendo questa guida, dunque, puoi prendere come riferimento il conto demo di un broker come Investous (clicca qui), per confrontare direttamente sul grafico quanto stai per apprendere.

Strategia Pivot Point: le basi

Prima la teoria, poi la pratica. È questo il comandamento di ogni investitore che vuole riuscire nella sua attività con serietà ed impegno.

Quindi iniziamo proprio dalle basi teoriche, per poi portarti a vedere delle applicazioni pratiche della strategia Pivot Point.

Vogliamo tranquillizzarti subito perché quello che seguirà non sarà un trattato di economia, ma solo degli elementi basilari, anche se piuttosto tecnici, che ci saranno utili a spiegare come sfruttare i Pivot Point.

Per ogni strategia i traders si basano sull’osservazione del grafico di prezzo. I grafici possono essere trovati sulle piattaforme di trading offerte dai broker.

Ovviamente una strategia che funzioni necessita di essere realizzata e studiata su un grafico di una certa qualità, messo a disposizione da broker affidabili e regolamentati. Inutile registrarsi su piattaforme mediocri che spesso non ti mettono a disposizione gli strumenti necessari ad operare.

Osservando il grafico e l’indicatore, tratti dalla piattaforma di eToro (visita il sito ufficiale) sarai in grado di capire veramente qual’è il momento adatto per entrare sul mercato ed iniziare la tua operazione di trading.

Impostazione grafica della strategia di pivot point

Per “momento adatto” intendiamo quell’istante decisivo che ti permette di cavalcare trend di mercato ben definiti e con alte volatilità.

Dove vi è un trend dominante e un alto livello di volatilità un buon investitore vi vede potenzialità di profitto.

Strategia Pivot Point: l’indicatore tecnico

Chiunque abbia avuto un minimo di esperienza con il trading e le strategie di borsa ha certamente sentito parlare di Supporti e Resistenze.

Per chi non ne avesse la minima idea andremo presto a chiarire di cosa si tratta, proprio perché la funzione della strategia Pivot Point si basa molto su questi due concetti.

Osservando i Pivot Point, quindi, si deve andare a verificare i movimenti del prezzo e capire quali possono essere i punti migliori per entrare ed uscire dal mercato.

Vediamo quindi una definizione di Supporti e Resistenze per i meno esperti:

  • Supporto: il supporto è una certa quota di prezzo sulla quale l’andamento al ribasso dei prezzi tende ad arrestarsi;
  • Resistenza: una resistenza è una certa quota di prezzo sulla quale l’andamento al rialzo dei prezzi tende ad arrestarsi;

I Pivot Point sono dunque dei punti predeterminati che possono svolgere il ruolo di Supporti e Resistenze sul grafico permettendoti di prendere decisioni consapevoli e con un discreto anticipo.

È stato ampiamente dimostrato, infatti, che questi funzionano esattamente come un indicatore ausiliario ai livelli di Supporto e Resistenza.

Per essere utilizzati però si dovrà effettuarne un calcolo. Ovviamente una buona piattaforma di trading ti presenterà i Pivot Point senza che tu debba eseguire alcun calcolo, ma la loro struttura ti permetterà di comprenderne meglio il funzionamento.

I Pivot Point vengono calcolati in automatico e piazzati in bella vista sul grafico di prezzo dell’asset sul quale hai intenzione di operare. I calcoli effettuati dagli algoritmi della piattaforma di basano sui valori passati del mercato e sono molto precisi.

Noi ti consigliamo di lasciare i valori di default per il calcolo dei punti Pivot e di intervenire il meno possibile sulle impostazioni predefinite degli indicatori. Dopotutto non ti serve modificare i valori o le formule perché l’indicatore è già perfetto ed efficace così come viene fornito.

Ecco i criteri di calcolo con i relativi dati necessari:

  • Prezzo Massimo (H);
  • Prezzo Minimo (L);
  • Prezzo di Chiusura (C);
  • Il prezzo medio (Average Price = AP) si calcola con questa formula: AP = (H + L + C) / 3

Formule per il calcolo dei Pivot Point:

1° Pivot di Supporto: S 1 = (2 * AP) – H
1° Pivot di Resistenza: R 1 = (2 * AP) – L

2° Pivot di Supporto: S 2 = AP – (R1 – S1 )
2° Pivot di Resistenza: R 2 = (AP – S1) + R1

3° Pivot di Supporto: S 3 = S 2 – (Massimo – Minimo )
3° Pivot di Resistenza: R 3 = R 2 + (Massimo – Minimo)

Abbiamo visto che c’è un totale di 3 gruppi da 2 di punti Pivot quindi in totale abbiamo 6 punti cardine sui quali puoi basarti per fare i tuoi trades.

È come se andassimo a creare una gabbia, una trappola, pronta a scattare quando il prezzo avanzando sul grafico entrerà nella zona dei Pivot Point, pronti ad essere sfruttati ed interpretati nella loro interazione con il prezzo per ottenere ottimi segnali di trading.

Una volta effettuato il calcolo i Punti vanno a posizionarsi sul grafico e si comportano proprio come livelli di Supporto e Resistenza.

Sebbene sia impossibile anticipare i mercati e fare previsioni con una certezza del 100% quando si opera in borsa, i Punti Pivot hanno da sempre affascinato i traders per il fatto che i prezzi sembrano seguirli con una precisione sbalorditiva.

Evidentemente c’è qualche elemento inconscio nei mercati che li spinge a tenere in considerazione i Pivot Point come livelli determinanti nello svolgimento delle contrattazioni. Comunque sia i Pivot Point funzionano e vanno sfruttati al massimo, scopri come farlo continuando a leggere la nostra strategia di investimento.

Puoi prendere dimestichezza con questo utile indicatore sul grafico del conto demo di IQ Option (clicca qui), una simulazione di trading a costo zero e priva di rischi.

Strategia Pivot Point per opzioni binarie e CFD

Nel nostro portale ci occupiamo degli investimenti in borsa con strumenti derivati come le Opzioni FX ed i CFD (Contratti Per Differenza).

Andiamo, dunque, a vedere come puoi sfruttare al massimo questa strategia per fare operazioni di un certo livello sia con le Opzioni FX sia con i CFD. Entrambi sono strumenti di trading utili e molto interessanti:

Strategia Pivot Point con le opzioni binarie

I segnali operativi sono due e ti suggeriscono se devi acquistare Opzioni FX Call o Put in base al comportamento del prezzo sul mercato al quale ti stai riferendo ed alle sue interazioni con i Punti Pivot:

  • Acquisto Opzioni FX Call: si acquistano opzioni binarie rialziste quando il prezzo rimbalza su un Pivot Point di supporto oppure supera al rialzo un Pivot Point di resistenza.
  • Acquisto Opzioni FX Put: si acquistano opzioni binarie ribassiste quando il prezzo rimbalza su un Pivot Point di resistenza, oppure supera al ribasso un Pivot Point di supporto.

Le regole di utilizzo della strategia sono semplicissime ed immediate da seguire.

Ti basta, infatti, inserire i Pivot Point sul grafico ed osservare il comportamento del titolo in relazione ai livelli individuati dal Pivot Point

Ricorda: i Pivot Point sono giornalieri e quindi hanno durata di sole 24 ore, ma in questo arco di tempo possono essere toccati e superati diverse volte generando di continuo validi segnali di trading online. Il giorno seguente i Pivot Point vengono ricalcolati in base ai livelli raggiunti il giorno prima e alle nuove performance del titolo.

I Pivot Point per investire in opzioni binarie 60 secondi

Per le loro caratteristiche i Pivot Point si sono rivelati essere molto adatti per investire in Opzioni FX di breve e brevissimo termine.

Opzioni FX a 60 secondi o anche quelle a 30 secondi possono fare al caso tuo, l’importante è accertarti sempre di aver ricevuto dai Pivot Point tutte le indicazioni giuste che ti permettono di realizzare l’operazione giusta.

Ricorda però la regola fondamentale per investire in Opzioni FX di breve termine: impostare un time frame del grafico appropriato. Per le Opzioni FX di brevissimo termine è necessario scegliere un time frame molto ristretto, di 1 minuto.

Solo così sarai in grado di ricevere segnali affidabili e veritieri dal mercato e quindi di evitare i falsi segnali che potrebbero causare delle perdite.

Con la strategia Pivot Point sulle Opzioni FX a brevissimo termine avrai a disposizione uno strumento estremamente flessibile che ti permette di operare:

  • In tutte le situazioni di mercato: sia che il mercato si trovi in un forte e chiaro trend, sia che esso si trovi in una fase laterale.

Sfruttando le Opzioni FX a brevissimo termine puoi scovare, infatti, segnali di trading affidabili anche in periodi caratterizzati da volatilità ridotte;

  • Su tutti i comportamenti del prezzo: sui supporti e resistenze il prezzo può reagire superandoli oppure rimbalzandovi.

Quando il prezzo rimbalza hai una occasione di entrata a mercato tanto forte quanto una rottura del supporto o della resistenza. Il primo è un segnale di continuazione, il secondo, invece, di inversione;

Strategia Pivot Point con i CFD

Con i CFD la strategia cambia leggermente, pur mantenendo le sue caratteristiche peculiari.

Rispetto alle Opzioni FX, infatti, i CFD prediligono un’operatività intra-day, motivo per cui il time frame andrà impostato su 30 minuti o 1 ora.

Abbiamo visto che i gruppi di Pivot Point sono 3, ma il punto Pivot centrale è quello che conta di più ed è anche quello che va a definire la funzione ed il ruolo degli altri punti visualizzati sul prezzo.

Osserva questa immagine tratta dal grafico di eToro (visita il sito ufficiale) per fartene un’idea più chiara:

Individuazione dei segnali della strategia sul grafico del prezzo

In base al comportamento del grafico del titolo in relazione ai Pivot Point, si può:

  • Entrare long sul mercato, quando il la candela presa in considerazione apre al di sopra del punto Pivot centrale. Si tratta, infatti, di un chiaro segnale rialzista;
  • Entrare short sul mercato: allo stesso modo è possibile investire bene aspettandosi un andamento al ribasso del prezzo. Se il mercato apre al di sotto del punto Pivot centrale, sarà lecito aspettarsi un trend ribassista;

Come abbiamo visto è possibile calcolare 6 Pivot Point (sette se si considera quello centrale).

Ognuno di essi risulta essere particolarmente utile, ma alla fine quelli che più di ogni altro devi tenere in considerazione sono R1 ed S1.

In pratica, se desideri speculare sfruttano di Pivot Point devi mettere in conto che sarà necessario prevedere un punto di inversione del mercato o Breakout osservando i punti R1 ed S1.

Il trend indicato da altri livelli di Supporti e Resistenze, infatti, vanno ad indicare i livelli di iper-comprato e iper-venduto del titolo. Questi livelli attestano la fine e non l’inizio di un trend.

Entrare sul mercato in occasione di quelli è particolarmente rischioso e ti sconsigliamo caldamente di non farlo.

Consigli operativi per la strategia Pivot Point

Tra i diversi mercati sui quali potresti scegliere di utilizzare i Pivot Point, ti consigliamo in modo particolare il Forex.

È proprio sul Forex che questi livelli si dimostrano molto affidabili, specialmente se ti trovi ad operare negli orari di apertura delle Borse di riferimento per ambo le valute della coppia in questione. Se, ad esempio, operi sulla coppia EUR/USD, devi sapere che:

  • La NYSE (New York Stock Exchange) è aperta dalle 15:30 alle 22:00 (orario italiano);
  • Piazza Affari, invece, è aperta dalle 9:00 alle 17:30;

Di conseguenza il momento più indicato per operare sulla coppia EUR/USD è quello compreso tra le 15:30 e le 17:30 (ore italiane).

Di grande rilevanza, come sempre, è capire il punto giusto dove piazzare lo Stop Loss.

Se con le Opzioni FX non hai di questi problemi ed alla scadenza esci automaticamente dal mercato, quando parliamo di CFD, per salvare il tuo capitale dalle perdite impreviste, devi impostare bene lo Stop Loss.

Si tratta di un comando che provvede a chiudere immediatamente la posizione una volta che l’asset in questione tocca un determinato livello di prezzo. Si dice Stop Loss proprio in quanto il livello di prezzo in questione corrisponde alla perdita che sei disposto ad affrontare.

Operando con i Pivot Points, lo Stop Loss va impostato alcuni pips al di sotto di S1 o alcuni pips al di sopra di R1 in base a come stai per aprire la tua posizione a mercato.

Ti consigliamo di approfondire questo aspetto fondamentale della gestione del rischio sul manuale di Investous (clicca qui): senza una buona gestione del rischio, infatti, potresti annullare del tutto le potenzialità del tuo investimento.

Con chi investire con la strategia Pivot Points: le migliori piattaforme

Adesso sai come investire con questa strategia particolare, sai a quali titoli applicarla e come. Ti abbiamo, inoltre, esposto anche alcuni consigli operativi particolari.

Rimane, tuttavia, ancora un interrogativo da esaudire: con quale broker investire? Quali sono le migliori piattaforme per applicare la strategia Pivot Points?

eToro: investire con il Copy Trading

eToro (visita il sito ufficiale) è un broker apprezzato sia dai trader professionisti che dai principianti. eToro, infatti, ha rivoluzionato il settore del trading online con l’introduzione di uno strumento vantaggioso per entrambi.

Con il Copy trading di eToro, infatti, un trader principiante può copiare gli investimenti realizzati da un professionista che opera sulla piattaforma. In questo modo potrà ottenere profitti proporzionali ai suoi anche se vi è una grossa disparità di conoscenze.

Il professionista, dal canto suo, riceve da eToro dei bonus di trading proporzionali al numero di followers raggiunto.

Il broker, inoltre, si distingue per una delle migliori offerte per investire sul mercato azionario: da CFD fino all’acquisto diretto, investendo in azioni su eToro potrai contare su una disponibilità di titoli a dir poco sconfinata.

Investous: investire con i segnali di trading

Investous (visita il sito ufficiale) è una delle migliori piattaforme da affiancare alla strategia dei Pivot Points.

Investous, infatti, ti comunica ogni giorno e senza alcun costo aggiuntivo degli utilissimi segnali di trading. Si tratta di analisi ausiliarie, realizzate da Trading Central. Con i segnali di Investous potrai fare affidamento su altre valide informazioni per valutare e perfezionare il tuo investimento.

Il broker, inoltre, così come eToro per il mercato azionario, ti permette di disporre di una delle offerte più complete sul trading in criptovalute.

Si tratta di un mercato particolarmente interessante sul quale i Supporti e le Resistenze permettono di ottenere risultati a dir poco interessanti.

IQ Option: investire con le Opzioni FX

IQ Option (visita il sito ufficiale) è il broker che ha avuto il merito di aver ripensato e reintrodotto sul mercato europeo uno strumento finanziario importantissimo: le Opzioni FX.

Le Opzioni FX di IQ Option ti permettono di accedere a soluzioni di trading diverse e decisamente innovative, ideali per mettere in pratica la strategia Pivot Points.

Nel caso in cui, prima di lanciarti a capofitto nel vivo dell’azione, desideri familiarizzare con i mercati, IQ Option ti mette a disposizione uno dei migliori conti demo disponibili sul mercato.

Il conto demo di IQ Option, illimitato e gratuito, è la soluzione ideale per fare pratica a rischio zero.

Strategia Pivot Points: considerazioni finali

In conclusione, adesso puoi contare su tutte le informazioni utili ad investire con la strategia dei Pivot Points. Sia che tu preferisca operare con i CFD sia che, invece, preferisci dedicarti alle Opzioni FX, vi è una cosa da tenere a mente.

Fai sempre e solo trading online sicuro e affidabile con le piattaforme che ti abbiamo consigliato.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Quanto puoi guadagnare con le opzioni binarie?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: